Dipartimento del territorio
Il 7 ottobre a Camedo si sono staccati circa 2'000 metri cubi di rocca e terra che hanno bloccato la strada delle Centovalli.
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
Polo sportivo, ecco cosa accadrà da domani
Tutte le prossime tappe che porteranno alla costruzione del nuovo stadio e dell'intero progetto
CANTONE
2 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
2 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
FOTO
CANTONE
7 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Tre temi federali e il PSE: ancora poche ore per votare
Fino a mezzogiorno sarà possibile recarsi alle urne per esprimere la propria opinione sui tre oggetti federali.
FAIDO
18 ore
«Da sola non ce l'avrei mai fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
1 gior
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
1 gior
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
1 gior
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
1 gior
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
CANTONE / SVIZZERA
16.06.2021 - 14:360
Aggiornamento : 18:08

I danni del maltempo? Soprattutto in Ticino e a Lucerna

Il 2020 rientra fra i dieci anni con meno danni. I costi complessivi aumentano a quaranta milioni di franchi

BERNA - È da quarantanove anni che in Svizzera si raccolgono dati sui danni dovuti a piene, colate detritiche, slittamenti e processi di crollo. E il 2020 rientra fra i dieci anni in cui ne sono stati registrati meno. Dei complessivi quaranta milioni di franchi di danni, l'82% è dovuto a piene, ruscellamenti superficiali e colate detritiche. I danni riconducibili a slittamenti (10%) e processi di crollo (8%) sono stati relativamente pochi, ma la loro percentuale sul totale dei costi dello scorso anno è stata tuttavia superiore alla media, come fa sapere oggi l'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL).

Ma come si spiega un totale dei danni più basso del solito? Da un lato, spiega ancora il WSL, visti i lunghi periodi di siccità ci sono stati pochi danni dovuti alle condizioni meteorologiche, dall’altro le misure tecniche e organizzative contro i pericoli naturali hanno dimostrato la propria efficacia impedendo o perlomeno limitando i danni.

La metà dei danni in sei giorni - La maggior parte dei costi (e si parla di oltre la metà) è stata causata da piene dovute a temporali o piogge persistenti durante i mesi estivi, che hanno interessato ripetutamente in particolare la regione di Lucerna e il Ticino.

Per quanto riguarda il Ticino, si parla di due eventi in particolare. Il 7 giugno, soprattutto nel distretto di Lugano le precipitazioni temporalesche hanno causato allagamenti di cantine e strade. Molto maggiori sono poi state le conseguenze delle abbondanti precipitazioni del 28 agosto in Ticino e nelle regioni confinanti dei Grigioni, che hanno dato origine a inondazioni, slittamenti e cadute di sassi.  A Bissone e Gambarogno è stato necessario evacuare diverse case. In molti luoghi ci sono state interruzioni e limitazioni della circolazione stradale e ferroviaria, dozzine di persone sono inoltre rimaste isolate.

Nell’area di Lucerna, i violenti temporali del 26 giugno e dei primi due giorni di luglio hanno prodotto danni notevoli, generalmente causati da inondazioni dovute al ruscellamento superficiale. Le masse d’acqua hanno inondato cantine, garage sotterranei e sottopassaggi. Nella città di Lucerna, gli appartamenti di una casa plurifamiliare nel quartiere di Würzenbach sono stati devastati dai flutti del Gerlisbergbach e ci sono state interruzioni del traffico a causa delle strade allagate. Notevoli sono stati i danni anche a Ruswil, dove diversi torrenti hanno rotto gli argini.

Piogge da record, ma pochi danni - Le misure di protezione adottate nel nostro paese e la preparazione delle forze d'intervento si sono mostrate particolarmente efficaci lo scorso autunno, quando sul paese si è abbattuto il ciclone Brigitte con piogge da record. I danni sono infatti stati limitati.

Nel Canton Uri, per esempio, l’autostrada è stata chiusa, e tra Attinghausen e Flüelen il fiume alluvionale Reuss è stato convogliato sulla A2 tramite lo scaricatore di piena. In questo modo è stato possibile risparmiare alla regione alluvioni su vasta scala. A Diesbach e Bettschwanden (GL) il rapido intervento dei pompieri ha impedito che le masse di detriti del Diesbach in piena travolgessero i paesi. Anche a Locarno tutti erano preparati e l’area nelle vicinanze del lago è stata evacuata già il giorno prima delle inondazioni.

Un decesso - In ottobre, a Finhaut (VS) una persona ha perso la vita perché la sua auto è stata colpita dalla caduta di massi. Per quanto riguarda il 2020 si è trattato dell’unico decesso causato dai processi presi in considerazione.

Corpo pompieri dell Città di Lucerna
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 18:07:39 | 91.208.130.89