Rescue
Il corteo di lunedì in stazione
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / ITALIA
5 min
Posso andare in Italia? Sì, ma...
Da domani niente più obbligo di quarantena, ma sarà in ogni caso necessario un tampone negativo.
LOCARNO
9 ore
Santa Chiara-Moncucco: matrimonio ufficiale
I gruppi interessati all'acquisto della struttura locarnese erano tre. Gli azionisti puntano sulla Clinica Luganese.
LOCARNO
12 ore
Locarno, girava armato di coltello in Piazza Castello
I fatti risalgono a sabato scorso. L'uomo dovrà rispondere di infrazione alla Legge federale sulle armi.
CANTONE
14 ore
Un'altra settimana con tanti radar "luganesi"
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 17 al 23 maggio
LOSONE
16 ore
Bus contro un'auto, disagi al traffico
I passeggeri hanno dovuto proseguire a piedi fino alla fermata successiva
CANTONE / ZURIGO
16 ore
Ticinesi molto interessati alle Criptomonete
Gli abitanti della Confederazione figurano al decimo posto al mondo fra i più incuriositi sul tema
CANTONE
17 ore
Il Ticino aiuta Cuba a vaccinarsi
Inviati 10 milioni di siringhe e aghi per aiutare l'isola nella lotta alla pandemia.
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
18 ore
Fiamme nella canna fumaria dell'Albergo Svizzero
L'incendio divampato attorno a mezzogiorno a Capolago è stato rapidamente domato dai Pompieri del Mendrisiotto
CANTONE
18 ore
Jona sta bene, avviso di scomparsa revocato
È stato rintracciato in Italia. Del giovane non si avevano notizie da mercoledì
QUINTO
20 ore
Centesimo anno di attività per la Funicolare del Ritom
Dopo la pausa invernale, dal 22 maggio si potrà nuovamente (e comodamente) raggiungere la regione Ritom-Piora
LUGANO
12.03.2021 - 14:530
Aggiornamento : 15:18

«Ci si vede per strada. Qui siamo e qui restiamo»

Dopo il corteo degli scontri, il CSOA Il Molino prende posizione e parla di «provocazione» e «pretesto»

L'assemblea degli autogestiti smentisce che ci sia stata una carica dei manifestanti contro la polizia e parla di un «tentativo di avviarsi verso l'unico buco lasciato libero dal dispositivo»

LUGANO - «Ci si vede per strada. Qui siamo e qui restiamo» è il finale bellicoso della presa di posizione con cui l'assemblea del Centro sociale il Molino torna sui fatti di alcuni giorni fa in stazione a Lugano. «Quella di lunedì è stata una non-manifestazione partecipata e densa di interventi». Interventi che, per la cronaca, sono ruotati anche attorno agli scontri tra la polizia, in tenuta antisommossa, e i manifestanti. Dopo il preambolo in cui si ricorda l'intento del corteo, contro patriarcato, razzismo e islamofobia, gli autogestiti parlano della sua realizzazione che «è stata resa impossibile. Un dispiego di polizia in antisommossa prevedibilmente provocatorio, ha accolto e circondato fin da subito, in una situazione di nervosismo e di incertezza, le attiviste e i solidali partecipanti».

L'accerchiamento - L'intento della dispositivo di polizia, secondo il CSOA, era di impedire lo svolgersi della manifestazione per le strade di Lugano. «E poco importa il grado di risposta delle persone presenti: da quell’accerchiamento nessuno ne sarebbe dovuto uscire indenne. Sia stato esso un controllo d’identità, una perquisizione, una provocazione. Fino ad arrivare all’ennesimo pretesto per attaccare l’esperienza di autogestione del Centro Sociale».

L'unico buco libero - Gli autogestiti smentiscono che ci sia stata una carica contro la polizia. «Dopo più di un’ora di blocco, il tentativo di avviarsi verso l’unico buco lasciato libero dal dispositivo (circa 70 agenti in assetto antisommossa!), non era nient’altro che la voglia di tornare a respirare e di provare a portare per le strade cittadine le rivendicazioni dell’8 marzo» affermano. La carica, nella lettura di chi ha manifestato, «sono stati i 5 e più passi necessari verso il cordone di polizia, proprio per uscire dall’accerchiamento. E il cui risultato sono state manganellate, spray al pepe e calcioni vari».

Le maniere forti - Secondo gli autogestiti «più donne sono state picchiate, toccate, spintonate, allontanate, insultate, sprayate, manganellate, ammanettate da agenti di polizia maschi. E a una giovane ragazza fermata è stato pure strappato il velo (hijab)!». Una ricostruzione di parte, che riportiamo per dovere di cronaca. 

La concomitanza con il voto - Gli autogestiti non si dicono stupiti per «il trattamento dell’apparato repressivo dello stato, che di fatto ben sappiamo si fonda su controllo e violenza. Così come non ci stupisce l’ennesimo teatrino messo in piedi contro il Molino alla vigilia di ogni campagna elettorale». Sono scene, continuano, già viste in occasione delle precedenti elezioni, «terminate le quali, silenzio assoluto: finché si sta chiusi dentro le mura dell’ex macello, senza disturbare la città vetrina, tutto fila liscio…».

Gli anniversari - Nel 2021, conclude la presa di posizione, saranno passati 25 anni «dal violento sgombero della festa di primavera al parco del Tassino che portò all'occupazione dei Mulini Bernasconi e i 150 anni della Comune di Parigi». Ma più che di anniversari i "molinari" parlano di «esperienze rivoluzionarie da riprendere» per la «creazione di altri mondi possibili». Quanto al ventilato sgombero, non se ne fa direttamente cenno. Ma il finale non lascia presagire una resa tranquilla, dal momento che gli autogestiti si dicono pronti ad agire così: «Con determinazione, complicità e tanto amore. Ma - se necessario - anche con sassi e bastoni. Ci si vede per strada. Qui siamo e qui restiamo».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-15 08:05:32 | 91.208.130.87