tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
7 min
Una nuova vita agli occhiali usati
L'iniziativa del Lions Club Lugano per destinare le montature con lenti graduate alle persone meno fortunate
CANTONE
41 min
Il Plr sul salario minimo: «Saliamo fino a 20.50 franchi»
Presentato un emendamento, ma solo se «ci sarà un impatto positivo evidente per i residenti»
CANTONE
1 ora
«10 milioni in più alla Divisione della formazione professionale»
A chiederlo, tramite un emendamento, è l'UDC Ticino
STABIO
2 ore
Un brandello di giornale non inchioda il turista del sacco
Il Tribunale amministrativo annulla la multa affibbiata a un presunto trasgressore: «Le prove addotte dal Municipio sono alquanto inconsistenti»
LUGANO
2 ore
Le TPL cambiano orario
Il cambio scatta domenica 15 dicembre
CANTONE / BERNA
3 ore
Disoccupazione, a novembre siamo al 3%
Il dato cresce di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente
PARADISO
4 ore
Sostegno a chi opera al servizio della comunità
Una sessantina i volontari presenti alla Giornata internazionale del Volontariato
BELLINZONA
11 ore
Nuovi cestini in città, «ma il buco è troppo piccolo»
Sono pensati per contrastare i "furbetti" della spazzatura casalinga, ma per alcuni sono scomodi. La Città: «Ce li vogliono imitare»
LUGANO/ITALIA
14 ore
«La cassa malati mi ha scaricato qui»
L'odissea tra le cliniche di Dario Siciliano, bancario 33enne operato per un grave problema al cervello. Sanitas: «Obbligati a verificare»
CANTONE
16 ore
Lo psichiatra va in Appello
Era stato condannato per abusi su alcune pazienti
FOTOGALLERY E VIDEO
BELLINZONA
16 ore
Incastrato nell'auto, le immagini dell'incidente
Tre veicoli si sono scontrati a Claro. Uno è finito nel riale che costeggia la strada cantonale. Tre i feriti
CANTONE
17 ore
Gli animali vanno online: nasce l’Instagram per cani e gatti
A lanciare il simpatico progetto due ragazzi del Luganese, Mirko Cotti Piccinelli e Anna Gianfreda. «Gli adulti dovrebbero capire di più il potenziale dei social»
CANTONE
17 ore
La tappa locarnese del Knie è a rischio
Il circo nazionale potrebbe non tornare nella città sul Verbano: «Il sito finora utilizzato non è più idoneo alle rappresentazioni»
CANTONE
19 ore
Un weekend sui diritti dei bambini per i 120 monitori
Ha avuto luogo l’annuale corso per i monitori maggiorenni attivi nei progetti della Fondazione IdéeSport
CANTONE
19 ore
«Il minimo che si poteva sperare, il massimo che si poteva proporre»
Il PS è fermamente deciso a sostenere l'introduzione del salario minimo sociale. Gli emendamenti proposti dalla destra? «Vogliono salvarsi la faccia di fronte al proprio elettorato»
CALANCA (GR)
21 ore
Henrik Bang è il nuovo direttore del Parco Val Calanca
Il suo compito sarà quello di condurre i lavori della fase di istituzione del parco naturale regionale
CHIASSO
22 ore
A Chiasso c'è «un gruppo armato che terrorizza la città»
Nei pressi della stazione sono stati affissi dei volantini parecchio pungenti contro la Polizia
CANTONE
14.02.2019 - 14:280
Aggiornamento : 14:54

Di quanti docenti ci sarà bisogno in futuro?

Alla domanda ha provato a rispondere uno studio commissionato dal DECS. Che rivela: professione sempre più rosa

BELLINZONA - Quanti docenti ci sono in Ticino? Ma, soprattutto, di quanti ce ne sarà bisogno in futuro? A queste ed altre domande ha cercato di dare una risposta lo studio commissionato dal DECS i cui dati, snocciolati oggi, rilevano alcuni cambiamenti in atto nel mondo del corpo docenti. 

I numeri - Nel 2016/2017, l’ordine scolastico con più insegnanti è risultata la scuola media (1’357), seguito dalla scuola elementare (1’276) e dalle scuole medie superiori (556). Le docenti di scuola dell’infanzia sono invece la categoria meno numerosa (533).

Tempo parziale - Nella scuola media e nelle scuole medie superiori si riscontra una percentuale di docenti che lavorano a tempo parziale più importante (rispettivamente 72% e 65%) rispetto a quanto rilevato per le scuole comunali (44% nelle scuole elementari e 42% nelle scuole dell’infanzia).

Sole donne per i più piccoli - La scuola dell’infanzia si distingue, oltre che per la presenza di (quasi) sole donne (99%), per la percentuale minore di insegnanti anziani. Tuttavia, nel periodo considerato, è solo nella scuola dell’infanzia che si osserva un aumento della proporzione di docenti ultracinquantenni. Negli altri ordini scolastici si riscontra il fenomeno di femminilizzazione della professione docente. Nella scuola elementare la percentuale di docenti donne è passata dal 69% al 74% (+8% nel 2016/2017 rispetto al dato del 2010/2011), nella scuola media dal 55% al 60% (+9%) e nelle scuole medie superiori dal 36% al 44% (+22%).

