Archivio Fotolia
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
17 min
Frana sulla strada per Mergoscia, disagi al traffico
La polizia ha momentaneamente chiuso la strada, in entrambe le direzioni
CANTONE
2 ore
Vandali in azione, ennesimo distributore K.O.
Ignoti hanno sventrato, e razziato, un altro distributore automatico
CANTONE
5 ore
Ecco le località in cui spunterà un radar
La polizia cantonale informa sui controlli di velocità previsti tra dal 17 al 23 agosto 2020
BIOGGIO
6 ore
Passeggiata con amara sorpresa
Non è il primo furto che avviene ai danni dei veicoli parcheggiati in zona Mulini
BREGGIA
6 ore
Acqua di nuovo potabile a Cabbio e Muggio
Si consiglia però di farla scorrere per cinque minuti in tutti i rubinetti.
CANTONE
7 ore
Lavori notturni (con deviazioni) allo svincolo di Bellinzona Sud
Inizieranno lunedì prossimo e dovrebbero terminare entro la metà di settembre.
ASCONA
7 ore
Soppressa la fermata Via Pancaldi Mola
Dal 17 agosto e fino a nuovo avviso
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
9 ore
Auto contro un muro: ferite serie per una 82enne
L'incidente ha avuto luogo oggi poco dopo mezzogiorno in via Ravecchia a Bellinzona
FOTOGALLERY
QUINTO
9 ore
La Nuova Valascia prende sempre più forma
Procedono spediti i lavori al cantiere della futura pista dell'Ambrì-Piotta.
CANTONE
11 ore
Vedeggio-Cassarate chiusa per 7 notti
Si tratta delle notti fra il 17 e 19 agosto e tra il 23 e il 28 agosto.
FOTO E VIDEO
CANTONE
12 ore
Otto modi per scoprire la biodiversità delle foreste ticinesi
Il DT lancia un video promozionale e otto percorsi didattici sulla scia dell’omonima campagna federale.
VIDEO
CANTONE
13 ore
«Meno fatica + attenzione»
È la nuova campagna di sensibilizzazione per chi si sposta in sella a un e-bike.
CANTONE
13 ore
Il Ticino registra tre nuovi casi di coronavirus
Da inizio settimana sono 17 i tamponi risultati positivi al Covid-19 nel nostro cantone
VIDEO
CANTONE
15 ore
Ragazzo di Cadenazzo aiuta un senza tetto
Il video "gira" su TikTok. Tutta scena? No. Chi lo ha realizzato, lo ha fatto col cuore.
CANTONE
16 ore
«Non ci sono dati che il virus è più debole. Usate le mascherine»
Cifre che dicono tutto e niente. Valanghe di interrogativi. E l'epatologo Andreas Cerny non ci tira certo su di morale.
CANTONE
17 ore
Il coronavirus colpisce i Bed&Breakfast
Raiffeisen: «Probabilmente molti alloggi sono stati riconvertiti in appartamenti in affitto».
MENDRISIO
17 ore
La prima cieca laureata USI «Io, salva grazie alla lettura»
Per Cecilia Soresina, non vedente dalla nascita, la lettura ha rappresentato molto più che una semplice passione:
CANTONE
23 ore
Canicola bye bye
Il rischio di una nuova ondata di calore viene definito «molto basso» dagli esperti di Meteosvizzera
CANTONE
1 gior
La "bonaccia" prima della tempesta
«Tale dato non deve trarre in inganno» avverte Fernando Piccirilli, capo della nuova Sezione esecuzione e fallimento
FOTO
CANTONE
1 gior
Gli avvoltoi monaci sono tornati, puntualissimi
La scorsa estate ne erano stati avvistati quattro esemplari, quest'anno ce n'è (per ora) uno in più.
LUGANO
1 gior
«Tanta tristezza, ma ci sono altre priorità»
Niente rally del Ticino a causa del Covid. La delusione degli ultimi vincitori, Andrea Crugnola e Moira Lucca.
CANTONE
1 gior
Test in tempo reale, ecco il dispositivo portatile
Il progetto si chiama MicroCoVSens ed è sviluppato da SUPSI, IOR ed EPFL.
