TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
3 ore
Un primo agosto... col fischio
La provocazione del gruppo "Taspettofuori": una gara di fischi durante l'allocuzione di Karin Valenzano Rossi.
CANTONE
7 ore
Radar un po' in vacanza, un po' nel Luganese
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti dal 2 all'8 agosto
MENDRISIO
8 ore
Ferrovia Monte Generoso, esercizio sospeso
La causa sono i recenti forti temporali e l’allerta Meteo di livello 3 prevista per il fine settimana.
LOCARNO
11 ore
I festival ticinesi fanno i conti con il maltempo
Sia il LongLake che il Locarno film festival hanno però dei piani B.
LUGANO
12 ore
La Città opta per i 30 all’ora nelle vie del centro
Uno studio di ingegneria esterno analizzerà la fattibilità della proposta
MONTECENERI
14 ore
Monte Tamaro Music Day rimandato a settembre
L'evento previsto per sabato ha dovuto essere posticipato a causa del maltempo
CANTONE
14 ore
Coronavirus: in Ticino 29 nuovi casi e 10 ricoverati in tutto
I pazienti Covid che necessitano di cure intensive scendono a 3.
SORENGO
15 ore
Ars Medica e Sant’Anna, l'82% del personale è vaccinato
La tendenza a vaccinarsi fra il personale medico e infermieristico è in costante aumento
LUGANO
16 ore
È iniziato il conto alla rovescia in vista della StraLugano
Dopo diversi cambiamenti dovuti alla pandemia, fra meno di un mese si potrà tornare a correre.
FOTO
GIORNICO
17 ore
Auto contro il guard rail, incidente sull'A2
Nella notte il conducente di un veicolo con targhe tedesche ha perso la padronanza del suo mezzo.
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
«È troppo presto per dire chi ha fatto meglio»
In Svizzera la seconda ondata è stata cinque volte più pesante della prima. In Ticino il rapporto è più bilanciato.
CANTONE
06.04.2020 - 11:510
Aggiornamento : 17:22

Continua la scuola a distanza. L'appello: «Occhio agli allievi fragili e a rischio»

L’anno scolastico 2019/2020 sarà valido, nonostante il periodo "da casa". E finirà il 19 giugno.

Il DECS chiede che i docenti abbiano contatti personali regolari con gli allievi. A maggio si saprà come verranno decise le note.

BELLINZONA - Il calendario scolastico 2019/2020 (con fine il 19 giugno 2020, salvo scuole professionali) è confermato. Così come il calendario 2020/2021 (inizio previsto il 31 agosto 2020). Anche le vacanze di Pasqua si terranno normalmente. È quanto prevedono le direttive trasmesse oggi dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) a tutti gli istituti scolastici, a seguito della pandemia Covid-19.

Non si perde l’anno - L’anno scolastico 2019/2020 sarà valido, nonostante il periodo (la cui durata non è ancora stabilita) di chiusura delle scuole per l’emergenza coronavirus. Le note di fine anno si baseranno principalmente su quanto fatto a scuola, ma anche il periodo a distanza potrà contribuire alla definizione del voto finale. 

Un occhio di riguardo - Nel periodo d’insegnamento a distanza i docenti/operatori devono avere contatti personali regolari di interazione diretta con ogni allievo (tramite telefono, videochiamata, ecc.) e prestare attenzione particolare ai riscontri delle classi e dei singoli allievi, come pure alle situazioni di fragilità e rischio. «È necessario avere un occhio di riguardo anche per gli allievi che si ha l’impressione fatichino a seguire la didattica a distanza». In questo periodo non ci sono valutazioni sommative (ad esempio le verifiche), mentre è mantenuta una costante valutazione formativa.

Nuovi argomenti, anche a distanza - Di principio fino al 19 aprile il DECS propone la formazione a distanza con un obiettivo di consolidamento di quanto già affrontato in classe. Dopo questa data sarà possibile prevedere l’introduzione e/o lo sviluppo di alcuni nuovi argomenti.

Note, promozioni, bocciature - A inizio maggio il DECS emanerà le direttive - attente a non penalizzare nessun allievo - sui criteri per la determinazione delle note finali e/o delle note del secondo semestre, delle condizioni di passaggio e di promozione. 

Un periodo “strano” ma produttivo - «Tutti gli attori scolastici stanno contribuendo, ognuno nel proprio ruolo, a reinventare la scuola per garantire ai giovani l’istruzione a cui hanno diritto, nel miglior modo possibile». Il DECS ringrazia pubblicamente il lavoro svolto da tutti in questo periodo.

Più nel dettaglio

Si tiene conto di tutto - Nella scuole elementare saranno analizzati singolarmente i casi nei quali è in corso un progetto di pedagogia speciale, quelli per i quali è previsto un monitoraggio, quelli delle unità scolastiche differenziate, quelli con un’accelerazione o un rallentamento del percorso formativo. Per l’iscrizione ai corsi A e B di quarta media e di terza media, la proposta terrà conto dello stato delle conoscenze al 13 marzo 2020. Ma, come sempre, faranno stato le note finali.

Scuole medie superiori - Ogni allievo non sarà chiamato a partecipare a più di una video-conferenza alla settimana organizzata da un docente. Le modalità di svolgimento degli esami di maturità saranno decise dalla Conferenza dei direttori della pubblica educazione. Per tutti l’attribuzione della nota finale per ogni disciplina è inderogabile.

Scuole professionali - Le modalità di svolgimento delle procedure di qualificazione nella formazione professionale, compresa la maturità professionale e specializzata, saranno decise a livello nazionale. Nelle prossime settimane, in base all’evoluzione della situazione, verranno definite date e modalità per gli esami scritti (in presenza o online) e degli eventuali colloqui orali.

Per maggiori informazioni, le direttive del DECS in allegato

Allegati
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-31 00:26:43 | 91.208.130.85