TiPress - foto d'archivio
CANTONE
15.12.2020 - 11:390

Code allo sportello, «così giustificheranno chiusure future»

L'unione dei sindacati critica la strategia di RetePostale di diminuire i saldi ore dei dipendenti

BELLINZONA - Code che continuano ad allungarsi fuori dagli uffici postali, tempi d’attesa sempre più lunghi e personale stressato. È in questo modo che l'Unione Sindacale Svizzera - Ticino e Moesa (USS-TI) descrive le conseguenze della decisione della direzione di RetePostale di ridurre le ore di straordinario di tutti i dipendenti. 

«Questo è il prezzo che clienti e dipendenti devono pagare in questo periodo prenatalizio per permettere ai manager di presentare per il 2020 bilanci migliori e ricevere il corrispettivo bonus», tuona l'USS-TI. Stesso pensiero già espresso da Syndicom.

Secondo l'Unione sindacale, la strategia del Gigante Giallo «porta con sé un altro obiettivo: peggiorare il servizio agli sportelli per disincentivare i clienti dal recarsi agli uffici postali e spingerli a utilizzare l’online». In questo modo si potrebbero «giustificare ulteriori chiusure degli uffici postali».

L’USS Ticino e Moesa chiede pertanto ai vertici della Posta di «interrompere immediatamente la diminuzione dei saldi ore dei dipendenti in modo da permettere un’adeguata distribuzione dei carichi di lavoro e un servizio adeguato alla clientela».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 02:13:51 | 91.208.130.86