CANTONE
1 gior
Meno criminalità transfrontaliera durante il lockdown
Il fenomeno è dovuto alle restrizioni di viaggio. Per Berna i controlli sistematici alla frontiera «non sono necessari»
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Settore sanitario: il Governo risponde picche a Carobbio e Marchesi
La prima chiedeva di formare più medici, il secondo di non essere dipendenti dalla manodopera estera.
CONFINE
1 gior
Tragedia a due passi dal Gambarogno
Una donna è deceduta mentre si trovava in riva al lago. Inutile l'intervento dei soccorritori
QUINTO
1 gior
Al doppio della velocità consentita sull'A2
Un 54enne del Locarnese è stato fermato il 10 agosto in territorio di Quinto
CANTONE
1 gior
Anche il Rally del Ticino si arrende al virus
La 23esima edizione della competizione è stata rimandata al giugno del 2021.
CANTONE
1 gior
A caccia di punti (e a tutto sport) con B2Mission
B2Mission fa muovere le aziende in tutta la Svizzera. Così si rafforza lo spirito di squadra e si promuove la salute
LOCARNO
1 gior
Polizia in Piazza per aver un «maggior dialogo con la popolazione»
La campagna itinerante permetterà agli agenti incontrare i cittadini di Locarno e quelli dei Comuni convenzionati.
CANTONE
1 gior
Tre nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'463. Il bilancio dei morti resta fermo a 350.
VIDEO
ONSERNONE
1 gior
Swing the World è più dolce sul Pizzo Zucchero
L'altalena di Fabio Balassi ed Elisa Cappelletti è comparsa anche in Valle Onsernone
CASTEL SAN PIETRO
1 gior
Strada chiusa per oltre cinque mesi
Via Monte Generoso, fra la piazzetta di Gorla e la zona Croce, non sarà percorribile fino a febbraio 2021
MONTEGGIO
1 gior
Assalto al portavalori: due arresti
Un italiano in manette a Chiasso, un altro in Polonia. E cinque persone indagate all'estero
CANTONE
1 gior
Rientri dai paesi a rischio: controlli più efficienti
Ora le autorità cantonali ticinesi ricevono le informazioni sui viaggiatori direttamente dal Canton Zurigo
BIBORGO
1 gior
La Val Pontirone "ostaggio" di Swisscom
Nessuna copertura di rete mobile: un'interpellanza chiede al Comune di intervenire
FOTO
LOCARNO
1 gior
«Rilanciamo l'Astrovia con un'app»
Il percorso tra la foce della Maggia e Tegna è in stato d'abbandono. Ecco le idee per rinnovarlo
BELLINZONA
1 gior
Massaggi e minacce: mobbing in ufficio
L'azienda coinvolta sarebbe molto importante. Più dipendenti si sono rivolti ai sindacati.
CANTONE
13.09.2016 - 06:040
Aggiornamento : 08:05

«Deve impegnarsi ad abortire per seguire il trattamento»

Questa è la condizione che un dermatologo ha posto a una trentenne. Il farmacista cantonale: «È un grave violazione»

LUGANO - «Le prescrivo questo trattamento soltanto se conferma che in caso di gravidanza ricorrerà all’aborto». Questa è la condizione che un dermatologo di Lugano ha posto a Giulia*, una trentenne della regione che di recente si è rivolta allo specialista per rimediare a un problema di acne.

La visita dal dermatologo - Ma cominciamo dal principio. Per quattordici anni Giulia ha preso la pillola anticoncezionale, che di recente ha però cominciato a darle dei malesseri. «Ho quindi deciso di interrompere l’assunzione - ci racconta - ma a quel punto mi è comparsa l’acne». Ecco che la donna si è allora rivolta al medico che, dopo averla visitata, le ha prescritto un trattamento a base di Roaccutan (isotretinoina).

Il pericolo in gravidanza - Il medicamento in questione, se assunto in gravidanza, può avere effetti dannosi sul feto e il bambino può nascere malformato. Ed ecco quindi che dal cassetto del dermatologo spunta il documento da firmare: «Mi chiedeva di impegnarmi ad abortire, in caso rimanessi incinta durante il trattamento: non ho firmato».

E l’anticoncezionale - E non solo l’impegno ad abortire. «Il dermatologo mi ha anche chiesto di riprendere con la pillola anticoncenzionale, per essere certi che non resto incinta» ci racconta ancora Giulia, che aveva smesso di assumerla, come detto, per via dei malasseri che le procurava.

