Keystone (archivio)
SVIZZERA
12.08.2020 - 13:340

Un paracadute da Berna per Skyguide

La società per il controllo del traffico aereo riceverà fino a 400 milioni di franchi d'aiuto dalla Confederazione.

Il sostegno finanziario voluto dal Consiglio federale andrà a coprire i buchi provocati dalla pandemia di Covid-19.

BERNA - Mano tesa dal governo a Skyguide: la società per il controllo del traffico aereo in Svizzera riceverà fino a 400 milioni di franchi di sostegno nel 2020 e nel 2021. Lo ha stabilito il Consiglio federale, spiegando che lo stop al traffico aereo a causa della pandemia di coronavirus ha provocato un pesante crollo degli introiti.

La capitalizzazione da parte della Confederazione è però vincolata a condizioni, indica un comunicato governativo odierno.

Skyguide sorveglia lo spazio aereo elvetico in ambito militare e civile ed è di proprietà della Confederazione. Il suo finanziamento è garantito principalmente dalla riscossione delle tasse per garantire la sicurezza degli avvicinamenti, dei decolli e del sorvolo nello spazio aereo. Tuttavia, lo stop forzato delle compagnie aeree negli ultimi mesi ha portato la società a gravi problemi di liquidità.

Per gli anni 2020 e 2021 Skyguide stima perdite complessive pari a circa 400 milioni di franchi. Il capitale proprio della società anonima, che alla fine del 2019 ammontava a circa 320 milioni, andrebbe completamente perso.

Per questo motivo e anche a causa dell'incertezza sulla ripresa del traffico aereo, il Consiglio federale chiede al Parlamento un apporto di capitale di 150 milioni e con un ulteriore annuncio a complemento del preventivo 2021 chiede altri 250 milioni.

Tuttavia, precisa l'esecutivo, si deciderà solo l'anno prossimo - in base agli sviluppi - se per i 250 milioni si attingerà dal capitale proprio, se parte dei fondi sarà concessa sotto forma di prestito o se sarà sufficiente un importo inferiore grazie alla ripartizione dei rischi.

Il sostegno finanziario della Confederazione sarà accordato a condizione che Skyguide attui delle misure di risparmio che riducano il fabbisogno di liquidità. La società ha già adottato misure che tra il 2020 e il 2024 porteranno a uno sgravio compreso tra 90 e 100 milioni di franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 11:44:04 | 91.208.130.89