Cerca e trova immobili

L'ADDIO DI BERSETChi prenderà il posto di Alain Berset?

21.06.23 - 15:39
Con l'annuncio delle dimissioni del consigliere federale ha preso il via anche il "toto candidati" per la sua successione
keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
Fonte ats
Chi prenderà il posto di Alain Berset?
Con l'annuncio delle dimissioni del consigliere federale ha preso il via anche il "toto candidati" per la sua successione

BERNA - Dopo l'addio al Consiglio federale annunciato oggi da Alain Berset iniziano già le discussioni sulla possibile successione. Nel PS, oltre ai nomi apparsi in dicembre, potrebbero aggiungersene altri. I Verdi liberali non escludono un attacco al seggio.

La consigliera agli Stati basilese Eva Herzog era uscita sconfitta lo scorso dicembre nella corsa alla successione di Simonetta Sommaruga. Nonostante questo, non esclude un nuovo tentativo, ha dichiarato all'agenzia Keystone-ATS. «Ho tempo per pensarci», ha detto.

Gli altri nomi che si erano fatti alla fine dello scorso anno erano stati la consigliera nazionale bernese Flavia Wasserfallen e la consigliera di Stato, sempre bernese, Evi Allemann.

Ancora molti punti di domanda
In generale ci si attende che ad affiancare la socialista romanda Elisabeth Baume-Schneider sarà qualcuno proveniente dalla Svizzera tedesca. Il consigliere agli Stati zurighese Daniel Jositsch aveva già mostrato interesse dopo le dimissioni della Sommaruga. Anche lui non esclude un nuovo tentativo, ha affermato al portale di notizie Watson.

Un altro nome importante potrebbe essere quello dell'ex consigliere nazionale e oggi consigliere di Stato basilese Beat Jans. Anche la geografia gioca a suo favore, visto che il cantone di Basilea Città manca da tempo in governo.

Possibili personalità sono anche il consigliere nazionale grigionese Jon Pult e il collega di Camera bernese Matthias Aebischer. Da scoprire se il co-presidente Cédric Wermuth possa immaginarsi una candidatura, e lo stesso vale per l'altra persona al vertice del PS, la consigliera nazionale zurighese Mattea Meyer.

Non solo il PS
Ancora incerto è se altri partiti cercheranno di attaccare il seggio dei socialisti. I Verdi liberali hanno ad esempio oggi lasciato intendere di non escludere l'eventualità, ma molto dipenderà anche dalle prossime elezioni federali del 22 ottobre.

Anche i Verdi potrebbero avere ambizioni governative, ma fino a ora il partito si è rifiutato di attaccare il seggio socialista.

COMMENTI
 

Brasil63 8 mesi fa su tio
Pensavo che dopo Sommaruga non poteva esserci di peggio. Invece... Chissá dopo Berset cosa ci aspetta.....

matterhorn 8 mesi fa su tio
Oramai Sembra sia diventata una cosa abituale che i consiglieri federali lascino prima del termine mandato.. INACCETTABILE! Non dovrebbe essere permesso!!!

Bionda 8 mesi fa su tio
Non cantate vittoria troppo presto dalla pentola alle braccia di solito e così di mal in peggio

angie2020 8 mesi fa su tio
finalmenteeeeeeeeeeeeeeeeeeee

La vita è dura 8 mesi fa su tio
Vi prego, qualcuno di estrema destra.. ne abbiamo bisogno !

blitz65 8 mesi fa su tio
Risposta a La vita è dura
siiiiiii

La vita è dura 8 mesi fa su tio
JJJJJoooohnn CENAAAAAA !! pa para paaaa
NOTIZIE PIÙ LETTE