«Una grave violazione» - Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini, da noi interpellato sulla questione, ci dice che «non si può chiedere a una donna di impegnarsi ad abortire». E parla dunque di «una grave violazione di un suo diritto fondamentale. Decide solo lei, in assoluta libertà». Ma se avviene la gravidanza? «Se una donna rimane incinta mentre prende l’isotretinoina, il rischio di generare un bambino con gravi malformazioni è alto. Per questo motivo deve interrompere immediatamente la cura e farsi visitare da uno specialista in malformazioni fetali, che valuterà la situazione».

Misure di sicurezza - Per quanto riguarda invece la richiesta di ricominciare ad assumere la pillola anticoncezionale, si tratta di una delle severe misure di sicurezza che sono state introdotte nella prescrizione del Roaccutan. «Le donne in età fertile si devono impegnare a praticare una contraccezione con un metodo efficace, quale per esempio la pillola. In caso contrario il farmaco non può essere prescritto» conclude Zanini.

*nome noto alla redazione

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Silvana Canonica 3 anni fa su fb
X me doveva solo farle firmare un documento in cui la ragazza si prendeva le sue responsabilità in caso di gravidanza, essendo consapevole degli effetti collaterali che questa cura può avere su un eventuale gravidanza. Mi sembra giusto
Matto04 3 anni fa su tio
ma c'é ancora chi prescrive il Rouccutan?io lo assunsi 30 anni or sono. Lascia perdere. ti viene la pelle d'elefante. comunque mi ricordo che per 24 mesi finita la cura, consigliavano di aspettare a rimanere incinta. Ergo, bomba per il corpo.
Mirian Castelnuovo 3 anni fa su fb
Il medicinale Roacutan mi è stato prescritto qualche anno fa , il dermatologo mi ha però resa attenta del pericolo in caso di gravidanza
Mariarosa Volpin 3 anni fa su fb
Siamo al limite della pazzia
Florencia Flor 3 anni fa su fb
Io ho fatto questa cura pero prima di iniziare mi hanno fatto il test e poi ho firmato un foglio perche e molto pericoloso per il bambino !
8Paola3 3 anni fa su tio
Mi sembra un po' una bufalata. Nel senso che un dermatologo si prescrive questo medicamento avvisando il paziente che per il periodo che prende questa pastiglia non deve rimanere in cinta. Ma non perché non può ma perché è consigliato o meglio dire il "feto" potrebbe non essere sano. Forse prima di sbattere suoi giornali o che questa paziente dica cosa è meglio che ci pensi due volte.
Giancarla Boldrini 3 anni fa su fb
Vedi che le risposte sono intelligenti .. Non capisco perché si parli di violazione !!!???
Melina Meroni 3 anni fa su fb
Credo che il medico abbia fatto benissimo ad informare sui pericoli della cura. Non capisco lo scandalo e la "violenza" francamente.
Laura Bernasconi 3 anni fa su fb
Questo protocollo è più che giustificato dato che, in passato, vi sono state donne che hanno sottovalutato le controindicazioni e, dopo aver partorito, si sono ritrovate con un figlio problematico e tentato di far causa al medico. Il Roaccutan, come il suo generico, sono medicamenti molto invasivi ma la cura non dura oltre alcuni mesi. In alternativa vi sono le tetracicline, che fanno parte della categoria degli antibiotici. Più leggere ma con ottimi risultati. A chi scrive che l'acne volgare o l'acne sottocutanea si cura con cremine o andando a Loudes, indubbiamente non lavorano nell'ambito sanitario.
Stefania Stefy Silva 3 anni fa su fb
Titolo ingannevole... Il medico le ha chiesto di impegnarsi a non rimanere incinta nel caso decidesse di fare la cura. E allora? Se decidi di curarti l'acne (che non è obbligatorio) ti impegni anche a non rimanere incinta in quei sei mesi perché rischi gravi malformazioni del feto! Non vuoi farlo? Curi l'acne in un altro modo.
Romy Ribi 3 anni fa su fb
Concordo, è che oggi abortire è un tantino troppo facile...è meglio l' anticoncezionale come consigliato dal dermatologo. Se prendi roaccutane e hai rapporti sessuali ti pigli le tue precauzioni. L'aborto non è una soluzione.
