foto lettore
Uno dei vini all'asta
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
32 min
Biglietti omofobi in ufficio: «Non ti va? Dimettiti»
Discriminazioni in famiglia, sul lavoro, per strada. L'omofobia in Ticino esiste anche se non "fa statistica"
CHIASSO/MENDRISIO
9 ore
Sputi in faccia al controllore sul TiLo
Momenti di tensione ieri sul treno tra Chiasso e Mendrisio. Protagonista un gruppo di giovani
TRESA
12 ore
L'assegnazione dei dicasteri non va giù a Zanetti, che si ritira
L'addio del neoeletto municipale. TresaSotenibile: «Scelte infondate»
CANTONE
12 ore
Ascensione e Pentecoste: possibili code al Gottardo
Viasuisse si aspetta un traffico importante sull’asse nord-sud sia per l’Ascensione che per la Pentecoste.
LUGANO
14 ore
Secondo positivo alle medie, il test è in farmacia
Essendo risultati negativi durante un primo test, i ragazzi non saranno ritestati a scuola
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
15 ore
Scappano dalla polizia, "placcati" sul marciapiede
Quattro giovani sono stati ammanettati dopo un inseguimento, e poi denunciati
CANTONE
17 ore
Resta la “Domenica” senza il “Caffè”: «Vigileremo»
Il domenicale migra verso una nuova realtà. L'ATG: «Guarderemo attentamente questo passaggio di consegne»
FOTO E VIDEO
CANTONE
19 ore
Un incendio nei boschi di Osco? È un'esercitazione
All'operazione ha preso parte, sabato mattina, un'ottantina di soccorritori
SERRAVALLE
19 ore
Olio sulla strada, 5 ore per pulire
Con l'apposito materiale assorbente si è recuperata una striscia d'olio di circa 300 metri
ORIGLIO
20 ore
Devastata nella notte un'ala della scuola Steiner
La direttrice: «Hanno voluto portare distruzione, un gesto fatto con cattiveria»
CANTONE
13.04.2021 - 06:090

Vini all'asta per 37mila franchi: «Imbevibili»

Le bottiglie di Bordeaux messe all'incanto dal Cantone il 24 marzo sono andati a male, secondo uno degli acquirenti

LUGANO - Non è tutto oro quel che ha un'etichetta francese e un'annata prestigiosa. Il 26 marzo a Caslano circa 1200 bottiglie di Bordeaux sono state messe all'asta dal Cantone, a seguito del fallimento di un'azienda importatrice di vini. Ma chi si è aggiudicato il prezioso incanto è rimasto con l'amaro in bocca. 

Così almeno è stato, per l'acquirente di uno dei dieci lotti da 120 bottiglie, battute per 2100 franchi dal funzionario dell'Ufficio di esecuzione. «Ho voluto fare quest'acquisto per rifornire un po' la mia cantina» racconta l'intenditore. «Una volta a casa però, ho fatto la brutta scoperta»

Lo Chateau Bel Air Marquis D'Aligre, annata 1996, dovrebbe essere un vino «perfettamente equilibrato, molto concentrato, con una struttura tannica gustosa e raffinata e una grande quantità di frutta» secondo le recensioni enologiche reperibili sul web. Ma per lo sfortunato compratore il gusto è stato tutt'altro. Le bottiglie una volta aperte «avevano un odore inequivocabile di andato a male, i tappi internamente erano tutti marciti, e il vino era letteralmente imbevibile» racconta. 

Dopo avere aperto una ventina di bottiglie «tutte nelle medesime condizioni» l'acquirente ha gettato la spugna, convincendosi di avere fatto un pessimo affare. Si dice comunque «deluso e sorpreso» che il Cantone non conduca delle verifiche sulle merci deperibili, prima di metterle all'asta. «Trattandosi di un incanto pubblico, si può mettere in conto che qualche bottiglia sia andata a male, ma così è davvero troppo». 

All'Ufficio esecuzione (UE) del Cantone, tuttavia, non sono pervenute altre lamentele. In sede d'asta, ricordano dall'UE, ogni acquirente firma un verbale d'incanto «in cui è indicato espressamente che sui beni acquistati non vige alcuna garanzia». Le aste giudiziarie comportano di per sé un margine di rischio, assieme a una possibilità di risparmio, sottolinea il direttore Fernando Piccirilli. «La legislazione in materia è molto chiara riguardo le garanzie, sia per i beni mobili che immobili». Le condizioni d'asta pubblicate prima dell'incanto lo ribadiscono, e «ogni contestazione appare quindi pretestuosa e infondata».

Appassionati avvisati, mezzo salvati. Il deterioramento dei vini «è una questione delicatissima» e il consiglio degli esperti è di affidarsi a filiere verificate. «In caso di vini stranieri, l'ideale è rivolgersi a enoteche di provata serietà oppure, chi può, direttamente al produttore» sottolinea l'enologo momò Mauro Ortelli. Determinanti sono l'ambiente di conservazione e la temperatura: la regola d'oro è quella dei 13 gradi ma «vanno monitorate attentamente anche le condizioni di umidità» ricorda l'esperto. «Nell'ambito di procedure fallimentari che possono durare mesi o anni, con vari passaggi di mano, il rischio che questo equilibrio salti aumenta notevolmente - conclude Ortelli - e il consumatore deve esserne consapevole». 

Le aste di vini rari sono una rarità, in Ticino, ma capitano. Nel 2015 l'Ufficio esecuzione mise all'incanto 74 bottiglie pregiate, per un incasso complessivo di 47mila franchi. A marzo invece l'incasso complessivo è stato invece di 37mila franchi. L'asta è stata l'esito del fallimento di una società di Lugano, la GioGiu Sa, che ha chiuso i battenti a maggio. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-10 07:04:45 | 91.208.130.87