Cerca e trova immobili

SVIZZERA«La Segreteria di Stato della politica di sicurezza va abolita»

10.12.23 - 13:38
L'idea è stata avanzata all'interno della Commissione del Nazionale e troverebbe ampio sostegno politico. Reticente solo la sinistra.
20min/Matthias Spicher
Il presidente della Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale, Mauro Tuena.
Il presidente della Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale, Mauro Tuena.
Fonte ats
«La Segreteria di Stato della politica di sicurezza va abolita»
L'idea è stata avanzata all'interno della Commissione del Nazionale e troverebbe ampio sostegno politico. Reticente solo la sinistra.

BERNA - Il presidente della Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (CPS-N), Mauro Tuena (UDC/ZH), chiede l'abolizione della Segreteria di Stato della politica di sicurezza (SEPOS). L'idea avanza all'interno della CPS-N. Solo la sinistra sarebbe reticente.

«La sicurezza della Svizzera è garantita anche senza Segreteria di Stato», afferma il democentrista, interrogato dal SonntagsBlick. Secondo l'edizione odierna del domenicale, l'idea si sta facendo strada tra i commissari, che intenderebbero rivolgere per iscritto la loro richiesta alla consigliera federale Viola Amherd, responsabile del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). I deputati di sinistra che siedono nella CPS sarebbero invece disposti a offrire ancora una chance alla consigliera federale.

Il parlamento non ha competenze in merito alla costituzione di una Segreteria di Stato. Nella fattispecie solo il Consiglio federale può decidere di rinunciare alla SEPOS. Poiché appare assolutamente improbabile che un altro membro del governo intervenga sulla questione, il dossier è nelle mani di Amherd, scrive il settimanale.

La SEPOS, secondo i piani, entrerà in funzione il prossimo primo gennaio, ma per il momento non dispone ancora di un capo. A sorpresa alla fine di ottobre, il diplomatico di carriera Jean-Daniel Ruch ha deciso di non assumere la funzione di Segretario di Stato alla sicurezza.

«La signora Amherd dovrebbe dare prova di grandezza e mettere fine alla Segretaria di Stato», sostiene il presidente della CPS-N. Se non si arriverà a tanto, appare scontato che la consigliera federale dovrà fare chiarezza: «Vogliamo conoscere le strutture di questa Segretaria, che non sono ancora note», dichiara Tuena.

Per la verità il 22 novembre il governo, nell'attesa di nominare il nuovo Segretario di Stato, ha adeguato le basi legali per la SEPOS e ne ha precisato in parte i compiti.

Essa elaborerà basi concettuali e direttive al fine di impostare la politica di sicurezza della Svizzera. In collaborazione con gli altri dipartimenti e nel rispetto delle loro competenze, coordinerà gli affari e le cooperazioni in materia di politica di sicurezza in Svizzera ed elaborerà direttive strategiche per la cooperazione internazionale in materia di politica di sicurezza per il Consiglio federale. Unitamente a tali dipartimenti anticiperà le sfide in materia di politica di sicurezza ed elaborerà opzioni d'intervento.

Nel settore di competenza della Segreteria rientreranno anche i tre servizi specializzati per la sicurezza delle informazioni, i controlli di sicurezza relativi alle persone e la procedura di sicurezza relativa alle aziende.

COMMENTI
 

leobm 2 mesi fa su tio
Iniziano a ragionare e non farsi manipolare magari o meglio senza il magari da servizi segreti dei "grandi " del mondo
NOTIZIE PIÙ LETTE