Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
La TV che "usa" le donne
Televisione italiana sotto accusa da parte della NZZ. Ne parliamo con Luca Tiraboschi, ex direttore di Italia 1.
BLENIO
2 ore
La Greina Trail non cede al Covid-19
La pandemia non ha scoraggiato gli organizzatori della quarta edizione programmata il 21 e il 22 agosto a Campo Blenio.
CANTONE
3 ore
I City Angels arrivano anche a Mendrisio
Per l'espansione dell'attività è iniziata la selezione di nuovi volontari
CANTONE
4 ore
Covid: in Ticino 9 casi e un decesso
Stabilità sul fronte ospedali, che ospitano, con una nuova ammissione, 29 pazienti affetti dal virus.
CANTONE
5 ore
Prove di precisione di tiro per i cacciatori
Ridefiniti validità e rilasci per le autorizzazioni di questa e delle prossime stagioni venatorie
CANTONE / ITALIA
5 ore
Sciopero ferroviario revocato in Italia
Era stato annunciato per oggi, ma è stato raggiunto un accordo con i sindacati
CANTONE
6 ore
Effetto lockdown, ed è sushi mania
Il lato "positivo" della pandemia. Nascono diverse nuove attività. In particolare nel Sopraceneri.
LUGANO
6 ore
I pattugliatori scolastici ricevono il diploma
La consegna avverrà il 19 e il 20 di maggio.
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
Lotta al terrorismo e quella frase che potrebbe annullare il voto
Per l'ex procuratore pubblico Paolo Bernasconi già oggi il tentativo di commettere un reato è punibile dalla legge.
ACQUAROSSA
8 ore
In troppi a caccia di quella pozza, nasce un sentiero in onore del Felice
Tanta gente in cerca del "luogo chiave" narrato dal romanzo di Fabio Andina. Senza trovarlo. Ecco la soluzione.
CANTONE
18.09.2017 - 08:360
Aggiornamento : 10:50

Troppi genitori-taxi in Ticino

Il 63% dei bambini viene portato regolarmente a scuola in auto. L'ATA spinge per un'alternativa ecologica e sicura, promuovendo il Pedibus

BELLINZONA - «I bambini fra i 6 e i 9 anni sono sempre più spesso portati a scuola da genitori-taxi in auto». Il dato emerge da un sondaggio voluto dall'Associazione traffico e ambiente (ATA) e redatto sulle abitudini di mobilità sul percorso verso la scuola e sugli effetti del Pedibus. 

Il fenomeno dei "genitori-taxi" è particolarmente diffuso in Ticino. Nel nostro Cantone ben il 63% dei bambini viene portato regolarmente a scuola in auto. E questo perché «più della metà dei genitori pensano che il percorso casa-scuola sia critico dal punto di vista della sicurezza». La percentuale ticinese è nettamente la più alta in Svizzera. In Svizzera-tedesca solo solo l’11% dei bambini è portato in auto, mentre in Romandia il dato sale al 50%. Questa differenza tra regioni linguistiche può essere in parte spiegata dalla percezione di una maggiore sicurezza dei percorsi casa - scuola. «Nella Svizzera tedesca vi è un'ampia diffusione di strade con misure di moderazione del traffico, mentre in Ticino e Romandia molti percorsi casa-scuola costeggiano ancora strade dove si può circolare a 50 o 60 km/h».

L'alternativa esiste e si chiama Pedibus - L'ATA ci vuole però promuovere il Pedibus, sottolineando che le esperienze «hanno portato a un cambiamento delle abitudini di mobilità nel 46% delle famiglie interrogate». Bruno Storni, Vicepresidente dell'associazione, rileva che «si sta facendo tutto il possibile affinché i nostri bambini imparino presto a muoversi in sicurezza e indipendentemente. Grazie al Pedibus i bambini e i loro genitori, come anche le autorità, vengono sensibilizzati sul tema della mobilità sostenibile. Sarebbe fantastico se il Pedibus trovasse una maggior diffusione anche in Svizzera tedesca, come già in Ticino e in Romandia. È un compito per il quale ci impegniamo fortemente». Lo studio rivela inoltre che l'81% dei genitori ticinesi conosce e apprezza il Pedibus perché «aumenta la sicurezza ed è salutare ed ecologico».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
moma 3 anni fa su tio
Girando per lavoro nei centri urbani vedo sempre meno gente a piedi e sempre più a bordo. Logicamente con tanto di telefonino all'orecchio. Di conseguenza, logica, intasamenti a go go dappertutto. Il colmo è che spesso per fare certi tratti si fa più veloce a piedi che in auto. Ma però, no, la gente non molla l'auto e la colonna. Mica male però l'andamento.
Bandito976 3 anni fa su tio
A queste mamme piace andare in auto piottosto che fare le pulizie a casa o cucinare
moonie 3 anni fa su tio
@Bandito976 ahahahahaha e scommetto che dovrebbero farlo senza aspirapolvere e lavatrice!!! dove hai lasciato la clava?
moonie 3 anni fa su tio
infatti con l'inizio delle scuole è finita la pace per le strade...
Bär 3 anni fa su tio
SUV BUS AHAHAH
Nicklugano 3 anni fa su tio
E se i bambini andassero semplicemente, come una volta, a piedi? Ovviamente escludiamo chi abita in zone veramente pericolose, ma se penso che in paesi senza rischi (Comano, Porza, ecc..) tutte le mattine è la gara per quale nuovo SUV mostrare, mi sa che il pericolo c'entra poco, piuttosto è l'esibizionismo che anima il trasporto dei bimbi....
Mattiatr 3 anni fa su tio
@Nicklugano Ma se addirittura usassero le bici, so che può sembrare scandaloso ma almeno i bambini fanno esercizio fisico e le mamme possono mostrarsi ricche con l'ultimo modello di mountain bike. Insomma tutti felici. Buona giornata :-D
castigamatti 3 anni fa su tio
non capisco....se l'81% dei genitori ticinesi conosce ed apprezza Pedibus, perché il 63% dei bambini in Ticino viene accompagnato a scuola in auto? forse perché in Ticino ci sono più mamme chioccia apprensive? che poi a sentirle hanno tutto loro da fare? innanzitutto educare e responsabilizzare i genitori!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 14:24:20 | 91.208.130.87