Patty Zala 3 anni fa su fb
Comunque trovo molto peggio uno che nn avverte le pazienti e se ne frega. Lui è stato chiaro fin da subito, in questo senso tanto di cappello. Non ha obbligato nessuno mi pare, anzi
Davide Donghi 3 anni fa su fb
Non commento il caso in sé, in quanto non ne conosco i dettagli e la questione presenta troppe sfaccettature etiche/legali per essere affrontato da un portale di basso livello come Tio. Il fatto di far firmare un "disclaimer" è il risultato della tendenza della gente a non prendersi più le proprie responsabilità, accusando e magari denunciando il medico per qualsiasi inconveniente risulti da un trattamento. È ovvio che poi quest'ultimo sia obbligato a far firmare documenti assurdi per non finire in tribunale ingiustamente. A chi qui sotto pontifica sull'isotretinoina rispondo: si tratta di un farmaco eccezionale e L'UNICO che possa curare l'acne grave, malattia infiammatoria che può lasciare gravi conseguenze a lungo termine oltre che rappresentare un fattore di discriminazione sociale. Se prescritto rispettandone l'indicazione (l'acne GRAVE, appunto, non per tre brufoletti!) e con le informazioni e cautele necessarie, non vi sono rischi significativi. E finitela una buona volta con sta storia della depressione: non è mai stato dimostrato, e dall'esperienza anche personale un soggetto perfettamente sano non svilupperà certo una depressione a causa del farmaco. Semmai si deprimerà se NON verrà curato in maniera adeguata rimanendo segnato a vita. I rimedi naturali? Forse per le piccole impurità, per l'acne grave lasciate perdere. Articolo dannoso.
Andrea Bianchi 3 anni fa su fb
Quindi da quasi 10 anni non sarebbe dimostrato che l'isotretinoina riduce il rilascio di serotonina e che quindi il Roaccutan potrebbe causare, amplificare se già presenti od aumentare il rischio d'insorgenza di sintomi come depressione e pensieri suicidi. Poi fino a qualche anno fa, circa una decina, esso era prescritto con leggerenza senza alcun accenno a questi effetti collaterali anche da diversi dermatologi ticinesi. Un farmaco così sicuro che è stato messo in commercio senza conoscerne esattamente il meccanismo d'azione, ma solo perché funzionava e le conseguenze, la punta dell'iceberg, si possono leggere nei rapporti dell'Oms: fra coloro che hanno assunto isotretinoina si sono verificati centinaia di tentativi di suicidio e migliaia di casi di disturbi psichici. Altro che assenza di rischi significativi: curare un'acne grave rischiando di provocare od anche "solo" slatentizzare una depressione è da incoscenti.
Etinha Ana Carvalho 3 anni fa su fb
Andrea, ha mai avuto l'acne grave? Sai i disagi psicologici, la bassa autostima, le crisi di pianto, la tristezza del volto rovinato??? Io ho fatto l'uso di isotretinoina e mi pento di non averlo fatto prima!!! Oggi sono una persona migliore, col problema risolto. Inconsciente sarebbe avere la faccia rovinata dall'acne e non fare nulla.... E chiunque abbia avuto l'acne severa, sa bene di cosa sto parlando.
Laura Bernasconi 3 anni fa su fb
Hai dimenticato di scrivere che, i brufoli, e soprattutto quelli sottocutanei, magari nella zona periorale, causano forte dolore e limitazioni nei movimenti della bocca ed impossibilità a mangiare. O vogliamo parlare di quelli intorno agli occhi? O in altre zone del corpo?
Davide Donghi 3 anni fa su fb
non capisco il motivo di questa acredine, e le elucubrazioni complottistiche sulla presunta influenza della "malefica" Roche lasciano il tempo che trovano. Mai pensato che oggi si prescrivono quasi solo i generici, prodotti da piccole ditte che di sicuro non smuovono i grandi poteri? Poi: la letteratura scientifica non presenta alcun consenso, il fatto che la molecola interagisca con dei neurotrasmettitori non dimostra nulla, se non il fatto che certi soggetti siano più sensibili di altri. Volete solo farmaci dei quali si conosca esattamente il modo d'azione? Cari miei accomodatevi, di tante malattie non sappiamo nemmeno i meccanismi precisi, questa pretesa è assurda. In quanto ai dati OMS: se (e sottolineo se) ci fossero anche state alcune centinaia di depressioni o suicidalità nei milioni (milioni!) di persone curate con isotretinoina, questo sarebbe né più né meno della percentuale di depressioni/suicidi nella popolazione "normale". Non dimentichiamo che il tasso di suicidi negli adolescenti è già piuttosto alto per altri motivi, non certo per colpa del farmaco. Per finire ripeto: si tratta di un farmaco indicato per una malattia importante come l'acne grave, e viene prescritto quando i benefici sono chiaramente superiori ai rischi, non certo in modo incosciente.
