CONSIGLIO FEDERALE«Alain Berset è ora l'uomo forte del Consiglio federale»

08.12.22 - 14:43
Per politologi e politici, Albert Rösti ed Elisabeth Baume-Schneider non sono personalità alpha. Sapranno imporsi e portare le proprie idee?
AFP
«Alain Berset è ora l'uomo forte del Consiglio federale»
Per politologi e politici, Albert Rösti ed Elisabeth Baume-Schneider non sono personalità alpha. Sapranno imporsi e portare le proprie idee?

BERNA - Con Albert Rösti ed Elisabeth Baume-Schneider, due persone preparate e competenti sono state elette nel Consiglio federale. Ciò non è in discussione. Dalla loro portano esperienza e know-how. Ma il bernese e la giurassiana sono sufficientemente forti e assertivi per svolgere un ruolo di primo piano nel governo nazionale e per risolvere problemi urgenti come la controversia con l'UE o l'approvvigionamento energetico? Politici e politologi sembrano avere alcuni dubbi al riguardo.

«L'occasione di Berset»
«Elisabeth Baume-Schneider non ha dato l'impressione di avere grandi qualità da leader», sostiene ad esempio il consigliere nazionale del PLR, Marcel Dobler. Vede piuttosto Albert Rösti in queste vesti, ma non prima di un po' di tempo. Diversa l'opinione su Alain Berset: «Se ottenesse l'importante dipartimento delle finanze, sarebbe ancora più influente». 

Per la consigliera nazionale dei Verdi Sibel Arslan, la situazione è chiara: «In questa nuova posizione, Berset è, in una certa misura, l'uomo forte del governo. È il Presidente della Confederazione, membro più longevo del Consiglio federale, è in grado di imporre le proprie opinioni e ha pretese di leadership». Insomma, ha tutte le carte in mano per consolidare o addirittura espandere la propria influenza. «Il suo successo dipenderà da quanto sarà motivato e da quanto saprà costruire ponti».

Anche la consigliera nazionale UDC, Barbara Steinemann, si aspetta che Berset consolidi la sua influenza, almeno temporaneamente. «Nei dossier più importanti quali istruzione, parità di genere e salute, si è già fatto valere negli ultimi anni. Ora, ovviamente, ha un vantaggio in quanto è il consigliere federale più longevo e con maggiore esperienza. Può quindi lasciare un segno forte fino a quando i nuovi arrivati non saranno formati».

A medio termine, Steinemann ritiene che i neo eletti saranno in grado di esercitare la leadership. Inoltre, il sistema svizzero è deliberatamente progettato per la cooperazione. Anche per questo sarebbe stata scelta Elisabeth Baume-Schneider. «Volevano una persona che andasse d'accordo con colleghi e parlamentari».

«Devono dimostrare di essere all'altezza»
«I due nuovi arrivati devono prima dimostrare di essere all'altezza della loro nuova posizione» afferma il politologo Claude Longchamp, che ritiene non vi sia molto tempo per farlo, viste le crisi incombenti.

«Non ho dubbi che entrambi i nuovi membri del Consiglio federale saranno capaci di influenzare il mondo esterno grazie al loro modo di fare vincente e alla capacità di essere a contatto con la popolazione e con i media. Hanno abbastanza strumenti per segnare un nuovo inizio. Ma entrambi devono affrontare il grande compito di arrivare agli elettori delle grandi città. Alain Berset e Karin Keller-Sutter sono ancora i cani da guardia del Consiglio federale, ma un giorno le cose potrebbero cambiare. È probabile che Rösti assuma la guida della questione energetica, mentre Baume-Schneider ha il potenziale per diventare leader del dossier sui flussi migratori».

Per il politologo Mark Balsiger, però, Rösti e Baume-Schneider «non sono le tipiche personalità alpha elette al Consiglio federale. In ogni governo ci sono figure più forti e più deboli, e Alain Berset è un leader forte». Come Karin Keller-Sutter, secondo Balsiger, Berset emana un'autorità naturale e occupa automaticamente più spazio degli altri. E ora potrebbe diventare ancora più influente. «Ma confido che anche Rösti possa diventare un leader».

La distribuzione dei dipartimenti, oggi, sarà fondamentale per capire chi potrà esercitare maggior o minor influenza.

NOTIZIE PIÙ LETTE