Molla tutto e va a vivere “sciallamente” in Costarica
Foto di Davide Giordano
TENERO
20.07.2021 - 08:020
Aggiornamento : 16:04

Molla tutto e va a vivere “sciallamente” in Costarica

Nicole Badasci, 39enne verzaschese, è un esempio di come si possano spaccare gli schemi. Guarda il video.

La sua grigia quotidianità in ufficio non le piaceva più. E così questa giovane donna vola dall’altra parte del mondo. Dove ogni anno cambia lavoro. Ogni estate torna in Ticino per fare la barista in spiaggia.

TENERO - Non ce la faceva proprio più a starsene per otto ore al giorno in ufficio. La sua grigia quotidianità la deprimeva. E un giorno il vaso è traboccato. Nicole Badasci, 39enne verzaschese di Frasco, oggi vive in Costarica, a Sámara, per otto mesi all’anno. Torna in Ticino solo in estate, per fare la barista al bagno pubblico di Tenero (l'intervista è stata realizzata pochi giorni prima del maltempo che ha travolto la struttura). «Per il resto casa mia è dall’altra parte del mondo. E cambio lavoro ogni anno. Dalla ricezionista d’albergo alla cameriera».

Allegria e felicità – La scintilla per questa spumeggiante 39enne, con la mappa del mondo tatuata sulla schiena, scocca cinque anni fa, dopo un viaggio in Africa. «Mi è sempre piaciuto viaggiare. Fa parte del mio istinto. Ho sempre voluto andare via, anche se il Ticino lo amo. Soprattutto non riuscivo più a stare negli schemi del "sistema". Quando in seguito a un nuovo viaggio, ho scoperto come si vive in Costarica ho deciso che non sarei mai più tornata indietro. Laggiù sono tutti più “scialli”, c’è allegria, si è felici. C’è lo stile di vita che è completamente diverso dal nostro. Anche la pandemia è stata vissuta in maniera differente. C’è stato il lockdown iniziale, come dappertutto, e non era tanto bello ovviamente. Ma per il resto in seguito la vita è andata avanti. Non si è più chiuso praticamente niente».

Lavorare, mangiare, dormire – Della sua esistenza precedente Nicole ricorda in particolare la monotonia. «Non ce la facevo proprio più. Lavorare, mangiare, dormire. Mi alzavo alle 6 di mattina e andavo a Grancia. Un giorno ho davvero deciso di mollare tutto. Cosa dicono i miei conoscenti? In generale sono tutti un po’ gelosi. Mi ammirano anche. In realtà quello che faccio io lo potrebbe fare quasi chiunque».

Nel segno del minimalismo – La 39enne, quando rientra in Ticino, soggiorna da suo fratello a Minusio. Nessuna intenzione però di rimanere in Europa. «Macché. Ho imparato veramente a vivere giorno per giorno. Senza più piani, senza preoccupazioni. Sono anche diventata molto più minimalista. Con poco si può vivere benissimo. Tra dieci anni vorrei essere ancora libera e felice. Una famiglia? Ho già 39 anni. Però non si sa mai. Magari mi innamoro. Ovunque dovessi incontrare l’eventuale ometto, me lo porterei in Costarica comunque».

Foto di Davide Giordano
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 14:41:41 | 91.208.130.86