Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
2 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Tre temi federali e il PSE: ancora poche ore per votare
Fino a mezzogiorno sarà possibile recarsi alle urne per esprimere la propria opinione sui tre oggetti federali.
FAIDO
14 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
19 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
20 ore
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
21 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
1 gior
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
1 gior
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
02.02.2021 - 15:300

UDC: «Nuova iniziativa se le perizie saranno più care»

I democentristi si scagliano contro il rapporto del CURML sulle nuove tariffe del Medico del traffico

L'accusa: «Il Centro Universitario Romando di Medicina Legale vive di perizie e ha tutto l'interesse a gonfiare i costi»

BELLINZONA - Medico del traffico dalla padella alla brace? Almeno cosi aveva messo in guardia un rapporto del Centro Universitario Romando di Medicina Legale (CURML). Le nuove tariffe decretate dal Gran Consiglio a seguito dell’iniziativa parlamentare UDC, secondo il rapporto del CURML, riportato nei giorni scorsi dalla Regione, porterebbero a un aumento considerevole dei costi a carico degli automobilisti soggetti a perizia. Aumenti, secondo il rapporto, anche dell’ordine dei 1’000 franchi per un “multirecidivista-caso psichiatrico”.

Il «conflitto di interessi» - Contro le conclusioni di questo documento si scaglia oggi l’UDC-Ticino, secondo cui la perizia «serve unicamente a sostenere il Consiglio di Stato che lavora affinché nulla cambi». I democentristi, peraltro, mettono in dubbio la credibilità dello stesso Centro di Medicina Legale che «agisce in pieno conflitto di interessi», poiché «vive di perizie sul traffico» e «ha tutto l’interesse a gonfiare i costi». Non sarebbe insomma un arbitro imparziale.

«Per lo più casi semplici» - L’UDC contesta anche il fatto che non vi siano casi semplici e che per le perizie vada sempre applicata la tariffa “per casi speciali” di 250 franchi l’ora e non quella di 180 franchi decisa dal Gran Consiglio. «Ciò è falso - si legge nel comunicato stampa -. La stragrande maggioranza delle infrazioni gravi che conducono al Medico del traffico è costituita da casi semplici come la guida per la prima volta a una velocità di 30 km/h sopra limite massimo, oppure con un tasso di alcolemia nel sangue superiore ai 0,80 mg/l».

Il «gioco del cartello» - Con il nuovo sistema approvato dal Gran consiglio, è la difesa dell’UDC, ora la persona soggetta a perizia può verificare in prima persona il tempo impiegato dal Medico del traffico per allestire la perizia e di conseguenza controllare se la fattura corrisponde realmente alla prestazione. «Ciò non vuole per nulla dire - continua il comunicato stampa - che il Medico del traffico può a suo piacimento moltiplicare le analisi per riempirsi le tasche sulla pelle del cittadino. È evidente che questo è il gioco della ristretta cerchia dei Medici del traffico, i quali essendo pochi in tutta la Svizzera fanno di tutto per costituire un cartello ristretto ed evitare la concorrenza».

Nuova iniziativa in canna - Nel caso in cui il documento del CURML venisse confermato dal Consiglio di Stato, l’UDC si dice pronta a lanciare una nuova iniziativa parlamentare «per abbassare le tariffe orarie e fissare dei tetti massimi, così da annullare il presunto aumento dei costi e anzi ridurlo in modo sostanziale». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Donatofiorella 9 mesi fa su tio
Siamo quasi peggio dell'Italia... che pagliacci....
Evry 9 mesi fa su tio
risultato basato sulle capacità... di certi alti funzionari.
marco17 9 mesi fa su tio
@Evry Cerca di informarti: non c'entra nessun funzionario. La riforma è stata voluta dai politici e il rapporto contestato è opera di un ente universitario losannese
Tato50 9 mesi fa su tio
@marco17 Ricordati che questa è una conseguenza di "Via Sicura", contro la quale hanno votato contro solo UDC e Lega e qualche PLR e PPD. La tua sinistra e i Verdi alzavano due braccia ;-((
marco17 9 mesi fa su tio
Ma che pagliacciata. Sono stati proprio loro, spalleggiati dalla Lega e da qualche uregiatt a volere questa riforma e ora si lamentano delle conseguenze. Eppure la Commissione del GC e persino Gobbi avevano messo in guardia da tali conseguenze.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 13:37:52 | 91.208.130.87