Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
SVIZZERA
4 min
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
FOTO E VIDEO
MORBIO INFERIORE
36 min
Nino ha soffiato su cento candeline
Il neo-centenario, nato il 23 gennaio 1922, abita (da sempre) a Morbio Inferiore.
CANTONE
4 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
4 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
5 ore
Sogni di diventare infermiere? Oggi aprono le iscrizioni alla SSSCI
I percorsi formativi offerti sono due: diploma SSS per infermiere e diploma SSS per soccorritore.
FOTO
LOSONE
5 ore
Quel legame invisibile che collega Losone alla Polonia
Durante la seconda guerra mondiale 450 soldati polacchi trovarono rifugio nel Comune Locarnese.
CANTONE
5 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
LOCARNO
5 ore
Quando il semaforo diventa rosso, è ora di ventilare l'aula
La Città di Locarno ha deciso di equipaggiare le scuole comunali di sensori che rilevano il quantitativo di CO2
CANTONE
7 ore
FC Chiasso e OTR Mendrisiotto e Basso Ceresio stringono una collaborazione
L'obiettivo: valorizzare il territorio e promuovere l'offerta turistica
CANTONE
8 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
BEDANO
8 ore
Open day alla Scuola Montessori
Il prossimo 5 febbraio è previsto un appuntamento virtuale per scoprire la Casa di Irma a Bedano
CONFINE
8 ore
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
10 ore
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
CANTONE
06.05.2020 - 15:570

«Stiamo dando prova di serietà, ora gli enti pubblici investano»

La SSIC chiede di anticipare gli interventi di risanamento per prevenire licenziamenti e fallimenti

LUGANO - Dopo quattro settimane di stop completo delle attività edili e due di ripresa parziale dell’attività sui cantieri, dall’inizio di questa settimana il settore ticinese della costruzione si è «allineato completamente alle disposizioni federali e dunque è nuovamente possibile lavorare senza limitazioni riguardo il numero di persone presenti sul cantiere, seppure nel pieno rispetto delle misure igieniche accresciute e di distanza sociale». A sottolinearlo è la SSIC Sezione Ticino.

La Società impresari costruttori segnala pure come le imprese stiano «generalmente dando prova di serietà, responsabilità individuale e collettiva cercando di applicare con buon senso le varie disposizioni sanitarie e di distanza sociale emanate dalle autorità sanitarie per contrastare i contagi da Covid-19». «In collaborazione con la Direzione lavori, il committente e gli artigiani si è dovuto pianificare le misure di sicurezza impostando un nuovo modo di accedere ai cantieri, di lavorare e di comportarsi durante le pause -. viene spiegato in una nota stampa -. Tutti aspetti che hanno richiesto e richiederanno impegno, costanza e un cambio di abitudini tutt’altro che scontato».

«Nelle prossime settimane - aggiunge la SSIC -, la sfida maggiore sarà quella di riuscire a mantenere alto il livello di attenzione sugli aspetti essenziali e direttamente correlate alle accresciute norme igieniche e di distanza fisica. In tal senso, la sorveglianza e i controlli dell’applicazione delle misure saranno importanti».

Considerata l’eccezionalità della situazione e le gravi conseguenze economiche che ne derivano per le aziende,
la SSIC elenca alcuni dei “cantieri aperti” sui quali sta lavorando:

- Riduzione oneri e contributi a carico delle imprese
- Riduzione premi SUVA
- Imposte di circolazione
- Riconoscimento dei costi aggiuntivi per l’attuazione delle nuove misure di sicurezza necessarie per riaprire i cantieri e adattamento del programma lavori per i contratti in essere stipulati prima dell’insorgere dell’emergenza Covid-19
- Passaggio attraverso valichi doganali
- Apertura dei rivenditori di materiale edile
- Trattative con i sindacati inerenti il Contratto collettivo cantonale dell’edilizia (CCL-Ti)
- Sospensione eventi associativi

«Siamo coscienti - si conclude - che, anche dopo la riapertura dei cantieri, i problemi non scompariranno e pertanto la SSIC Sezione Ticino continuerà ad attivarsi al fine di alleviare, per quanto possibile, le pesanti conseguenze che l’emergenza Covid-19 sta causando dal profilo umano, sanitario, sociale ed economico al nostro Paese. Tutto questo con un occhio di particolare riguardo al tessuto economico ticinese della costruzione. In questo contesto, la nostra Associazione si aspetta dagli enti pubblici uno sforzo anticiclico per garantire nel tempo una buona quota di investimenti soprattutto nell’edilizia, visto che la mole di lavoro nel genio civile è per il momento soddisfacente. Fondamentale sarà anticipare il più possibile gli interventi di risanamento e ristrutturazione dei numerosi edifici pubblici che si trovano in cattivo stato (scuole, ospedali, case per anziani, ecc.). Solo così sarà possibile scongiurare numerosi licenziamenti o fallimenti aziendali anche nel settore ticinese della costruzione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Ma per favore. Si facciano i lavori necessari con imprese svizzere che impiegano manodopera residente e poi tranquilli perché a pagare le vostre scelte saranno i giovani e non noi vecchiotti che i soldi li abbiamo risparmiati. CAPITOOOO
seo56 1 anno fa su tio
Prova di serietà????! In questi giorni nei cantieri ne ho viste di tutti i colori (fotografato). Lavoro gomito a gomito, senza mascherine né guanti. E da lunedì tutti al ristorante per gustarsi il menù del giorno.. Come detto alla faccia della serietà!!
GI 1 anno fa su tio
già...con il finanziamento di chi ??
Mattiatr 1 anno fa su tio
@GI I soldi per lasciare a casa la gente il mese scorso con l'80% di paga si sono trovati ;-)
miba 1 anno fa su tio
Forza gente! Nell'edilizia e negli altri settori pian piano si torna alla normalità :)
Mirketto 1 anno fa su tio
Invito la SSIC a farsi un giro sui cantiere e vedere se le norme sono rispettate. Un puttanaio.....
roma 1 anno fa su tio
SSIC, quindi in Ticino dovrete lasciare a casa un sacco di frontalieri?
spike3.0 1 anno fa su tio
@roma Non solo, e non sono il classico ago nel pagliaio...sono nato e cresciuto in ticino, con la passione per l'edilizia, e come me tanti altri. Generalizzare costantemente per risolvere i problemi fa comodo solo finché il proprio orticello non viene intaccato. Tutti sulla stessa barca? Io spero di sì, e ora conta solo remare...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 16:05:46 | 91.208.130.89