Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
7 ore
Falsa partenza: anziani respinti al supermercato
Alcuni over 65 hanno tentato "l'assalto" già questa mattina, dopo l'annuncio del governo. «Ritornate il 14 aprile»
CANTONE
9 ore
In 2'500 in una piazza virtuale a sentire Davide Van De Sfroos
Riascoltatevelo su PiazzaTicino.ch
GAMBAROGNO
10 ore
La nuova Cinque Fonti non cambia idea
Il nuovo Consiglio di Fondazione segue il vecchio e respinge la richiesta di reintegro del direttore
CANTONE/URI
11 ore
In viaggio verso il Ticino: nessuno fa dietrofront
Gli appelli degli scorsi giorni avrebbero però portato a una netta diminuzione del traffico lungo l'A2
SVIZZERA
11 ore
Congedo paternità: «Il referendum non si può invalidare»
Il Tribunale federale non è entrato in materia sul ricorso. Deluso il Partito socialista neocastellano
AVEGNO-GORDEVIO
12 ore
Rimossi gli striscioni di Dadò: «Grave censura»
I messaggi mettevano in guardia i turisti sui rischi del nuovo coronavirus: «Popolo ticinese preso in giro».
VIDEO
CANTONE
13 ore
Merlani positivo al Covid-19
In questo momento il medico cantonale si trova in isolamento al proprio domicilio e continua l'attività professionale
GRONO (GR)
13 ore
Venerdì di passione sulle strade del Moesano
Ad ambo i portali del San Bernardino si registrano controlli. Grigliate vietate.
CANTONE
14 ore
Sei mozioni socialiste per contrastare il virus
Oltre all'emergenza sanitaria ed economica, la pandemia manda in crisi anche la socialità.
VIDEO
LUGANO
15 ore
Covid-19, il video della 29enne intubata
Mariella Montano torna a casa dopo la degenza, con tanto di cure intense, alla Moncucco. E lancia un nuovo appello.
CANTONE
15 ore
Anche l'EOC ricorre al lavoro ridotto
La richiesta riguarda 400 collaboratori
LUGANO
16 ore
Produttori locali e consumatori s'incontrano su chilometrozero.ch
È un'iniziativa promossa dalla Città di Lugano per favorire l'utilizzo di nuovi canali durante l'emergenza
LUGANO
16 ore
Una boccata d'ossigeno per le attività cittadine
Nel primo semestre 2020 le tasse per l'occupazione dell'area pubblica non saranno riscosse
LUGANO
24.02.2020 - 06:190
Aggiornamento : 05.03.2020 - 08:51

«Invece del prestito hanno iniziato a spillarci soldi»

La trappola delle cauzioni per ottenere denaro che non arriverà mai.

La storia di una donna che ha versato duemila franchi per ottenere un finanziamento di ventimila che non ha mai visto

LUGANO - LUGANO - Sul terreno fertile dell’indebitamento germoglia rigoglioso l’inganno. Notizia di pochi giorni fa un ticinese su cinque dichiara un arretrato di pagamento. Per chi ne ha molteplici il rischio di diventare vittima di un raggiro è reale. «Avevamo l’affitto e altre fatture scoperte - racconta A. L.  a Tio/20Minuti -. Mia madre ha creduto di metterci una pezza chiedendo un prestito unico di 20mila franchi».

«Sofort und unkompliziert» - In rete, ad inizio gennaio, la donna trova una società con sede a Wohlen (Canton Argovia), la Avan Suisse Gmbh. Promettono aiuto immediato e senza complicazioni, «sofort und unkompliziert». In effetti, continua A. L., «a convincere mia madre era il fatto che non volessero documenti particolari, come l’estratto delle esecuzioni o le buste paga». 

Il salvagente di piombo - La prima sorpresa si materializza quasi subito dopo aver inviato le poche carte necessarie. «Ci hanno scritto che avremmo dovuto pagare 800 franchi per aprire la pratica». È il primo segnale che i ruoli si stanno ribaltando con il debitore che diventa… prestatore di denaro a fondo perso. «Già dal principio avevo qualche dubbio, ma la società era iscritta nel registro di commercio. Ci siamo fidate e abbiamo pagato».

