Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
3 ore
Camion bloccato manda il traffico cittadino in tilt
Disagi alla circolazione su Viale Franscini a causa di un mezzo pesante rimasto bloccato in seguito a una panne
CANTONE
3 ore
Prime valutazioni per la civica a scuola
A due anni dall'entrata in vigore della modifica di legge, il Governo ha approvato il primo Rapporto di valutazione.
CANTONE
3 ore
In Ticino 25 nuovi contagi. I ricoverati restano 8
Attualmente due persone si trovano in cure intense a causa del Covid.
MENDRISIO
4 ore
Treni fermi e Fiore chiuso
Il prossimo weekend si potrà salire sul Generoso solo a piedi e non ci si potrà rifocillare al caldo.
CANTONE
4 ore
Pochi funghi, 14 intossicati
Non è stata una stagione felice per gli appassionati in Ticino. Anche dal punto di vista sanitario. 
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
LUGANO
7 ore
«Cornaredo fa paura perché gli appartamenti in centro non sono più funzionali»
PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.
FOTO
CANTONE
14 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
15 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
21 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
22 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
CADENAZZO
23 ore
Risparmio "green" con Acquì
Il progetto promuove il consumo dell'acqua di rubinetto.
CANTONE
1 gior
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
MURALTO
09.07.2021 - 21:500
Aggiornamento : 10.07.2021 - 10:14

Così due ragazze hanno salvato una vita

La storia di un salvataggio di una bagnante priva di sensi, avvistata da due giovani sul lungolago a Muralto

Il gesto premiato di recente dalla Fondazione Carnegie. L'analisi di Franco Denti, che rappresenta il Ticino.

MURALTO - È una calda serata del luglio 2019. Due ragazze ticinesi stanno cenando insieme in un ristorante sul lungolago di Muralto. A un certo punto notano una forma simile a una sagoma umana che galleggia sul Verbano. Una delle giovani ha la prontezza d'inquadrarla con lo zoom del telefonino. In acqua c’è un’anziana nuotatrice svenuta.

Le due ragazze, Aline Brizzi di Ascona ed Elisa Colusso di Origlio, qualche settimana fa sono state premiate dalla Fondazione Carnegie per il loro eroico salvataggio. Il tema torna d'attualità dopo i recenti annegamenti nei laghi ticinesi. Tio/20Minuti ne ha parlato col dottor Franco Denti, rappresentante ticinese della Fondazione Carnegie per i salvatori di vite umane. 

Cosa l'ha colpita di questa storia? 
«Il fatto che in mezzo alla folla che gremiva le rive del Verbano, solo due persone si siano rese conto della gravità della situazione e, senza indugio, abbiano interrotto la cena, gettandosi nel lago vestite, per riportare l’anziana signora a riva, da dove è stata elitrasportata in ospedale e rianimata».

Le due improvvisate salvatrici, svegliandosi quella mattina certamente non avrebbero mai immaginato che entro al tramonto del sole avrebbero salvato una vita umana.
«Sono entrate così nel novero degli 8'612 eroi premiati in Svizzera dal 1912. Veri salvatori di vite umane».

Quest'anno sono stati 35 i premiati complessivi, comprese le due ragazze. Ci parli di questa Fondazione...
«Dipende dal Dipartimento Federale dell’Interno. Tra i nostri compiti rientra l’esame dei salvataggi notificati in Svizzera, per premiare ogni anno più persone meritevoli. Il fondatore, Andrew Carnegie lasciò la nativa Scozia con la sua famiglia nel 1848 e si trasferì negli USA, per sfuggire alla miseria».

E poi?
«Aveva appena 13 anni e fu subito assunto come operaio in un cotonificio, partendo da uno stipendio iniziale di un dollaro e 20 al mese. Dopo il lavoro studia alle scuole serali. A 25 anni occupa il posto di sorvegliante capo del dipartimento ovest delle ferrovie della Pennsylvania. Contemporaneamente si occupa di petrolio e di metallurgia e all’inizio della guerra di Secessione nel 1861 procura agli Stati nordisti vagoni destinati a scopi militari e assicura le comunicazioni telegrafiche».

Un'escalation insomma.
«Nel 1892, Andrew Carnegie, “il re dell’acciaio”, possedeva quasi tutto l’acciaio d’America e si contendeva il titolo di uomo più ricco del mondo con altri quattro “titani” dell'epoca».

Carnegie è anche noto per essere stato un grande mecenate.
«Nel 1901, a 65 anni, decise di ritirarsi dagli affari, per dedicare la sua immensa fortuna ad attività filantropiche, vendendo le sue società al banchiere J.P. Morgan per 480 milioni di dollari e trattenendo per sé una rendita di 50.000 dollari all’anno. Per il resto, la sua immensa fortuna fu devoluta in borse di studio e dedicata alla costruzione di Università, biblioteche, musei, teatri. A oggi il valore del patrimonio delle varie Fondazioni di Carnegie ammonta a circa 75 miliardi di dollari».

Ma come si è arrivati alla fondazione attiva in Svizzera?
«Alla vigilia della Prima guerra mondiale, Carnegie decise d'impiegare una parte dei propri beni, per creare in Svizzera e in altri 10 Paesi la fondazione per i salvatori di vite umane. Gli era chiaro come l’atto eroico fosse la scelta di un momento: essere nel posto giusto, al momento giusto e fare la cosa giusta. Se l’orrore delle carneficine belliche richiamava sangue e distruzione, promuovere l'esatto opposto conferiva al singolo individuo il massimo potenziale per contrapporsi all’imminente catastrofe».

L’esempio delle due amiche ticinesi possiamo definirlo “un miracolo della proattività”.
«La donna salvata da annegamento sicuro si trovava a un centinaio di metri dalla riva di un lungolago affollato. Se tra tanta gente, non vi fosse stata quell’unica persona capace di fare un’ipotesi con la propria fantasia (“e se fosse una persona in difficoltà?”), se quella stessa persona non si fosse presa la briga di un secondo sguardo più approfondito per verificare la sua ipotesi, in questa storia non ci sarebbero né eroi, né salvatori, né salvati, né un’anziana signora che oggi può raccontare con sollievo la brutta avventura, sorseggiando il té con le amiche. In un mondo frenetico e distratto, questa storia ci parla di tutta la differenza che può fare un secondo sguardo, alzando gli occhi dalla costina nel nostro piatto e “zoomando” verso il nostro prossimo».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 13:54:46 | 91.208.130.86