Cerca e trova immobili

LOCARNORadio Ticino lancia la sua TV: «Guardare la radio, ma in modo diverso»

03.10.21 - 21:50
Da domani Radio Ticino accenderà le telecamere sul proprio studio radiofonico.
RFT
Radio Ticino lancia la sua TV: «Guardare la radio, ma in modo diverso»
Da domani Radio Ticino accenderà le telecamere sul proprio studio radiofonico.
Il canale sarà visibile anche su Tio.ch. Il direttore Matteo Vanetti: «L'idea dei videoclip è nata durante il lockdown. Abbiamo fatto passare migliaia e migliaia di canzoni, prendendo ogni singolo brano presente in archivio».

LOCARNO - Guardare la radio sì, ma in maniera diversa. Domani, lunedì 4 ottobre, Radio Ticino lancerà il suo canale TV (sarà presente anche su Tio). Accenderà le telecamere sul proprio studio radiofonico. Ma lo farà in maniera particolare. I protagonisti assoluti - ancora più degli animatori - saranno infatti i videoclip delle canzoni. Un’idea, quella messa in pratica dall’emittente locarnese, nata durante il lockdown e che va un po’ più in là della tradizionale convergenza tra radio e televisione. «L'idea di mettere una videocamera che riprendesse senza interruzioni gli speaker ci sembrava inutile. Avevamo fatto questo esperimento già nel 1999», ci spiega il Direttore Matteo Vanetti. 

«La radio non è il Grande Fratello» - La novità è stata quindi presto accantonata. «Ci sembrava noioso e poco interessante indugiare sullo speaker prima e dopo il suo intervento. La radio non è il Grande Fratello». Per Vanetti quella non era una soluzione interessante, benché molte radio, anche in Svizzera, la utilizzino. «È statica, incompleta e soprattutto noiosa. Dopo due minuti chi guarda si è già stufato. Volevamo che sullo schermo passassero i videoclip musicali e che lo speaker fosse ripreso solo quando effettivamente parla al microfono».  

La scintilla durante la pandemia - La lampadina di questa nuova idea si è accesa durante il lockdown. Una scintilla nel buio pandemico. Un lavoro titanico. «Ogni canzone ha il suo videoclip originale», ci racconta il direttore. «Durante la pandemia, avendo meno cose da fare e meno eventi, abbiamo fatto passare migliaia e migliaia di canzoni, prendendo ogni singolo brano presente in archivio».

Le notizie di Tio - Un lavoro certosino durato quasi due anni che ha portato al progetto che verrà lanciato domani. Oltre ai videoclip, agli speakers e ai giornalisti, sullo schermo compariranno anche - in tempo reale e 24 ore su 24 - le notizie di Tio. «Questo per intrattenere ma anche aggiornare chi sintonizzerà il canale sul proprio decoder come sottofondo nel proprio salotto o in un locale pubblico».

Chicche mai viste - Ma al centro di tutto rimangono la musica e i videoclip. «Un ritorno a quella che era MTV dei tempi d'oro», sottolinea Vanetti. «Intendiamo offrire a chi ci segue in TV quei video musicali che magari non hanno mai potuto vedere se non andandoli a cercare in rete. Dalle ultime hit, passando dalle poco conosciute produzioni delle nostre band locali o svizzere, fino ad arrivare a delle vere e proprie chicche mai viste prima sul grande schermo. Reperti storici dei grandi classici della musica.»».

«Rimaniamo una radio» - Vanetti è comunque un direttore felice e soddisfatto. «La radio in questi ultimi mesi sta facendo numeri strabilianti. Questo nuovo progetto non può che confermare i risultati e, anzi, darà un modo in più per seguirci agli utenti». Programmi specifici per la TV non ne verranno però pensati: «Come dico sempre agli speaker siamo e rimaniamo una radio, benché con questo progetto si strizzi l’occhio al pubblico televisivo. Abbiamo però pensato a una colonna sonora per la sera che possa sposarsi bene anche con il pubblico del grande schermo», precisa il direttore. «Ci tengo però a sottolineare che il canale è stato pensato principalmente come nuovo modo per ascoltare la radio».

Un modo in più - Un mezzo che si aggiunge ad altri già esistenti come il DAB, il sito, l'App, oppure uno smart-speaker. «Il nostro core-business resta comunque il lavoro radiofonico», conclude Vanetti. «Questo canale ci darà però nuova linfa ed è un premio per tutti i nostri dipendenti che hanno lavorato così duro per raggiungere questo obiettivo».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE