Depositphotos
CANTONE
19.12.2018 - 09:150
Aggiornamento : 10:39

Figli nel 2019? Arriva l’assegno parentale

Si tratta di un versamento unico da parte del Cantone di 3’000 franchi, ricevuto se si adempiono determinate condizioni

BELLINZONA - In Ticino arriva l’assegno parentale. Chi avrà un figlio a partire dal 1. gennaio 2019, o accoglierà un bambino in vista di adozione, potrà richiedere al Cantone (Istituto delle assicurazioni sociali) l’assegno, che consiste in un versamento unico di 3’000 franchi.

Ovviamente, vi sono delle condizioni da adempiere per avere diritto all’assegno parentale: domicilio e residenza in Ticino dei genitori alla nascita/adozione e 6 mesi dopo, nonché nei 3 o 5 anni precedenti (rispettivamente se svizzeri o stranieri); figlio accolto in vista di adozione domiciliato e residente in Ticino al momento dell’evento e 6 mesi dopo; reddito lordo annuo nei 6 mesi successivi inferiore a 110’000 franchi; sostanza netta 6 mesi dopo l’evento inferiore a 400’000 franchi.

La richiesta deve essere presentata all’Istituto delle assicurazioni sociali (IAS) entro un anno dalla nascita/adozione.

Sussidi cassa malati - Dal 1. gennaio 2019 aumenteranno anche gli importi concessi quale sussidio cassa malati. O meglio: l’importo minimo al di sotto del quale la Ripam (riduzione del premio dell’assicuazione malattia) risultante dal calcolo non verrà versata passerà dagli attuali 300 franchi (per adulti e 240 per giovani) a 120 franchi.

Grazie a questo adeguamento, in Ticino 1’000 persone in più riceveranno un aiuto (seppur minimo) per coprire le spese della cassa malati.

Anche il calcolo subirà delle modifiche: il limite di reddito disponibile al di sopra del quale non è possibile ottenere la riduzione del premio di cassa malati verrà aumentato. Di conseguenza, aumenteranno gli importi per chi già riceve il sussidio e 1’400 unità di riferimento (famiglie, coppie conviventi, persone sole) in più ne beneficeranno.

Prestazioni LAPS - Il 2019 prevede anche l’aumento delle soglie di accesso all'assegno integrativo, all'assegno di prima infanzia, all'indennità straordinaria di disoccupazione e alla prestazione assistenziale.

Le soglie d'accesso e i massimali di assegno integrativo vengono aumentati dello 0,9%, percentuale analoga a quella decisa dalla Confederazione per i limiti di fabbisogno delle prestazioni complementari all'AVS/AI.

L'aumento toccherà 6'800 unità di riferimento che sono al beneficio di queste prestazioni.

8 mesi fa «Lavoro e famiglia sono compatibili»
Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-16 15:07:54 | 91.208.130.89