LUGANO
24.04.2018 - 21:230

Da grande farò… il tecnico di drone

L’Ufficio della formazione sta testando l’idea di un diploma cantonale per l’utilizzo professionale dei velivoli radiocomandati. «Noi siamo pronti» dicono alla Suisse Drone Academy

LUGANO - È una delle nuove professioni più vicine al decollo. In aria volteggia infatti il progetto di un diploma cantonale per “Tecnico di drone”. «Noi siamo pronti» afferma Ernesto Merz della Suisse Drone Academy (SDA) di Lugano. Già oggi la SDA, fondata con Riccardo Trombetti, offre corsi per diventare pilota professionista. Ma il rilascio degli attestati passa da una formazione riconosciuta dall’ente italiano Enac. In aggiunta i due, assieme a 5 istruttori, sono impegnati con i corsi per adulti promossi dal Cantone al via tra pochi giorni con 24 iscritti alla Ruag di Lodrino. E proprio questi corsi, come spiega Furio Bednarz, capo dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione, «aiuteranno a capire se c’è interesse per un diploma cantonale» (vedi riquadro, sotto). Il progetto, spiega Merz, dovrebbe articolarsi su due moduli, uno teorico e l’altro pratico, per un totale di 200 ore d’insegnamento in collaborazione con la scuola di volo Avilù di Agno.

«Sentiamo spesso persone che ci dicono di avere il drone in cantina, ma di essere timorose ad usarlo» racconta Merz. A frenare i piloti in erba è soprattutto la mancanza di una chiara legislazione che stabilisca cosa è possibile fare senza violare la privacy dei sorvolati, come pure quali sono i limiti del volteggio. L’orizzonte, spiega il nostro interlocutore, dovrebbe schiarirsi nel 2019, con l’adozione anche in Svizzera dei regolamenti europei messi a punto dall’Agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa). Il nuovo regolamento, spiega Merz, disciplinerà la materia, dagli aspetti legati alle distanze, dalle altezze, alla privacy, all’obbligo d’annuncio d’incidente e altro ancora.

«Un drone non è un giocattolo», recita la massima visibile sul sito della SDA. Non è semplice infatti  far passare il messaggio, dal momento che i droni per alcuni rappresentano “solo” l’evoluzione tecnologica dei vecchi aeromodelli e quindi sono anche un balocco. «In realtà è un mondo molto più complesso - spiega Merz -. Da qui la nostra opera di sensibilizzazione attraverso i corsi che proponiamo. La gente è molto attenta e se vede passare un drone sopra il proprio giardino s’inquieta subito». Senza autorizzazione preventiva dei proprietari dei terreni, sottolinea l’esperto, «non si possono fare riprese aeree. Vale anche per gli architetti che usano i droni per poi realizzare i rendering dei loro progetti. Vige l’obbligo nel giro di breve tempo di cancellare o non rendere riconoscibili le persone filmate. Questo, e altro, come la meteorologia, sono gli aspetti su cui diamo informazioni».

Usati per il trasporto rapido di medicinali scavalcando il traffico stradale oppure per ottenere immagini da prospettive impossibili o per cercare le persone disperse in montagna. Tanti servizi, potrebbero dare origine ad altrettante professioni. Da qui anche l’interesse dell’Ufficio cantonale della formazione. «I droni aprono le porte a nuovi mestieri» dice Merz, che aggiunge: «Non solo per chi pilota, ma anche per l’operatore video che lo affianca. Senza dimenticare i programmi per montare le riprese oppure le professioni legate alla vendita, alla manutenzione dei droni. Infine c’è il mondo degli apparecchi autocostruiti. Per adesso l’industria appare in stallo in attesa dei regolamenti che facciano decollare l’intero settore». Tra le novità del 2019 ci sarà anche la registrazione di ogni velivolo. Inoltre i droni, tramite emettitore, dovranno essere localizzabili in tempo reale via satellite.

 

«Idea interessante per un settore in forte sviluppo».

