«Noi invalidi segregati in casa già prima del Covid»
Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
11 min
Clean-up-day a Faido con la madrina Christa Rigozzi
Non sono mancate le polemiche: il movimento eXtinction Rebellion Ticino ha manifestato contro l'organizzatore McDonald's
MANNO
2 ore
Inaugurata la nuova ala del Centro Diurno Terapeutico
Maggior sostegno sarà dato anche ai famigliari degli ospiti, grazie ad una maggiore flessibilità oraria
FOTO
CANTONE
2 ore
Consegnati i diplomi del Centro Studi Villa Negroni
Nel 2020 l’attività del CSVN ha incluso 21 certificazioni, 135 corsi e 63 convegni.
LUGANO
4 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
5 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
5 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
5 ore
Posteggi occupati per un uso più sostenibile
Il Park(ing) Day è stato organizzato dall'ATA e dai giovani dello sciopero per il clima
LUGANO
16 ore
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
MAGADINO
19 ore
Cinque nuovi allievi piloti
A Magadino si sono svolte le selezioni finali. Tra 14 finalisti è stato scelto anche un ticinese
FOTO
LUGANO
21 ore
Incidente in via Brentani a Lugano
Scontro tra due auto. Una è finita contro un palo della luce
CANTONE
21 ore
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
BELLINZONA
22 ore
Un altro passo verso il nuovo ospedale
In pubblicazione a Bellinzona la variante di PR “Infocentro-Saleggi”
Attualità
1 gior
Come ci ha cambiati la pandemia?
Una campagna fotografica racconta i ticinesi al tempo del Covid. La mostra al Centro di dialettologia
LUGANO
14.04.2020 - 08:390
Aggiornamento : 10:59

«Noi invalidi segregati in casa già prima del Covid»

La testimonianza di una cinquantenne in sedia a rotelle tra barriere architettoniche e pacchi che spariscono

Lo sfogo: «A chi si lamenta di non poter uscire per qualche settimana, dico, mettetevi nei nostri panni». La sua battaglia tra i tentativi infruttuosi di trovare un appartamento adatto e il problema, irrisolto, con le consegne del postino. La risposta della Posta: «A breve una soluzione»

VIGANELLO - Il suo coronavirus lo sta vivendo da 5 anni, con un anticipo tremendo. Segregata al quinto piano di un palazzo a Viganello, costretta alla sedia a rotelle dopo una puntura lombare finita male, Sandra ha 50 anni e 11 insormontabili scalini tra l'entrata del condominio e l’ascensore. Vorrei ricordare a tutti che noi invalidi subiamo di continuo una segregazione domestica. A chi oggi mette a rischio il prossimo uscendo di casa suggerirei di pensare alle nostre rinunce. Provate a mettervi nei nostri panni».

Il postino non suona una volta - L’attuale emergenza ha acuito i disagi. Se già prima Sandra lottava - senza successo - per farsi portare la posta sul pianerottolo al pianterreno, oggi sembra tutto più complicato: «Il postino - racconta - sa benissimo che sono invalida ma lascia tutto nella buca delle lettere esterna. Senza citofonarmi». Conseguenza: «Quando la buca è piena i miei pacchetti spesso spariscono».

La battaglia con la proprietaria - In questi anni Sandra ha cercato di far installare un montascale per superare gli 11 scalini, ma invano: «La proprietaria non ci sente, anche se questo dispositivo verrebbe pagato dall’AI e io stessa contribuirei con 5mila franchi». Sandra ha contattato il Municipio e l’Ufficio di Conciliazione: «La Città mi ha risposto che stanno togliendo le barriere architettoniche nei luoghi pubblici. Ma che senso ha, se poi gli invalidi sono bloccati in casa?».

Gli appartamenti introvabili - Ha cercato un altro alloggio, Sandra, ma finora senza risultato: «In questi anni ho visionato 497 appartamenti, non esagero, e nessuno era accessibile agli invalidi. Non ne esistono per meno di 2’000 franchi al mese, ». I problemi ricorrenti, spiega, «sono gli ascensori troppo piccoli per la sedia a rotelle. Oppure le porte del bagno troppo strette o la cucina dove non c’è spazio per manovrare. Mi sono sentita anche dire da un locatore che gli invalidi non cucinano. Ma credete davvero che viviamo d’aria?».

La scorta di guerra - Oggi Sandra combatte per ricevere almeno gli invii postali all’interno del palazzo. Si tratta spesso di pacchetti contenenti medicinali. Ma si è anche organizzata ordinando materiale per fare esercizi fisici (a causa del Covid ha dovuto rinunciare al terapista) e con le società private di spedizione i pacchi glieli recapitano direttamente. Quanto agli alimentari ha avuto la vista lunga: «Quando ho sentito del primo caso di Covid in Italia, ho chiamato una mia amica. Mi ha fatto oltre mille franchi di spesa. Per due o tre mesi sono tranquilla. Si fa per dire. Vorrei lanciare un appello alle autorità di non lasciare in questo periodo i disabili abbandonati a loro stessi».

 

La Posta: «In caso di comprovata necessità consegnamo i pacchi sulla porta di casa»

«Va premesso come quale punto di consegna, la Posta consideri per definizione la buca delle lettere del destinatario. Tuttavia - continua il Gigante Giallo sollecitato sul tema da Tio/20Minuti - per quanto riguarda la distribuzione della corrispondenza a persone con difficoltà motorie esiste la possibilità, come fatto correttamente nel caso citato, di richiedere la consegna dei pacchi direttamente sulla porta di casa. Il servizio è gratuito in caso di comprovata necessità. Questo servizio non si applica per contro alla normale corrispondenza: in questo caso si assume come questo tipo d'invii non abbia carattere di urgenza e la persona con difficoltà motorie possa fare affidamento a chi in genere fornisce aiuto nel caso ad esempio dell’acquisto di generi alimentari o altri servizi indispensabili.

Per quanto riguarda gli invii che richiedono la conferma di ricezione da parte del destinatario, il personale addetto alla distribuzione è sempre e comunque tenuto a suonare al campanello e ad avvisare dunque personalmente il ricevente, indipendentemente dalle considerazioni che precedono.

In questo particolare momento per le lettere raccomandate o i pacchi iscritti, il postino può firmare la ricevuta di ricezione con il consenso verbale del cliente per evitare che il cliente debba firmare lui stesso e che vi sia dunque un contatto ravvicinato.

Per quanto riguarda il caso specifico ci scusiamo per non aver ancora implementato una soluzione a piena soddisfazione della cliente. Siamo certi che a breve saremo in grado di fornire una prestazione in linea con le esigenze della nostra cliente.  

Per ogni esigenza o richiesta di informazioni concernente anche la ricezione di lettere e pacchi, invitiamo la clientela a volersi rivolgere al nostro Contact Center, allo +41 848 888 888 o di utilizzare le numerose possibilità visionabili sulla nostra piattaforma web.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 15:31:35 | 91.208.130.85