deposit
CANTONE
01.07.2021 - 10:160

Un terzo delle donne è vittima di molestie sul lavoro

La proposta dell'iniziativa “PMI Azione+ alle piccole e medie imprese.

L'intento è quello di agire concretamente per prevenire le violazioni dell’integrità personale.

BELLINZONA - Un ambiente di lavoro rispettoso e privo di molestie sessuali e psicologiche e di discriminazioni è l’auspicio di ogni azienda o organizzazione. In occasione dei 25 anni dall’entrata in vigore della Legge federale sulla parità dei sessi (LPar), il Servizio per le pari opportunità, in collaborazione con il Laboratorio di psicopatologia del lavoro e l’Ufficio dell’Ispettorato del lavoro, propone alle PMI della Svizzera italiana l’iniziativa “PMI Azione+”, un progetto di prevenzione delle violazioni dell’integrità personale sul posto di lavoro

Uomini e donne - In Svizzera il 99% delle aziende e organizzazioni sono di piccole e medie dimensioni e impiegano oltre 2/3 della forza lavoro. Dal 1996, la Legge federale sulla parità dei sessi (LPar) vieta le discriminazioni tra donna e uomo nelle relazioni di lavoro: dall’assunzione, alla retribuzione, alla formazione continua, al licenziamento fino alle molestie sessuali. Eppure, dalle ricerche emerge che 1/3 delle donne e 1 uomo su 10 sono stati vittime di molestie sessuali o sessiste sul lavoro almeno una volta nella loro carriera. Questo vale per tutte le aziende, indipendentemente dalle loro dimensioni.

Un ambiente di lavoro rispettoso è anche meno costoso - Gli studi dimostrano che da un ambiente di lavoro rispettoso derivano numerosi vantaggi per le aziende e le organizzazioni: miglioramento dell’immagine e dell’attrattività, incremento della soddisfazione e del rendimento del personale, riduzione dell’assenteismo e risparmio sui costi.

Le PMI che desiderano implementare i dispositivi di prevenzione per contrastare le violazioni dell’integrità personale sono spesso confrontate con l’ostacolo del tempo e dei costi. Per questi motivi i servizi cantonali, attraverso il progetto “PMI Azione+” e grazie agli aiuti finanziari dell’Ufficio federale per l’uguaglianza fra donna e uomo, offrono gratuitamente alle PMI che aderiscono al programma, consulenza e formazione sul tema della prevenzione delle violazioni dell’integrità personale alle direzioni, al personale dirigente, ai collaboratori e alle collaboratrici ed un accompagnamento individualizzato nell’elaborazione di strumenti di prevenzione e regolamenti aziendali.

Per aderire al progetto “PMI Azione+” è sufficiente inviare una e-mail all’indirizzo pariopportunita@ti.ch oppure annunciarsi telefonicamente allo 091 814 45 00.

Attraverso il progetto pilota l’Amministrazione cantonale intende rafforzare la prevenzione nel settore delle violazioni dell’integrità personale. Agite con noi concretamente per promuovere un ambiente di lavoro sano e rispettoso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 08:49:16 | 91.208.130.87