Cerca e trova immobili

SVIZZERA«Troppo costosa l'una, inopportuna l'altra»

22.01.24 - 10:57
Il Consiglio federale invita gli svizzeri a respingere le due iniziative popolari sull'AVS in votazione il 3 marzo prossimo.
Imago
Fonte ats
«Troppo costosa l'una, inopportuna l'altra»
Il Consiglio federale invita gli svizzeri a respingere le due iniziative popolari sull'AVS in votazione il 3 marzo prossimo.

Troppo costosa l'una, troppo rigida e inopportuna l'altra. Con queste motivazioni, il Consiglio federale invita a respingere le due iniziative popolari sull'AVS in votazione il 3 marzo prossimo. Secondo l'ultimo sondaggio Tamedia, però, solo la pensione a 66 anni verrebbe bocciata dal popolo, mentre la tredicesima AVS verrebbe approvata con ampio margine.

La prima iniziativa, lanciata dai sindacati e sostenuta dalla sinistra, chiede il versamento di una tredicesima rendita AVS, mentre la seconda proposta di modifica costituzionale, promossa dai Giovani PLR, auspica l'innalzamento dell'età pensionabile a 66 anni, per poi adeguarla in linea con l'aspettativa di vita.

Problema reale, soluzione sbagliata
Per la responsabile del Dipartimento federale dell'Interno (DFI), la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider, presente oggi davanti ai media per lanciare la campagna di voto in vista della consultazione popolare, l'iniziativa dei sindacati mette senz'altro in rilievo un problema reale, ossia che un certo numero di pensionati fa fatica a tirare avanti, specie in un frangente come quello attuale contraddistinto da un aumento dei prezzi.

Questo problema rappresenta «una mia priorità come responsabile del DFI», ha sottolineato la "ministra" socialista, ma la soluzione proposta dall'iniziativa va troppo lontano: non solo costerebbe troppo - 4,1 miliardi di franchi dal 2026 che diventerebbero subito 5 a partire dagli anni '30 con l'atteso incremento dei pensionati - ma renderebbe più fragile il nostro primo pilastro, col rischio che a pagarne le conseguenze sarebbero proprio gli anziani che si vorrebbero aiutare.

aume-Schneider ha spiegato che intende portare in parlamento un progetto nel 2026 che assicuri la sostenibilità finanziaria dell'AVS per il periodo post-2030 e che tenga in particolare conto di quei pensionati o futuri pensionati che non dispongono di un secondo pilastro oppure ne hanno uno, ma del tutto insufficiente. L'iniziativa, concedendo una tredicesima a tutti, non tiene conto proprio della situazione particolare di questi soggetti, che rischiano di non trarre alcun vero beneficio da una tredicesima AVS. A suo avviso bisognerà agire soprattutto a livello di prestazioni complementari che garantiscano una vecchiaia dignitosa.

Il dilemma del finanziamento
Altra pecca dell'iniziativa, ha aggiunto la consigliera federale, è il fatto che non si dice nulla su come verrebbe finanziata una tredicesima AVS senza toccare le prestazioni complementari. Il pericolo, ha sottolineato Baume-Schneider, è che si sia obbligati a innalzare l'IVA, con effetti negativi sui prezzi, oppure mediante un aumento dei prelievi sui salari, col rischio di far rincarare il costo del lavoro gravando ulteriormente sull'economia. Anche il contributo della Confederazione - oggi un miliardo - sarebbe destinato a raddoppiare, e ciò in una situazione di finanze federali già fragili.

Sebbene la situazione attuale dell'AVS sia buona, la "ministra" socialista ha rammentato che presto, ossia dal 2031, verranno registrati dei deficit, che si aggraverebbero se l'iniziativa venisse accolta: la generazione dei baby-boomers smetterà presto di lavorare facendo schizzare il numero di pensionati da 2 a 3 milioni in pochi anni. Se al momento ci sono ancora 3 attivi per un pensionato, dal 2035 si passerà a 2,1 attivi per pensionato, ha ricordato la Consigliera federale giurassiana.

Contratto generazionale in pericolo
Baume-Schneider ha insistito sul fatto che per risolvere gli attuali problemi dell'AVS siano «necessari provvedimenti mirati con soluzioni finanziarie a lungo termine». Il passato ci ha insegnato che per giungere a soluzioni condivise è indispensabile scendere a compromessi, quest'ultimi frutto di un lavoro che può durare decenni: è stato il caso di AVS21 adottata nel 2022, una riforma caratterizzata da un aumento dell'età pensionabile delle donne a 65 anni e un incremento dell'Iva.

L'iniziativa dei sindacati, insomma, peserà sulle spalle delle generazioni future mettendo in forse il contratto generazionale che, ha sottolineato la consigliera federale giurassiana, «deve funzionare nelle due direzioni».

Contraria alla nostra cultura politica
La ricerca di compromessi e di soluzioni condivise vale anche per l'iniziativa dei Giovani liberali radicali che istituisce degli automatismi rigidi che non tengono conto, secondo la "ministra" dell'Interno, della nostra cultura politica, della complessità dell'AVS e della specificità di talune professioni.

