Immobili
Veicoli
foto lettore
Uno dei vini all'asta
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
33 min
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
1 ora
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
2 ore
Rinnovato il CCL dell'Autolinea Mendrisiense
Si tratta di un contratto collettivo «solido e garante di buone condizioni di lavoro», sottolineano i sindacati.
CANTONE
2 ore
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
CADENAZZO
2 ore
Due mesi di cantiere sulla strada del Monte Ceneri
Il risanamento della pavimentazione della strada cantonale si svolgerà tra il 31 gennaio e fine marzo.
CANTONE
6 ore
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
CANTONE
6 ore
Figlio in ospedale? C'è chi ti porta da mangiare gratis
Questo lo scopo dell'associazione che, ora, cerca volontari nel Bellinzonese: «Abbiamo delle famiglie da aiutare»
CANTONE
12 ore
Il «bellissimo gioco» che ti fa perdere 1300 franchi
Il meccanismo è quello del noto "schema Ponzi": piramidale e senza reale possibilità di vincere
CANTONE/CONFINE
14 ore
Senza peli sulla lingua: «Il Green Pass avrà un impatto»
La testimonianza di uno storico parrucchiere e il parere del sindaco Mastromarino
LUGANO
16 ore
Pugni al Parco Ciani, in due in ospedale
La colluttazione è avvenuta attorno alle 18.30. Sconosciute per il momento le cause e la dinamica dei fatti
CANTONE
13.04.2021 - 06:090

Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»

Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti

LUGANO - Non è tutto oro quel che ha un'etichetta francese e un'annata prestigiosa. Il 26 marzo a Caslano circa 1200 bottiglie di Bordeaux sono state messe all'asta dal Cantone, a seguito del fallimento di un'azienda importatrice di vini. Ma chi si è aggiudicato il prezioso incanto è rimasto con l'amaro in bocca. 

Così almeno è stato, per l'acquirente di uno dei dieci lotti da 120 bottiglie, battute per 2100 franchi dal funzionario dell'Ufficio di esecuzione. «Ho voluto fare quest'acquisto per rifornire un po' la mia cantina» racconta l'intenditore. «Una volta a casa però, ho fatto la brutta scoperta»

Lo Chateau Bel Air Marquis D'Aligre, annata 1996, dovrebbe essere un vino «perfettamente equilibrato, molto concentrato, con una struttura tannica gustosa e raffinata e una grande quantità di frutta» secondo le recensioni enologiche reperibili sul web. Ma per lo sfortunato compratore il gusto è stato tutt'altro. Le bottiglie una volta aperte «avevano un odore inequivocabile di andato a male, i tappi internamente erano tutti marciti, e il vino era letteralmente imbevibile» racconta. 

Dopo avere aperto una ventina di bottiglie «tutte nelle medesime condizioni» l'acquirente ha gettato la spugna, convincendosi di avere fatto un pessimo affare. Si dice comunque «deluso e sorpreso» che il Cantone non conduca delle verifiche sulle merci deperibili, prima di metterle all'asta. «Trattandosi di un incanto pubblico, si può mettere in conto che qualche bottiglia sia andata a male, ma così è davvero troppo». 

All'Ufficio esecuzione (UE) del Cantone, tuttavia, non sono pervenute altre lamentele. In sede d'asta, ricordano dall'UE, ogni acquirente firma un verbale d'incanto «in cui è indicato espressamente che sui beni acquistati non vige alcuna garanzia». Le aste giudiziarie comportano di per sé un margine di rischio, assieme a una possibilità di risparmio, sottolinea il direttore Fernando Piccirilli. «La legislazione in materia è molto chiara riguardo le garanzie, sia per i beni mobili che immobili». Le condizioni d'asta pubblicate prima dell'incanto lo ribadiscono, e «ogni contestazione appare quindi pretestuosa e infondata».

Appassionati avvisati, mezzo salvati. Il deterioramento dei vini «è una questione delicatissima» e il consiglio degli esperti è di affidarsi a filiere verificate. «In caso di vini stranieri, l'ideale è rivolgersi a enoteche di provata serietà oppure, chi può, direttamente al produttore» sottolinea l'enologo momò Mauro Ortelli. Determinanti sono l'ambiente di conservazione e la temperatura: la regola d'oro è quella dei 13 gradi ma «vanno monitorate attentamente anche le condizioni di umidità» ricorda l'esperto. «Nell'ambito di procedure fallimentari che possono durare mesi o anni, con vari passaggi di mano, il rischio che questo equilibrio salti aumenta notevolmente - conclude Ortelli - e il consumatore deve esserne consapevole». 

Le aste di vini rari sono una rarità, in Ticino, ma capitano. Nel 2015 l'Ufficio esecuzione mise all'incanto 74 bottiglie pregiate, per un incasso complessivo di 47mila franchi. A marzo invece l'incasso complessivo è stato invece di 37mila franchi. L'asta è stata l'esito del fallimento di una società di Lugano, la GioGiu Sa, che ha chiuso i battenti a maggio. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 12:38:23 | 91.208.130.85