Archivio Depositphotos
Il protagonista della vicenda è il ticinese Granit Baqaj.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
11 min
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
14 min
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 ora
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
GIORNICO
2 ore
Tre nuovi volti nel PLR di Giornico
I nuovi membri sono Elena Traversi, Sara Capri e Andrea Norghauer, diventato pure presidente.
CANTONE
3 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
4 ore
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
5 ore
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
CANTONE
6 ore
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
6 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
7 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
10 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
LOSONE
05.10.2020 - 18:060
Aggiornamento : 21:33

Colpita da un arresto cardiaco, la salva un ticinese

Granit ha dimostrato sangue freddo ed è intervenuto immediatamente, fino a quando la donna ha ripreso i sensi.

«Se non avessi partecipato a un corso sulle misure salvavita per la rianimazione non avrei davvero saputo dove mettere le mani».

LOSONE - A volte uno sconosciuto può letteralmente salvarti la vita. Lo sa bene la signora zurighese vittima di un attacco epilettico con arresto cardiaco, lo scorso sabato, presso il ristorante del Mercato Cattori. Fortunatamente per lei, a qualche tavolo di distanza c’era Granit Baqaj, che ha avuto il sangue freddo di intervenire.

Il massaggio cardiaco - «Ho sentito urlare “mutti, mutti” in svizzero tedesco - racconta -. Ho alzato gli occhi e ho visto questa donna, sui 70-75 anni, irrigidita, bianca in volto». Mentre qualcuno chiamava il 144, Granit è passato all’azione: ha adagiato la signora sul pavimento e ha provato a sentire il respiro. «Non c’era, il torace era immobile, non respirava». Così ha iniziato a praticarle il massaggio cardiaco, fino a quando non si è ripresa. «Non so quanto tempo sia passato. Ho sentito che ha ricominciato a respirare, anche se con difficoltà. Ha aperto gli occhi, li muoveva». Poi sono arrivati i soccorritori.

Merito di un corso frequentato anni prima - Il giovane non si spiega dove abbia trovato tutto quel sangue freddo. «Ma le mie mani sapevano esattamente cosa fare. Tutto grazie a un corso sulla rianimazione che ho frequentato qualche anno fa. Non avrei mai pensato che mi sarebbe stato così utile». Il corso di primo soccorso, organizzato dal SALVA (Servizio ambulanza Locarnese e Valli), gli era stato proposto dall’azienda in cui lavorava. Ma sono molti i privati che vi si iscrivono. «Noi siamo uno dei servizi che offrono i corsi di primo soccorso in Ticino sotto il coordinamento dell’AMUT (Accademia di medicina d’urgenza ticinese) - ci spiega il responsabile dell’Area formazione di SALVA, David Delcò -. Il massaggio cardiaco si fa così in tutto il mondo, l’importante è essere formati».

Un intervento che salva la vita - Ma perché scegliere di iscriversi a un corso simile? «Per salvare la vita ci vuole un sistema organizzato: soccorritori professionisti formati supportati dalla popolazione - continua Delcò -. Proprio perché dal momento che intercorre un arresto cardiaco a quando arrivano i soccorsi passa del tempo, e si rischia la morte o danni permanenti, prima si interviene meglio è. Per questo istruiamo tutte le persone. E in Ticino siamo precursori a livello nazionale». Una situazione di emergenza può capitare a chiunque e ovunque: al bar, sul posto di lavoro, in famiglia. «Meglio essere pronti a intervenire e non dover mai mettere in pratica quanto imparato ai corsi, che non sapere come muoversi. Inoltre, se succedesse qualcosa a noi, ci farebbe piacere avere accanto una persona “preparata”».

Sempre pronti - In una situazione “calda” qualcuno potrebbe non sentirsela di fare qualcosa, anche se ne sarebbe capace, «ma può comunque seguire le indicazioni della centrale 144, che guida i presenti fino all’arrivo dei soccorsi». Chi frequenta un corso BLS-AED-SRC (Basic Provider) impara le principali misure salvavita per la rianimazione cardiopolmonare e può diventare "First Responder", rendendosi disponibile a intervenire immediatamente nell'emergenza. Al verificarsi di un arresto cardiaco, riceverà da Ticino Soccorso 144 un messaggio push istantaneo sullo smartphone, con il luogo esatto e i minuti necessari all’ambulanza per giungere sul posto. Il First Responder può rispondere alla chiamata o declinarla.

Gli aggiornamenti

«Già quel sabato sera la signora ha parlato con la nipote al telefono, dall'ospedale. Mi ha detto che stava "bene" - racconta Granit -. Mercoledì ha fatto rientro a Zurigo, dove vive».

I corsi

Nei corsi si imparano le tecniche base come il massaggio cardiaco, la ventilazione artificiale, l’uso del DAE (defibrillatore automatico esterno) e le tecniche di disostruzione delle vie respiratorie, ma si possono anche condividere valori, timori ed eventuali esperienze.
In Ticino siamo precursori a livello nazionale anche nella formazione di tutte le ragazze e i ragazzi di 4a media, un progetto di Ticino Cuore.

Foto Granit Baqaj
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Giulio7860 1 anno fa su tio
Bravo Granit! 💪Complimenti per il coraggio. Pensare com’è la vita. Mia moglie, Stephanie Schehl Airaga assieme a Barbara Vago hanno salvato il fratellino di Granit. Florim Baqaj di 2 anni è caduto nelle loro braccia dal quarto piano, esattamente 20 anni fa nel ottobre 2000 senza farsi un graffio. 👏👏👏Complimenti ai salvatori di vite.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-22 20:24:15 | 91.208.130.89