«Lo facciamo per lei» - Del prestito di 20mila franchi però neanche l’ombra. Per lettera si materializza anzi la Concadas Gmbh di Freienbach nel Canton Svitto, anche loro presenti con un sito dove si garantisce una “soluzione finanziaria pronta all’uso. Wir machen das für Sie”. Lo facciamo per lei: «È entrata in scena quest’altra società con un contratto di rateizzazione. In una minuscola clausola c’era scritto che poteva essere chiesta una piccola cauzione in garanzia. Infatti, una volta firmato, riceviamo una fattura di 1'200 franchi».

Abbagliati dalle parole - Le donne versano anche questi soldi: «Convinte, una volta rimborsato il prestito, di rivedere la cifra». Invece i 20mila franchi pattuiti neanche stavolta arrivano sul conto: «L’ultima volta che mia madre, tre settimane fa, ha chiamato la Concadas è stata presa in giro. Le dicevano che non c’entravano nulla e che doveva chiamare la Avan. Che però, nel frattempo, ci aveva chiesto altri 800 franchi».

La denuncia in Procura - Per sottrarsi alla spirale e cercare di riavere indietro i 2’000 franchi versati le due donne si sono rivolte ad un servizio giuridico e hanno sporto denuncia al Ministero Pubblico: «A voce ci hanno detto che ci sono buone possibilità di riavere il denaro». Meno ottimistica la Centrale svizzera dei reclami che sul proprio sito (www.reklamationszentrale.ch) mette in guarda da tutta una serie di finanziatori farlocchi (“Fake Finanzsanierern”). Scontato precisare che nel lungo e mutevole elenco dei “cattivi” - una settantina di nomi - troviamo anche Avan Suisse e Concadas.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 mese fa su tio
Mi arrivano offerte in tutti i sensi, Telefono mail ecc. Rispondo che mi interessa di inviarmi l'indirizzo ed a che ora posso presentarmi a fare il contratto. Aggiungo che mi presento con il morgenstern…...
miba 1 mese fa su tio
Mancano informazioni importanti. Perché aveva l'affitto arretrato e cosa riguardavano le fatture scoperte? Erano veramente imprevisti e/o necessità oppure erano rate del leasing e/o abbonamenti a differenti operatori telefonici?
Frankeat 1 mese fa su tio
@miba Cosa ti cambia sapere il motivo per il quale gli servono i soldi?
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Frankeat Concordo, in questo caso non stiamo parlando di povertà o altro ma di una donna che è stata fregata. Diciamo però che il fatto che non richiedano né carte o altro per un prestito rappresenta già un campanello d'allarme.
miba 1 mese fa su tio
@Frankeat Ciao Frankeat, per me cambierebbe tutto il senso della questione. Se sono imprevisti/necessità/medico/dentista/costi per i figli ecc ecc qualcosa nel nostro sistema sociale allora non va perché una persona non dovrebbe per questo chiedere dei prestiti. Se invece sono leasing di automobili (magari anche costose...), vacanze pagate a credito, abbonamenti telefonici per avere l'ultimo modello di telefonino ecc ecc ecc allora i presupposti cambiano di molto e quindi chi è causa del suo male pianga se stesso...
Frankeat 1 mese fa su tio
@miba In poche parole se non è una necessità gli sta pure bene di essere state fregate? Ma perché uno non potrebbe chiedere un prestito per togliersi uno sfizio? io ho fatto due leasing in vita mia perché non avevo in tasca tutti soldi necessari per comprare l'auto e li ho entrambi estinti (si dice estinti?) sempre puntualmente. Avrei potuto spendere di meno? Probabilmente sì, soprattutto con la seconda auto, ma non vedo cosa avrei fatto di così terribile a voler quell'auto a tutti i costi.
Dioneus 1 mese fa su tio
@miba Dovresti provare vergogna;)
Norma Jean 1 mese fa su tio
Purtroppo la disperazione fa abbassare la guardia...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-10 05:34:41 | 91.208.130.87