Andrea Bianchi 3 anni fa su fb
Davide Donghi Ovviamente le case farmaceutice e le aziende che producono sementi, spesso strettamente collegabili, non sono una delle più potenti lobby mondiali. Roche poi era tranquilla, per questo 10 anni fa ha rifiutato di farsi intervistare da Falò sul tema isotretinoina. Mai pensato che il Roaccutan per come e quanto era utilizzato e per chi lo produceva fino ad una decina di anni fa era una gallina dalle uova d'oro per Roche? Il fatto che l'isotretinoina riduce il rilascio di serotonina, quest'ultima soprannominata ormone della felicità, non rappresenterebbe niente? Si tratta di pesanti indizi, anche se è non è ancora stata stabilito un rapporto di causa/effetto. In ogni caso la mia osservazione non è tanto sul tipo di effetti collaterali, che il foglietto illustrativo del medicinale stesso ellenca, bensì sulla loro frquenza. Non si conosceva il meccanismo d'azione perché Roche non si è degnata di studiarlo prima di commercializzare il farmaco, non perché fosse complicato studiarlo, infatti esso è stato scoperto una decina di anni fa da uno studio indipendente finanziato da un'agenzia pubblica statunitense che di certo non dispone dei mezzi di una casa farmaceutica come Roche. Non ho detto che l'isotretinoina è la causa principale dei suicidi giovanili, ma che il rapporto fra benefici ed effetti collaterali non giustifica l'uso smodato che se ne faceva fino ad una decina di anni fa e nemmeno l'uso che se ne fa oggi. Come detto i casi riportati dall'Oms sono pochi poiché in gli effetti collaterali riguardano problemi che le persone per vergogna o paura di essere giudicate tendono a nascondere. Tutta questa risposta è servita a smentire il suo divagare attorno alla questione, presumo per disinformazione sul tema.
Davide Donghi 3 anni fa su fb
Andrea Bianchi, sono davvero mortificato per la mia ignoranza sul tema, visto che come dermatologo prescrivo isotretinoina da anni con risultati egregi e senza problemi rilevanti. Come abbia fatto la FMH a darmi il titolo di specialista, rimane un gran mistero. Non sono né manovrato dai cattivoni dell'industria farmaceutica, né mosso da interessi diversi dal bene dei miei pazienti. Se lei è più competente di me in fatto di acne, venga pure a farmi una lezione in studio. Lungi da me difendere multinazionali varie, ma quello che lei dice sul fatto di non conoscere un esatto meccanismo biochimico vale per decine e decine di farmaci. Se dovessimo ritirarli tutti dal mercato, torneremmo a curarci solo con le erbe e i decotti della nonna (con tutto l'affetto per i nonni ?).
Amanda Marcollo Pini 3 anni fa su fb
Bravo Davide....concordo pienamente con le tue affermazioni!!!
Andrea Bianchi 3 anni fa su fb
Davide Donghi In questo caso poteva dirmi subito che era un dermatologo, così mi risparmiavo la discussione: a prescindere dal suo parere non mi sarei aspettato una critica ai suoi colleghi. Preferisco comunque pensare a cure alternative (correggere l'alimentazione, esposizione solare, scrub, altri farmaci meno invasivi, eventualmente fraxel per le cicatrici) al "giocare" con un neurotrasmettitore per combattere l'acne cistica e rimprovero il fatto che questo farmaco sia prescritto, in diversi casi date le esperienze, senza una corretta informazione al paziente sugli effetti collaterali e fino a qualche anno fa spesso senza che ce ne fosse bisogno.
