Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
LUGANO
1 ora
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
CANTONE
1 ora
«È scattata la corsa ai rialzi dei salari dei capisezione?»
L'MPS chiede conto a Gobbi sugli scatti di classe annunciati dal Dipartimento dell'Istituzioni sull'onda del Territorio
BELLINZONA
1 ora
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
2 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Fallimenti, Ticino in controtendenza
In Svizzera sono in aumento, mentre nel nostro cantone sono in calo (-7%)
CANTONE
3 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
LUGANO
4 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
6 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati con effetto immediato. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze
Massagno
6 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
FOTO
MENDRISIO
18 ore
Tutto iniziò con una locomotiva...
La Galleria Baumgartner di Mendrisio festeggia i suoi primi vent'anni con una settimana di eventi e iniziative
BODIO
18 ore
Bodio sarà al 50% autosufficiente
Con altri due impianti fotovoltaici, ci sarà energia per 210 delle 400 economie domestiche presenti sul territorio
CANTONE / ZURIGO
20 ore
Il Premio Studer/Ganz alla ticinese Sabina Zanini
La premiazione si terrà nella primavera del 2022 presso la Casa della Letteratura per la Svizzera Italiana a Lugano
CANTONE
20 ore
Partecipazione digitale alla politica: Ticino quartultimo
Su una scala da 0 a 100 punti, il canton Ginevra raggiunge il podio con 55 punti. Il Ticino si ferma a 17.
CANTONE
20 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
FOTO
CANTONE
21 ore
Poco più di due anni per risanare 108 fermate del bus
Entro il 2024 verranno risanate 108 fermate del trasporto pubblico su gomma. Per una spesa di circa 27 milioni.
CANTONE
22 ore
Un nuovo stabile per l'Istituto delle assicurazioni sociali
È stato inaugurato ieri alla presenza del direttore del DDS Raffaele De Rosa.
CANTONE
25.03.2020 - 06:060
Aggiornamento : 08:51

«Il virus cancellerà quel maledetto numero chiuso»

L'ex consigliere nazionale e oncologo Franco Cavalli parla dei risvolti, anche inattesi, della pandemia

«Dobbiamo tornare a formare medici e infermieri. Basta rubarli all'estero. E ancora: «Con un ospedale cantonale unico tutta la medicina sarebbe concentrata ora in un luogo "sporco", contagiato. La scelta dell'ospedale multi-sito è stata la migliore»

BELLINZONA - È una peste capace di chiudere a riccio gli individui, ma anche di innescare la più spontanea solidarietà tra vicini. E lontani, come dimostrano i 52 cubani, fra medici e infermieri, accorsi al capezzale della Lombardia malata. Un gesto che l'oncologo ticinese Franco Cavalli può spiegare meglio di altri. Lui che è direttore tecnico dell'Associazione per l'aiuto medico al Centro America, ma anche presidente di mediCuba Europa (associazione che fornisce al Paese da quasi sessant’anni sotto embargo Usa materie prime farmaceutiche). «In questo momento - spiega il medico - Cuba sta aiutando il mondo. Sebbene abbiamo, ad esempio, difficoltà oggi a trovare reagenti per i test sul Covid. Ci hanno chiesto aiuto e noi stiamo lanciando una campagna per fornire loro fondi».

Un gesto, quello cubano, che non la stupisce…
«La crisi attuale mostra che la nostra società può farcela solo con la solidarietà di tutti. L'aiuto di Cuba non è poi nuovo, visto che hanno missioni mediche in un'ottantina di paesi. Castro era un grande sostenitore della medicina e Cuba in proporzione forma dieci volte più medici della Svizzera. Per loro inviarne dove ci sono necessità è normale. Sono stati in Pakistan quando c'è stato il terremoto. Ma anche in Etiopia. Sono stati in Africa a combattere l'Ebola. Sempre in prima linea nel filone di quella solidarietà internazionale che risale in fondo al Che Guerava».

In Svizzera, invece, la pandemia ha messo a nudo un Paese che non forma abbastanza personale sanitario.
«Quando ero consigliere nazionale mi ero battuto ferocemente contro il numero chiuso nelle università, ma poi il Parlamento ha voluto, e continua a volere un sistema che forma meno della metà dei medici necessari. E ce ne sono ogni anno a dozzine di ticinesi che vorrebbero studiare Medicina ma non possono. La conseguenza è che il nostro sistema sanitario può sopravvivere solo contando su medici italiani, germanici, francesi e austriaci. Ed è quasi un furto».

