Cerca e trova immobili

SUCCESSIONE BERSETSarà sfida a due per il dopo-Berset

24.11.23 - 17:28
Il partito socialista ha deciso di proporre un ticket a due per il prossimo 13 dicembre. I nomi saranno svelati domani.
Depositphotos (Arsty.)
Fonte ats
Sarà sfida a due per il dopo-Berset
Il partito socialista ha deciso di proporre un ticket a due per il prossimo 13 dicembre. I nomi saranno svelati domani.

BERNA - Il gruppo parlamentare socialista - come precisato oggi dallo stesso partito su X - proporrà un ticket con due candidati per la successione di Alain Berset in Consiglio federale.

Due poltrone per sei - A contendersi un biglietto per la "finale" del 13 dicembre - data in cui l'Assemblea federale eleggerà il nuovo Consiglio federale e il nuovo Cancelliere della Confederazione - ci saranno Matthias Aebischer (BE), Evi Allemann (BE), Beat Jans (BS), Daniel Jositsch (ZH), Roger Nordmann (VD) e Jon Pult (GR).

Tutti loro, infatti, sono stati ritenuti «eleggibili» nella giornata di ieri dal Parlamentino del PS. Nella giornata di domani - sabato 25 novembre - avverrà poi la vera e propria nomina dei due candidati all'attenzione dell'Assemblea federale.

Audizioni - Gli altri partiti svolgeranno le audizioni dei due nominati dal 5 al 12 dicembre. Il ticket verrà poi sottoposto alle Camere federali, che voteranno il nuovo consigliere federale durante la prossima sessione invernale, fra meno di tre settimane.

Oltre a scegliere il rimpiazzo di Berset, che aveva messo a corrente del suo ritiro lo scorso mese di giugno, il Parlamento procederà anche alla rielezione di tutti gli altri membri del governo e alla designazione del nuovo Cancelliere.

Diversi fattori in gioco - Le possibilità di elezione di ciascun candidato dipenderanno da una serie di fattori, oltre a competenze e curriculum. Potrebbe entrare in gioco l'appartenenza cantonale, visto che nell'esecutivo c'è già un bernese (Albert Rösti), la regione linguistica (gli svizzero-tedeschi sono attualmente in minoranza) o il genere (il PS è già rappresentato da una donna, Elisabeth Baume-Schneider).

Il gruppo socialista oggi ha inoltre deciso che ascolterà tutti i papabili per il ruolo di Cancelliere e il candidato dei Verdi al Consiglio federale, ossia il consigliere nazionale friburghese Gerhard Andrey, durante la sessione invernale, che inizierà il prossimo 4 di dicembre.

Il Centro sentirà i candidati del PS, ma non quello dei Verdi

Per la successione di Alain Berset in Consiglio federale, il Centro sentirà i candidati del PS. Il candidato dei Verdi Gerhard Andrey, invece, non verrà invitato per un'audizione. A medio termine, il Centro chiede inoltre un secondo consigliere federale. Per questo motivo non presenterà il 13 di dicembre un proprio candidato per la successione del Cancelliere della Confederazione dimissionario, il suo rappresentante Walter Thurnherr. Lo hanno dichiarato stasera davanti ai media il presidente del gruppo del Centro alle camere federali Philipp Bregy (VS), accompagnato dal presidente del partito, Gerhard Pfister. Il 13 di dicembre, quando verrà eletto il successore del “ministro” uscente della sanità, il gruppo del Centro riconfermerà fra l'altro tutti gli altri consiglieri federali uscenti, ha precisato Bregy.

 

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

tbq 6 mesi fa su tio
Negli ultimi anni ho visto abbastanza consiglieri federali socialisti andare e venire da poter concludere che finora chi è arrivato non è stato meglio di chi l'ha preceduto, anzi. La speranza che qualcuno inverta questo trend c'è ancora, ma è poca.

Porinum 6 mesi fa su tio
Via un avatar....sciá un altro.....tanto loro pensioni d'oro....noi briciole di sterco

Princi 6 mesi fa su tio
tanto non cambierà niente

chinfinito 6 mesi fa su tio
Spero Jositsch e Pult.
NOTIZIE PIÙ LETTE