Davide Donghi 3 anni fa su fb
ufff.... Speravo che l'argomento fosse chiuso ma mi vedo costretto a rispondere in quanto nuovamente tirato in ballo in modo polemico. 10 anni fa non ero ancora tornato in Ticino e dunque è inutile accusarmi di "sorvolare" su quanto veniva fatto dai colleghi. In ogni caso li conosco e dubito fortemente che abbiano prescritto un farmaco simile come delle Menthos. Se vuole muovere accuse di tale gravità, anche lei dovrebbe presentare dei dati affidabili e comprovati, il resto mi dispiace ma è fuffa. Ça va sans dire che va curata con Isotretinoina solo l'acne grave e sono il primo a criticare chi dovesse fare diversamente. Inoltre, vista la sua conoscenza profonda del farmaco e del suo utilizzo, saprà anche che da anni viene prescritto dai dermatologi svizzeri in dosi addirittura fino a 8 volte minori rispetto alle raccomandazioni di Swissmedic. Questo ha permesso una tolleranza migliore soprattutto per ciò che riguarda i disturbi di secchezza cutanea e mucosale, con un'efficacia buona. Mi si accusa di "banalizzare" i rischi prescrivendo il farmaco: beh gran parte dell'arte medica risiede del valutare il pro e il contro di un trattamento. In questo caso, SÌ, il (minimo, se davvero esiste) rischio è giustificato dall'efficacia. Vuole aprire questo tema? Si accomodi, potremo discutere per anni sui rischi anche gravi (morte) legati a farmaci di uso comune come Aspirina, antiipertensivi, statine, anticoagulanti e chi ne ha più ne metta. Chiudo (spero in modo definitivo) citando il Prof. Peter Itin, primario della clinica universitaria di dermatologia di Basilea e già presidente dei dermatologi svizzeri: "L'isotretinoina ha sicuramente contribuito a prevenire molte più depressioni di quante possa anche solo ipoteticamente averne causate". Ora, per favore, basta.
Andrea Bianchi 3 anni fa su fb
Davide Donghi Premesso che per me la discussione con lei era chiusa ed è stata Laura Bernasconi a citarla, non lancio accuse, ma muovo critiche motivate dalla documentazione ufficiale e, per quanto limitate, dalle esperienze in proposito che conosco sul tema. Sono poi i dermatologi e gli psicologi stessi ad essere restii a fornire informazioni sull'utilizzo che facevano 10 anni fa dell'isotretinoina: infatti otto anni fa in Ticino solo il 19% di voi ha risposto al primo invio di un questionario ricevuto dal Centro regionale di farmacoviglianza nell'ambito di un'indagine retroattiva sulle reazioni psichiatriche legate agli effetti collaterali provocati dall'uso del Roaccutan. Concludo proponendo una riflessione: se l'isotretinoina funziona ed ha effetti collaterali accettabilmente limitati perché così tanti pazienti che hanno seguito delle terapie con questo farmaco lamentano delle conseguenze anche gravi e perché le autorità preposte alla farmacovigilanza, anche la Fda negli Stati Uniti, raccomandano prudenza nell'utilizzo e come lei dice oggi i dermatologi stessi prescrivono dosi inferiori alle raccomandazioni di Swissmedic e non cicli da cavallo di 100 o più compresse da 20 mg consecutive (una compressa al giorno) come accadeva fino ad una decina di anni fa? Infine in generale l'uso eccessivo di farmaci dei nostri giorni, con tutte le conseguenze sociali ed economiche, si potrebbe in parte limitare, almeno per le persone con meno di 50 anni senza malattie gravi, rivalutando pratiche oggi poco in uso come una seria anamnesi ed una maggiore attenzione per il paziente tramite un approccio multidisciplinare, ma queste opzioni non concordano con la nostra società frettolosa ed orientata al profitto.
Antonia Giudici 3 anni fa su fb
Che follia prendere il Roccoutan con tutti i terribili effetti collaterali certi! Ma cercare di risolvere gli squilibri ormonali con una alimentazione sana? Con trattamenti naturali? Questi dermatologi che lo prescrivono ancora sono davvero commendabili! Con tutti invasi di suicidio, depressione, psicosi, bambini nati con buchi nel cuore e nel cervello... Meglio l'acne o tutto ciò?
Laura Bernasconi 3 anni fa su fb
Quanta ignoranza...
