«Borradori logorato e indebolito dalla questione Macello»
Ti-Press
Uno dei tanti momenti "delicati" degli scorsi mesi.
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
Camion bloccato manda il traffico cittadino in tilt
Disagi alla circolazione su Viale Franscini a causa di un mezzo pesante troppo alto per passare sotto al semaforo.
CANTONE
2 ore
Prime valutazioni per la civica a scuola
A due anni dall'entrata in vigore della modifica di legge, il Governo ha approvato il primo Rapporto di valutazione.
CANTONE
3 ore
In Ticino 25 nuovi contagi. I ricoverati restano 8
Attualmente due persone si trovano in cure intense a causa del Covid.
MENDRISIO
4 ore
Treni fermi e Fiore chiuso
Il prossimo weekend si potrà salire sul Generoso solo a piedi e non ci si potrà rifocillare al caldo.
CANTONE
4 ore
Pochi funghi, 14 intossicati
Non è stata una stagione felice per gli appassionati in Ticino. Anche dal punto di vista sanitario. 
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
LUGANO
7 ore
«Cornaredo fa paura perché gli appartamenti in centro non sono più funzionali»
PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.
FOTO
CANTONE
14 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
14 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
LUGANO
24.08.2021 - 06:310
Aggiornamento : 13:14

«Borradori logorato e indebolito dalla questione Macello»

Ad affermarlo è Franco Denti, presidente dell’Ordine dei medici: «Il suo non era più uno stress positivo».

«La sera prima dell’arresto cardiaco l’avevo incontrato a Locarno. Era stanco. Così come era stanco da settimane. In Ticino si fanno troppi linciaggi. È capitato anche a me».

LUGANO - Sono ancora tante, tantissime, le domande sulla morte del sindaco di Lugano, Marco Borradori. «La mia sveglia di regola suona alle 6.30 - aveva raccontato qualche anno fa lo stesso Borradori a Tio/20Minuti - e non sono mai a casa prima delle 23». Sì. Perché un politico è spesso come su un treno in corsa in cui ci sono poche stazioni. Le settimane sono sature d'impegni. «Ma va fatta una distinzione – sostiene Franco Denti, presidente dell'Ordine dei medici ticinesi ed ex granconsigliere –. C'è lo stress positivo che ti permette, sulle ali dell'adrenalina, di reggere tante cose. E poi c'è quello negativo, che ti annichilisce. Io li ho vissuti entrambi e so di cosa parlo».

Quando ha visto Borradori per l’ultima volta?
«La sera prima dell’arresto cardiaco a Locarno. Era stanco. Così come appariva stanco da settimane».

Il suo amico Andrea Leoni al funerale ha fatto un chiaro riferimento alla questione dell’ex Macello. Da medico come la vede?
«Non voglio azzardarmi a dire che Borradori sia morto a causa di quello. Ma ha sicuramente avuto un peso sul suo stato di salute psicofisico generale. Gli è piombato addosso qualcosa di diverso, d'imprevisto. Improvvisamente si è ritrovato colpevolizzato a priori e indifeso».   

Prima ha accennato alla sua esperienza personale. A cosa si riferiva?
«Nel 2019 quando mi sono ricandidato per la terza volta per il Gran Consiglio qualcuno mi fece i conti in tasca. Sostenendo che guadagnassi troppo. Sono stato demolito. Tritato. Quando passi sui giornali come un ladro senza avere rubato neanche un centesimo è orribile. Mollai anche la campagna elettorale. Non aveva più senso continuare per me. Borradori non poteva lasciare, ma si vedeva che soffriva per il fatto di non essere creduto. Si fanno davvero troppi linciaggi in Ticino».

La giustizia doveva fare luce sulle dinamiche dell’abbattimento del Molino. O no?
«Certo. Succede spesso così. Al processo poi salta fuori che uno è innocente, ma intanto è stato attaccato sul personale per mesi e mesi. La gente così si logora». 

Borradori però era un politico navigato, con le spalle larghe almeno in apparenza.
«Era uno schietto. Non amava i sotterfugi e neanche la cultura del sospetto. Voleva sempre essere trasparente. Solo che in questa società mediatizzata una volta che finisci nel tritacarne è dura uscirne. Senza contare l’effetto devastante dei social network». 

Un politico oggi deve essere pronto anche a questo?
«In realtà è la società che dovrebbe cambiare atteggiamento. Il rispetto deve sempre esserci, anche nella critica. E non mi sta neanche bene sentire che "sono le regole del gioco". Non dimentichiamo che tanta gente è andata a urlargli cose orribili sotto casa. Questo non è giocare in maniera pulita. Borradori è stato letteralmente travolto da un’ondata di negatività. Faceva la sua parte pirandelliana, ma non era più quello di prima».  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 13:12:50 | 91.208.130.85