In che senso?
«Ogni anno "rubiamo" all'Italia 50-60 medici e se formarne uno costa quasi un milione di franchi si arriva a una cifra che equivale quasi ai famigerati ristorni. La pandemia dimostra che bisogna eliminare questo maledetto numero chiuso che ci sta strozzando».

Potrebbe essere l’eredità positiva di questa tragedia?
«Certo, perché il numero chiuso si fonda solo su un ragionamento egoistico. Su un mero calcolo economico perché farli venire dall'estero è più vantaggioso. Se il parlamento non lo toglierà, sarà la popolazione stessa a volerlo».

Non che vada molto meglio con il personale infermieristico. Che dire al proposito?
«Anche se in Ticino l'Ente ospedaliero cantonale ha fatto molto per limitare il numero delle infermiere frontaliere, ci sono realtà come Ginevra e Losanna dove più della metà delle infermieri sono francesi. Di conseguenza se i Paesi a noi vicini precettassero i loro concittadini la Svizzera avrebbe un grosso problema». 

Come rendere la professione più attrattiva?
«Il Parlamento sta discutendo l'iniziativa, di cui sono sostenitore, per delle cure infermieristiche forti lanciata dall'Associazione svizzera delle infermiere. Da un lato chiediamo che il Governo Federale aiuti i Cantoni a formare più infermiere. Dall’altro che vengano migliorate, con dei fondi, le condizioni di lavoro. È il problema di un mestiere molto duro, pagato relativamente male. Più della metà delle infermiere dopo 5-6 anni lasciano».

Qual è il suo giudizio sull’emergenza in atto?
«Credo che in questa situazione le strutture sanitarie del Canton Ticino si stanno battendo molto bene. Addirittura siamo probabilmente meglio preparati del resto della Svizzera. Ma soprattutto abbiamo avuto la dimostrazione che l’ospedale strutturato dall’Eoc come multi-sito è la scelta migliore. Avessimo avuto un unico ospedale cantonale tutto sarebbe più difficile, perché sarebbe “sporco”, contaminato dal virus. Invece abbiamo ospedali puliti per la medicina a favore di chi non è Covid positivo».

Nel male di oggi tutti guardano speranzosi al dopo. Lei è ottimista sul mondo che lascerà la pandemia?
«È presto per dire. Di sicuro passata la crisi sanitaria, ce ne sarà una economica molto più forte di quella del 2008. Attraverseremo un momento durissimo in cui spero prevalga la solidarietà e non lo spirito, vergognoso, appena mostrato dai grandi capi dell’economia svizzera. A lunga scadenza sono abbastanza positivo. A condizione che, a livello globale, si ponga fine all’aumento delle diseguaglianze. Allora potremmo avere un periodo come quello dei trenta gloriosi con il Welfare generalizzato che seguì il secondo conflitto mondiale. Per quasi trent’anni andò tutto bene finché non spuntò il neoliberismo della Thatcher e di Reagan». Come dire che pandemia potrebbe scacciare pandemia».

La capo Area infermieristica Annette Biegger: «Qui oggi nascono dei grandi team»
La situazione attuale sta affinando anche la solidarietà all’interno dell’Eoc. «Ha rafforzato la collaborazione tra le sedi - dice Annette Biegger, responsabile dell’Area infermieristica -. Il personale medico e infermieristico è stato concentrato nel centro Covid a Locarno dove l’attività sta aumentando in modo esponenziale». Un aspetto evidenziato da Biegger è che «i colleghi, infermieri e medici, sono pronti e a disposizione per trasferirsi in altre sedi e lavorare insieme. Si crea una dinamica di collaborazione tra queste equipe. Stanno nascendo dei team completamente nuovi. È un’esperienza molto positiva che stiamo osservando». Tutto questo nonostante, aggiunge la capo Area «si sappia che il lavoro è molto impegnativo con i pazienti Covid. E che si è confrontati anche con paure». Positiva è anche la collaborazione con la clinica Moncucco, «che è molto importante perché ci scarica dal peso che arriva a Locarno». La collaborazione si estende, in parte, anche a nord: «Loro ci offrono aiuto, ma penso non si rendano ancora conto che tra pochissimo saranno nelle nostre stesse condizioni». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 12:39:17 | 91.208.130.85