Cristina Nidola 3 anni fa su fb
È vergognoso
Andrea Bianchi 3 anni fa su fb
Non ci posso credere, questo schifo di medicamento è ancora in giro nonostante sia soospettato di provocare come effetti collaterali depressione e pensieri suicidi in misura tutt'altro che marginale.
Doris Simion 3 anni fa su fb
Gia 21 anni fa mia figlia ha firmato un formulari. Il medicamento è veramente dannoso in casa di gravidanza. La paziente deve fare di tutto di non rimanere incinta, altrimenti non deve accettare la cura. Inoltre che assume questo medicamento, deve fare regolamente una esame di sangue x vedere i valori del fegato.
Valentina Ibanez 3 anni fa su fb
È la prassi ed è giusto che viene detto! Firmare un documento vuol dire essere a conoscenza di tutto ciò che viene detto. Non è un obbligo firmare.
vulpus 3 anni fa su tio
Problema molto delicato, che andrebbe affrontato e risolto con degli specialisti e non sul blog di TIO. È sempre possibile avere un consulto di confronto.
ladycore 3 anni fa su tio
@vulpus Chiacchere da bar o piazzetta.
Benji78 3 anni fa su tio
Mi sembra strano che un medico faccia firmare un foglio dove la donna si impegna ad abortire. Non avrebbe nessun valore. Bisognerebbe verificare. Il foglio che voleva farsi firmare il medico poteva anche essere solo informativo sui rischi dell'assunzione del farmaco e sul possibile ricorso all'aborto, per tutelarsi ovviamente. Notizia da prendere con le pinzette
dudo 3 anni fa su tio
@Benji78 infatti il mio post è stato cancellato perché ho definito l articolo ipocrita. Come ho scritto una donna responsabile che deve fare una tale cura mi sembra ovvio che eviti minuziosamente una gravidanza e la rinvii a dopo. Qualsiasi cosa sia che medico ha fatto firmare è probabilmente una forma di tutela per se stesso. Se una gravidanza avvenisse con il nascituro malformato e con la scusa di non essere stata informata la richiesta di risarcimento miglio arido è dietro l angolo.
dudo 3 anni fa su tio
@dudo Milionario ovviamente .......
ladycore 3 anni fa su tio
@dudo I medici hanno i loro avvocati, hai letto il risarcimento per l'amputazione dei 2 seni, nessun milione in vista. In America puoi ancora ottenere risarcimenti elevati, in Svizzera è tutt'altra cosa.
Grazia Bernasconi 3 anni fa su fb
Stesso problema risolto con creme a base di acido benzoico e antibiotici in crema
La Lara 3 anni fa su fb
Che poi è solo assunzione di molta vitamina A che chiaramente non va bene se assunta in gravidanza.. Non è che ci sia dentro chissà che cosa nel medicamento.. Ognuno è libero di scegliere se fare la cura o no.. Ci sono cose molto più gravi che questa nel mondo della medicina..!
Andrea Bianchi 3 anni fa su fb
L'isotretinoina è sospettata di provocare come effetti collaterali, oltre a malformazioni all'embrione come è indicato sulla confezione, depressione e pensieri suicidi in misura tutt'altro che marginale, quindi il medicamento non è affatto da sottovalutare.
La Lara 3 anni fa su fb
Come tutti i medicamenti ...
Andrea Bianchi 3 anni fa su fb
No, perché il rapporto fra benefici e rischi, anche se si tratta di curare un'acne aggressiva, è completamente sproporzionato. Il Roaccutan ovrebbe essere ritirato dal mercato, ma la Roche è troppo potente. Chissà perchà 10 anni fa non hanno risposto alle domande di Falò sul tema.
Etinha Ana Carvalho 3 anni fa su fb
Ringrazio a Dio l'esistenza del Roacutan. Io l'ho preso, tanti parenti miei lo hanno preso, amici pure e nessun caso di depressione che io conosca. Fatti e non parole ????
Andrea Bianchi 3 anni fa su fb
Etinha Ana Carvalho Qualche decina di persone non sono un campione statistico sufficientemente grande per trarre conclusioni su un farmaco.
