TiPress - foto d'archivio
CANTONE / CONFINE
02.04.2021 - 12:360

«Ma il Cantone tutela i docenti frontalieri e non i docenti residenti?»

Pellegrini è contrario al «trambusto burocratico» del DECS che invita i docenti frontalieri a farsi vaccinare in Italia

BELLINZONA - L'Italia ha deciso di vaccinare i docenti contro il Covid-19. E - riferisce il presidente di Unione democratica federale (UDF) - la Cancelleria dello Stato ha contattato la Regione Lombardia per sapere se la possibilità venisse estesa anche ai docenti frontalieri che operano in Ticino, per poi invitare (tramite il DECS) i direttori delle scuole cantonali a informarli e farsi vaccinare in quelle strutture (fornendo loro i dati necessari per contattare la Regione e chiedere la vaccinazione).

Un passo che ha reso Edo Pellegrini «piuttosto perplesso», stando alle sue stesse parole. Tanto da presentare un'interpellanza al Consiglio di Stato. Perché, a suo dire, «si è messo in atto un trambusto burocratico». 

«Vi sembra normale - è la domanda con cui si rivolge al Governo - che ci si preoccupi della vaccinazione dei docenti frontalieri quando non è stato messo in atto alcun piano vaccinale per i docenti residenti, nemmeno per quelli con patologie a rischio (senza dimenticare che le regole di distanziamento e mascherina, specialmente durante le pause, vengono applicate un tanto al kg)?».

Dal Consiglio di Stato Pellegrini vuole inoltre sapere «quanti sono stati i docenti cantonali colpiti dal Covid, quanti sono rimasti assenti da scuola e quanti hanno dovuto essere sostituiti e per quanto tempo».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-09 06:15:34 | 91.208.130.89