Fabbisogno futuro - La stima previsionale del fabbisogno di futuri docenti nei diversi ordini scolastici ha lo scopo di evitare di formarne un numero eccessivo o insufficiente. Nella scuola dell’infanzia, il fabbisogno potrebbe essere dettato sia da coloro che pensano di lasciare la professione (stimati a 30 unità) sia dai pensionamenti previsti (24 unità). Anche i congedi auspicati (62 unità) hanno un’influenza importante in termini di fabbisogno, anche se solo temporaneo.

Nella scuola elementare sono soprattutto i pensionamenti ordinari o auspicati (112 unità) a pesare maggiormente sul fabbisogno di ricambio. Il fabbisogno stimato per le scuole comunali per il quadriennio, può essere garantito con i docenti formati al DFA nel quadriennio considerato.

La modifica più frequentemente auspicata dai docenti di scuola media e delle scuole medie superiori, è invece l’aumento del grado di occupazione (rispettivamente 209 e 67 casi), mentre sono i pensionamenti (167 e 74 casi) e le diminuzioni del grado di occupazione (136 e 47 casi) a influenzare il fabbisogno di questi ordini scolastici.

La quantità del fabbisogno stimato per le scuole medie e medie superiori non riflette necessariamente la difficoltà nel riempire tali posizioni con nuovi docenti. Ad esempio, sebbene il numero di posti vacanti per insegnare il tedesco è minore rispetto al fabbisogno di docenti in altre discipline, il numero di candidati per tale materia è molto esiguo.

Lo studio - I dati sopra menzionati arrivano dallo uno studio sulla previsione del fabbisogno di insegnanti in Ticino commissionato dal DECS e dalla direzione del Dipartimento formazione e apprendimento (DFA) della SUPSI al Centro innovazione e ricerca sui sistemi educativi (CIRSE) dello stesso DFA.

Lo studio ha fatto una mappatura della situazione occupazionale della scuola anche in considerazione del progetto “100 matricole”, concordato tra DFA e DECS nel 2015 e volto a garantire il fabbisogno di docenti necessario per il settore della scuola dell’infanzia e della scuola elementare. Dai dati raccolti si può complessivamente affermare che negli anni il progetto sta dando i risultati attesi e oggi garantisce il ricambio necessario del corpo insegnante nelle scuole comunali, messo in crisi negli anni scorsi dall’elevato numero di pensionamenti.

Per quel che riguarda le scuole medie e medie superiori, il fabbisogno di insegnanti varia a seconda della materia, ma sembra essere sufficientemente coperto dalle posizioni formative aperte.

Lo studio permette di presentare una panoramica delle caratteristiche sociodemografiche e professionali che caratterizzano il corpo docente e la sua evoluzione a partire dall’anno scolastico 2010/2011. Da allora, nella scuola dell’infanzia e nelle scuole medie superiori, si registra un aumento annuo medio del numero dei docenti indicativamente tra l’1% e il 2%, mentre nella scuola elementare e nella scuola media si registra una loro lieve diminuzione non superiore al -0.8%.

Commenti
 
F/A-18 9 mesi fa su tio
Senti chi parla, l'acidula per eccellenza, )))))
sedelin 9 mesi fa su tio
è sconfortante e deplorevole leggere i soliti commenti (qui sotto) anti-italiani anche in temi che non c'entrano, ogni articolo serve (per alcuni) a esternare il proprio disagio personale e l'astio che caratterizza certi personaggi perennemente acidi.
Jessica Meira 9 mesi fa su fb
Carlotta Lo Porto
LAMIA 9 mesi fa su tio
Ma va! I nostri politici aspettano i fallitalici con i diplomi comperati che non sapranno nemmeno dove si trova Campora o la Greina, pet non dire che servirà loro il GPS per trovare la sede scolastica. A quando i gilet gialli in Ticino?
Dioneus 9 mesi fa su tio
@LAMIA Un insieme di sciocchezze così nutrito era difficile da assemblare. Brava :)
F/A-18 9 mesi fa su tio
Ma cosa vogliamo insegnare che un terzo dei nostri figli dovrà emigrare, un terzo andrà in assistenza e per gli altri ci sarà un salario di 20 franchi all'ora, gli unici salvi sono i pubblici raccomandati o magari docenti creatori di disoccupati.
sedelin 9 mesi fa su tio
@F/A-18 chiudiamo le scuole? ma roba da matt!
Lolly Rovere 9 mesi fa su fb
Una volta era abbastanza una maestra sola.... oggi 3 non sono più abbastanza.... ma sono più stressate di una volta....
Renny Crotti 9 mesi fa su fb
Lolly Rovere credo possa dire qualcosa Ruben Notari!😍
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 11:14:09 | 91.208.130.87