Romy Ribi 3 anni fa su fb
Laura Bernasconi.... il rischio di suicidio non era un effetto secondario nei casi di somministrazioni di anti depressivi? Anche Roaccutan ha questo effetto secondario descritto? Mi piace · Rispondi · Adesso
Laura Bernasconi 3 anni fa su fb
Romy Ribi Negli effetti collaterali del Roaccutan vi è scritto che può causare idee suicidee. Ma, e questo è un mio parere strettamente personale, se le persone si facessero condizionare dalla lista degli effetti collaterali di ogni medicamento, nessuno ne assumerebbe più. Io, che non sono medico, consiglio di parlarne sempre con il proprio specialista e porre tutte le domande in caso di dubbi. Gli effetti collaterali sono soggettivi da persona a persona.
dudo 3 anni fa su tio
Non vedo il problema! Se devo fare una cura con un certo medicamento come donna responsabile evito di restare incinta in quel periodo. Posso capire anche il medico. Se poi la donna fosse rimasta incinta portando avanti la gravidanza con un nascituro gravemente malformato potrebbe rifarsi contro di lui chiedendo un risarcimento milionario con la scusa che non è stata informata abbastanza. L'articolo è ipocrita!!!
Hirpus 3 anni fa su tio
@dudo Concordo.
Dani Mali Carl 3 anni fa su fb
Anche a me fu stata detta la stessa cosa dalla mia dermatologia, e una cura molto aggressiva che poterebbe compromettere una eventuale gravidanza e complicanze per il feto. Il tutto e stato ingigantito e lo trovo un artico al quanto inutile forse sarebbe stato meglio informarsi bene.
Milena Gaspari 3 anni fa su fb
Avevo fatto anche io quella cura a suo tempo ed ero stata avvisata che durante tutto il periodo, non dovevo restare incinta (è la prassi). A 30 anni, addirittura un dermatologo me lo voleva far prendere, anche sapendo che stavo provando già da tempo ad avere figli... Lo trovo molto peggio ??
Snjezana Maric Stanusic 3 anni fa su fb
Francamente , non capisco lo scopo del articolo . Vi è molta disinformazione dietro.
elvicity 3 anni fa su tio
Non dovrebbero salvaguardare la vita i nostri medici ?
Arianna Tulipani 3 anni fa su fb
È una prassi medica questa. Ed è corretto che venga detta. Molto peggio sarebbe non avvertire e vedere crescere un figlio con problemi relativi all'assunzione dei farmaci per l'acne.
Jessica Colombo 3 anni fa su fb
Non ho parole,. Ci sono rimedi naturali che aiutano l'acne.Ma un figlio non è un oggetto.. stiamo scherzando...
Laura Bernasconi 3 anni fa su fb
No comment.
Koenig Assunta 3 anni fa su fb
Sono senza parole ? l acne si cura senza medicamenti anche la più difficile !!
Anastasia Del Toro Cuomo 3 anni fa su fb
Pessimo...non è un medico;(
porsche77 3 anni fa su tio
Cara Giulia, se posso esprimere un mio "giudizio/consiglio" lascia perdere quella m...., trova un'alternativa con metodi naturali o omeopatici, forse più lunga ma indubbiamente più salubre e senza effetti collaterali. Il tuo corpo ha già dovuto subire per anni gli effetti "devastanti" della pillola anticoncezionale e ora rimediare con qualche cosa di ancora più devastante sarebbe folle. Pensaci, Un caro saluto
bananajoe 3 anni fa su tio
@porsche77 Scusami se mi permetto ma se il medico è ricorso al Roaccutan è evidente che non si tratta di un'acne fisiologica. L'acne agressiva che sia volgare o di altro tipo è devastante sia a livello fisico che psicologico e puoi documentarti cercando immagini su internet. Non diamo l'illusione che tutto si possa curare con i rimedi naturale o qualche granulino per favore!!
bananajoe 3 anni fa su tio
@bananajoe Non voglio entrare nel merito dell'etica del medico in quanto non è chiaro quanto ha dovuto firmare la paziente
La Lara 3 anni fa su fb
Anche il mio dermatologo, per una cura per l'acne mi ha fatto firmare il foglio che avrei abortito in caso di gravidanza. Sinceramente preferisco essere stata avvisata che non esserlo!
Greta Di Ninno 3 anni fa su fb
ma cambia medico..
Fran 3 anni fa su tio

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 23:08:32 | 91.208.130.85