Tio/ 20Minuti
RIVIERA
22.04.2020 - 19:330

Giuseppe Russo, il ragazzo attaccato alle macchine, se n'è andato

Da oltre 18 anni viveva collegato a un respiratore meccanico. Il giovane è deceduto nella serata di lunedì.

Mamma Annabella racconta il suo dolore: «Il sorriso di mio figlio rimarrà per sempre».

RIVIERA - Ha vissuto per oltre 18 anni inchiodato al suo letto, attaccato alle macchine e a un respiratore meccanico. Amorevolmente accudito da sua mamma, Annabella. Giuseppe Russo se ne è andato in un lunedì sera di metà aprile. Improvvisamente. Non se lo è portato via il Covid-19. Si è spento semplicemente, nella sua abitazione di Cresciano (Riviera). 

La storia di Giuseppe e di Annabella era stata descritta su Tio/ 20Minuti e aveva commosso il Ticino. «Non può mai restare da solo – raccontava la mamma –. Di giorno ci sono le infermiere. Di notte ci penso io, dormo accanto a lui. Ogni ora squilla la mia sveglia».

Una testimonianza forte. Annabella voleva che la condizione di Giuseppe fosse nota a tutti. Non per ottenere pietismo. Bensì per dare un segnale d'amore. «Mio figlio è un essere vivente. Non un vegetale», aveva tuonato, quando qualcuno si era permesso di criticarla sui social. 

Lunedì sera Giuseppe è "volato in cielo". Venerdì, il funerale, in forma privata. Più avanti, quando le condizioni del Covid-19 lo renderanno possibile, si terrà una cerimonia aperta a tutti. Annabella, vittima di un malore dopo il decesso del figlio, ha chiesto di rendere pubblica la notizia. «Il sorriso di mio figlio rimarrà per sempre. Lo voglio ricordare così».  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 22:41:33 | 91.208.130.89