Anzi, un simile automatismo mette in pericolo le soluzioni adottate per determinati rami economici caratterizzati da occupazioni logoranti, come la costruzione o l'edilizia, ha specificato la responsabile del DFI.

Rispondendo una domanda dei media, Baume-Schneider ha fatto notare quanto sia stato complicato far "digerire" al popolo l'idea di innalzare l'età di pensionamento delle donne da 64 a 65 anni come previsto da AVS21. La questione dell'età di pensionamento è molto sensibile, ha sottolineato, e non può essere risolta introducendo nella legge automatismi contrari al nostro modo di fare politica.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

HPR 2 mesi fa su tio
Come la mettiamo con la disparità delle rendite AVS fra coniugati e conviventi ? Devo divorziare per avere la stessa rendita di una coppia di conviventi ?

Rigel 2 mesi fa su tio
Risposta a HPR
stavo pensando alla stessa cosa...

Simulator 2 mesi fa su tio
Quando si deve aiutare gli svizzeri stranamente chiedono sempre di non farlo…sembra proprio che la gente sia m….gli anziani sono un peso e via dicendo..però per aiutare il resto del mondo erogano miliardi come nulla fosse…voto SI perché il tempo dei NO è finito. aiutiamoci e aiutiamo i nostri genitori, meritano un piccolo respiro per sopravvivere con dignità.

Filippone22 2 mesi fa su tio
Voterò SI perchè le argomentazioni della nostra CF non stanno ne in cielo ne in terra! I miliardi per UE e Ucraina saltano fuori come caramelle dal nulla ed è arrivata l’ora di dire basta! Prima si aiutano i nostri!

Gimmi 2 mesi fa su tio
Risposta a Filippone22
Ben detto!!!!

franco1956 2 mesi fa su tio
ZURIGO - Scendono ulteriormente le divise della Banca nazionale svizzera (BNS). A settembre hanno segnato una contrazione del 2,2% pari a 15,53 miliardi di franchi, attestandosi dunque a 678,45 miliardi di franchi. A fine agosto erano 693,97 miliardi, secondo le statistiche pubblicate dall’istituto centrale elvetico venerdì mattina.Piu di 600 miliardi di riserve?E non ci sono 3 o 4 miliardi per l'AVS???Ma per piacere!!!!

franco1956 2 mesi fa su tio
E se,si destina parte delle riserve della Banca Nazionale???Hanno riserve che farebbero il bene dell'AVS.

Gimmi 2 mesi fa su tio
Come al solito,i "nostri" Consiglieri Federali,da ca 40'000 fr di stipendio al mese ,quando si tratta di dare degli aiuti hai nostri anziani,cercano di spaventare come sempre in queste occasioni,la gente,ma quando i miliardi ,li devono dare per altre cose,tutto va bene ed i soldi ci sono!Dovrebbero vergognarsi,ma purtroppo abbiamo ancora molta gente"pecora",che li segue,povera ricca Svizzera!!

Wish 2 mesi fa su tio
Si necessita di maggiore potere d'acquisto (aumentare le paghe...) di conseguenza si avrebbero maggiori entrate fiscali e voilà che il CF non avrebbe niente da dire.

sirio 2 mesi fa su tio
Bobo: concordo con te

Bobo 2 mesi fa su tio
I soldi quando vogliono li trovano vedi salvare banche o scialacquare all'estero...!!!!!! Ma per i poveri anziani che hanno dato tutto per questa nazione .... un pé per il didietro!!!!!!!!!!! Grazie politicanti del............!!!!!!!

Tao2023 2 mesi fa su tio
I soldi ci sono e sono tanti, ma la politica fa il braccino corto con gli anziani che abitano in CH e che hanno contribuito al benessere dela stessa, ma regalano soldi con estrema sisinvoltura a paesi terzi, il CF era pronto a mettere sul tavolo decdine di miliardi per il salvataggio della banca Credit Suisse.

Tao2023 2 mesi fa su tio
Risposta a Tao2023
Scusate gli errori scritto senza occhiali

Luigi Bianchi 2 mesi fa su tio
Risposta a Tao2023
quanto hanno dato alle banche senza battere ciglio? per quanti anni quel singolo pagamento avrebbe pagato tutte le mensilità dei pensionati?

Tao2023 2 mesi fa su tio
Risposta a Luigi Bianchi
Ripeto i soldi ci sono, è segno che non sei anziano e non si pensionato come lo scrivente. Parlando con ex colleghi di lavoro e con altri pensionati anche loro fanno fatica ad arrivare a fine mese ma con la 13a le cose sarebero migliori. Faccio fatica ad andare dal dentista perchè non me lo posso permettere e quelle volte che ci vado sono parecchie rate. Chi non vuole dare la 13a ai pensionati sono degli egoisti anhe loro invecchieranno. In ogni caso votero' SI alla 13a

fugu 2 mesi fa su tio
Risposta a Tao2023
Scusa se mi intrometto, ma mi sembra di capire che Luigi Bianchi andava nel tuo senso. E sono d'accordo anch'io.

Suissefarmer 2 mesi fa su tio
i soldi della bns al popolo elvetico, credo che 1% basti solo per dire
NOTIZIE PIÙ LETTE