Cerca e trova immobili

SVIZZERAAssalto a Palazzo federale, i Verdi puntano tutto su Gerhard Andrey

03.11.23 - 12:50
Il consigliere nazionale di Friborgo è l'unico esponente ecologista a essersi fatto avanti per un seggio in Consiglio federale.
keystone-sda.ch / STR (ADRIEN PERRITAZ)
Fonte ats
Assalto a Palazzo federale, i Verdi puntano tutto su Gerhard Andrey
Il consigliere nazionale di Friborgo è l'unico esponente ecologista a essersi fatto avanti per un seggio in Consiglio federale.

BERNA - Il consigliere nazionale Gerhard Andrey è l'unico esponente dei Verdi candidato per un seggio in Consiglio federale all'elezione del prossimo 13 dicembre. Allo scadere del termine fissato dal partito, oggi alle 12.00, nessun altro ecologista ha mostrato interesse per la carica, indica una nota.

L'obiettivo dichiarato dei Verdi è attaccare uno dei due seggi del PLR, che ritengono essere sovrarappresentato in governo. Gli ecologisti hanno più volte affermato di non essere interessati alla poltrona lasciata libera dal socialista Alain Berset.

In una recente intervista al quotidiano friburghese La Liberté, Andrey ha definito «legittima» la rivendicazione dei Verdi. Matematicamente per ottenere un seggio in governo occorre avere il 14,3% dei voti, ciò che corrisponde esattamente alla percentuale ottenuta dal PLR alle elezioni federali. Orbene, «i liberali radicali ottengono un secondo seggio con il 0% dei consensi mentre i Verdi non potrebbero averne uno con quasi il 10%?» (9,8%, ndr), si chiede il consigliere nazionale.

«Il PLR impiega sempre lo stesso discorso per spiegare in che misura non abbiamo la legittimità di sedere nel Consiglio federale». Per Andrey, alla testa di un'impresa informatica con 200 persone in organico, si tratta di «un argomento che serve solo a difendere un potere e una poltrona non rappresentativi della volontà popolare».

Il compito di Andrey sarà però arduo: per poter sperare di soffiare il seggio di Karin Keller-Sutter o di Ignazio Cassis l'ecologista dovrà contare, oltre al sostegno dei socialisti, anche sui voti dell'Alleanza del Centro (dato per scontato che l'UDC sosterrà i due PLR uscenti). Il presidente centrista Gerhard Pfister ha però già fatto sapere a mezzo stampa di non voler attaccare consiglieri federali in carica, e che in ogni caso tre seggi a sinistra sono troppi.

La palla passa ora alla commissione d'esame, presieduta dalla consigliera di Stato vodese uscente (non si è ripresentata per un nuovo mandato) Adèle Thorens. Il gruppo parlamentare ecologista si riunirà venerdì 10 novembre per procedere alla nomina ufficiale del candidato, precisa il comunicato.

Alle recenti elezioni federali, Andrey - originario della Gruyère, ma cresciuto nella Sense, distretto germanofono del canton Friburgo - ha avuto fortune alterne: è stato agevolmente rieletto in Consiglio nazionale, mentre al Consiglio degli Stati non è riuscito a battere nella gara interna alla sinistra la socialista Alizée Rey e si è ritirato dalla corsa per il ballottaggio, come da precedenti accordi.

Eletto al Consiglio nazionale nel 2019, quale primo rappresentante ecologista friburghese della storia alla Camera del popolo, Andrey è membro della Commissione delle finanze e di quella della politica di sicurezza, nonché scrutatore in seno all'Ufficio del CN. Fa inoltre parte del Gruppo-IT, che è l'organo di riferimento dei parlamentari per questioni strategiche e domande concernenti l'utilizzo e l'evoluzione dei sistemi informatici dell'Assemblea federale.
 
 

COMMENTI
 

Aaahhh 3 mesi fa su tio
La fame di poltrone. Il plr non hai i numeri, i Verdi vogliono una poltrona ma quella dei rossi non va bene forse non è comoda. Troppo gioco di potere e i danni a quel livello per il paese possono essere notevoli. Fateci votare.

Granzio 3 mesi fa su tio
Gerhard Andrey à la maison 😂😂

Mat78 3 mesi fa su tio
ma come possono pensare di avere un seggio? Si lamentino con i socialisti, che ne cedano uno loro che ne hanno 2 senza avere numeri coerenti...
NOTIZIE PIÙ LETTE