LUGANO - Un diploma cantonale per tecnico di droni? «È sicuramente un’idea interessante, per un settore in forte sviluppo. Stiamo cercando di accompagnare al meglio il processo» spiega Furio Bednarz, capo dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione. Come recita il nome, l’Ufficio è particolarmente attento alle nuove professioni che nascono dal fermento dello sviluppo tecnologico.

«Un diploma cantonale - ricorda il capoufficio - serve per coprire un vuoto quando non esiste un riconoscimento federale di professione». Ed è appunto il caso per i droni, apparecchiature che, prosegue il nostro interlocutore, «hanno una grande potenzialità d’utilizzo in numerosi campi e per molte attività». Dalla Polizia, alle compagnie di sicurezza, al mondo della fotografia e dei trasporti di piccole dimensioni. Tante categorie appunto che sono chiamate a farsi promotrici dell’idea di un diploma. «Nell’ambito della formazione l’autorità pubblica non decide mai dall’alto, calando una formazione. Essenziale è che dal basso, dalle associazioni di categoria, ci sia un’analisi d’interesse. Dopodiché noi ci faremo senz’altro promotori. Anzi stiamo già cercando di accompagnare il processo innescato dalla Suisse Drone Academy. Abbiamo infatti inserito dei corsi propedeutici, chiaramente non così ambiziosi come un diploma cantonale, nel nostro catalogo dei Corsi per adulti. Il primo segnale mostra che c’è interesse. Siamo il primo Cantone a proporre qualcosa di simile, a livello svizzero il Tcs offre una formazione simile, ma solo in tedesco e non in Ticino» conclude Bednarz.

Commenti
 
tip75 8 mesi fa su tio
sono dei mezzi rumorosi inutili e fastidiosi, ci manca solo il diploma. Ci vorrebbero delle zone apposite per farli volare e basta, così sarebbe anche sicuro.
vulpus 8 mesi fa su tio
Sono dei mezzi pericolosissimi se non guidati con prudenza e competenza.Purtroppo dovremo arrivare al primo incidente prima che qualcuno ci metta dei limiti seriamente al prolificare di queste mega zanzare invadenti.A chi di competenza controllare questi voli? Non sicuramente quelli dell'ufficio federale dell'aria che dai loro uffici potranno sorvegliare quanto accade. Il diploma cantonale poi è un paletto che sa più di misura amministrativa che operativa. Si cita il lato sanitario per l'utilizzo di questi mezzi, ma finora si ha più l'impressione che sia per assecondare chi produce e vende questi mezzi che delle aspettative ed esigenze di mercato.
Bandito976 8 mesi fa su tio
Non fa in tempo a uscire una novitá che subito si crea la lobby per spillare quattrini. Che schifo!
ziopecora 8 mesi fa su tio
il drone è un nostro strumento quotidiano di lavoro. Come tutti -o quasi- i professionisti sappiamo usarli, conosciamo i regolamenti e abbiamo l'interesse a rispettarli. Ora arriverà la tipica soluzione CH. Corsi su corsi, patenti e, ovviamente, licenze da pagare a caro prezzo per poter lavorare. Già nell'articolo vi sono delle inesattezze, che affermate da chi poi insegna ai corsi non promettono per nulla bene. Mentre le decine di migliaia di privati che si sono acquistati i droni non sono a livello pratico controllabili e quindi a loro tutto questa burocrazia non verrà applicata. Allo stato pratico saranno costi inutili che non aumenteranno la sicurezza.
Gio65 8 mesi fa su tio
Prima di pensare di farne una professione, organizzate semplicemente dei corsi di pilotaggio con tanto di attestato. Io volo da 4 anni tra 1000 restrizioni e personaggi..... che non perdono occasione di fare i cagaca.....
Raffaele Balacco 8 mesi fa su fb
Interessante!
Ivan Tadic 8 mesi fa su fb
Mauro Perego taaac
Mauro Perego 8 mesi fa su fb
È fatta!
Kri HR 8 mesi fa su fb
Gionni Costa
Potrebbe interessarti anche
Tags
drone
formazione
diploma cantonale
merz
diploma
droni
ufficio
tecnico
professioni
idea
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-01-17 08:44:30 | 91.208.130.86