Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
2 ore
Lanciata una petizione a sostegno dei driver di Divoora
Le richieste: riconoscimento del tempo di lavoro e remunerazione di ogni ora lavorata
MENDRISIO
4 ore
A.A.A, asini cercansi
Servono a mantenere viva la tradizione del Palio che quest'anno festeggia i quarant'anni.
CANTONE
5 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
5 ore
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
7 ore
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
MASSAGNO
8 ore
Nuova vettura di servizio per la Polizia Ceresio Nord
L'auto va ad ammodernare il parco veicoli ora composto da 8 vetture, 2 moto e 3 scooter.
CHIASSO
9 ore
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
10 ore
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
CANTONE
11 ore
Anche alla Stampa c'è chi non vuole uscire
A Lugano ci sono detenuti che rinunciano ai congedi «per paura della recidiva». Parla il direttore Laffranchini
LUGANO
11 ore
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
CANTONE
1 gior
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
FOTO E VIDEO
MORBIO INFERIORE
1 gior
Nino ha soffiato su cento candeline
Il neo-centenario, nato il 23 gennaio 1922, abita (da sempre) a Morbio Inferiore.
MALVAGLIA
11.12.2020 - 07:290

Lavorare bene da casa con un cantastorie e una trainer

Serenità, movimenti dolci e consapevolezza: gli ingredienti per un caffè virtuale perfetto che allieti il lavoro da casa

di Redazione
Gaia Nannini

MALVAGLIA - Da un’idea di Paola Valchera ha preso avvio l’offerta di CoffeeMoments, piccoli momenti di aggregazione per le aziende in home office. Attualmente il progetto conta su cinque “Coffeemakers”: un’insegnante di yoga, un cantastorie, una cantante, una smart e agile trainer e una chef happiness officer.

Cosa è CoffeeMoments?
«Proponiamo attività di aggregazione a distanza da personalizzare secondo le esigenze delle aziende, sulle principali piattaforme virtuali. L’obiettivo è aiutare i dipendenti in home office a trovare un ritmo di lavoro equilibrato, favorendo la produttività e diminuendo lo stress mentale, fisico e sociale. Creiamo momenti di unità a distanza e approfondiamo tematiche aziendali, con uno sguardo leggero e poetico. Con l’home office l’azienda è entrata nelle case dei collaboratori e nella loro intimità: per esempio, vedere in videoconferenza una collega che tiene in braccio il suo bambino».

Come è nato il progetto?
«Da anni mi dico che il teatro è un modo di comunicare diverso e che deve essere portato nelle scuole e nelle aziende, per questo il mio primo CoffeeMaker è un cantastorie, poi si sono aggiunti altri professionisti. C’è bisogno di leggerezza, profondità e poesia nel comunicare».

Come ha cambiato i rapporti aziendali il lavoro da casa?
«Il telelavoro richiede degli adattamenti nelle modalità e nella gestione personale. È una nuova normalità che necessita cambiamenti, anche solo nell’interazione con gli altri. In home office si parla attraverso lo schermo e questo può diventare a lungo andare pesante e freddo. Ma può anche essere sfruttato per abbattere le distanze e i tempi e per offrire momenti di benessere. Il primo lockdown ci ha fatto affrontare il telelavoro come una novità di breve durata, ora la situazione è diversa. Abbiamo bisogno di spensieratezza e di sapere organizzare tempo e lavoro a casa, trovando il nostro equilibrio e il nostro ritmo».

Come gestire il telelavoro?
«Per chi ha bisogno di pianificare le sue attività professionali e comunicare in modo efficace ci sono i CoffeeTools. Con questi incontri si offrono alle aziende e ai telelavoratori degli strumenti per affrontare la nuova modalità. È possibile anche usufruire di un’ora di coaching conversation individuale: le persone hanno bisogno di parlare ed essere ascoltate in uno spazio a loro dedicato».

Siamo più stressati?
«La percezione dello stress è personale. L’importante è guardarsi dentro, riflettere, prendersi dei momenti per sé. Io credo fortemente nelle attività che proponiamo, come lo yoga, il cantastorie e le sonorità terapeutiche. Cerchiamo di aiutare il singolo a trovare il suo equilibrio, il senso di unità nel team e rafforzare la qualità dei rapporti interpersonali, attraverso il teatro e le pratiche di benessere».

Perché partecipare a un caffè virtuale?
«Per rompere la quotidianità, come collaboratore, per creare un’unità e un clima di fiducia, come azienda. Giochiamo sul non avere aspettative e vivere il presente. Fermarsi, prendere un momento del “qui e ora” e goderselo fino in fondo».


Paola Valchera

Crescita positiva per dirigenti e collaboratori
Il telelavoro ha radicalmente cambiato il nostro equilibrio e le nostre vite. Non è possibile lavorare a casa come in ufficio: «Se non sto bene in home office, ma devo comunque continuare in questa modalità, cosa posso fare di diverso? È questa la domanda fondamentale da porci per capire come adattarsi alla nuova normalità», spiega Paola Valchera. «In aiuto ci sono i nostri appuntamenti, ma anche una figura emergente: il Chief Happiness Officer». Chi ricopre questo ruolo si occupa dello sviluppo organizzativo e accompagna alla crescita positiva i collaboratori e i dirigenti delle aziende, per favorire produttività, migliorare i rapporti interpersonali all’interno dell’impresa e garantire un clima accogliente e amichevole. «Sono felice di poter collaborare con una CHO nell’ambito dei CoffeeMoments: è positivo che ci sia nelle aziende una persona che stimoli benessere e serenità. Chi lavora felice, lavora meglio».

Paola Valchera
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 17:32:18 | 91.208.130.89