Keystone
SVIZZERA
26.05.2020 - 08:280
Aggiornamento : 11:30

Duro crollo del commercio estero

Le esportazioni sono calate del 12%, le importazioni del 22%

BERNA - Come previsto, il commercio estero elvetico ha subito nell'ultimo mese una gran battuta d'arresto a causa delle misure di confinamento imposte in vari Paesi come conseguenza della crisi legata al coronavirus.

Il calo degli scambi con l'estero in aprile è stato perciò netto: le esportazioni sono diminuite del 12%, le importazioni del 22%. La bilancia commerciale ha quindi chiuso con un'eccedenza - pure questa da primato - di 4,3 miliardi di franchi.

Si tratta in entrambi i casi delle riduzioni mensili più forti registrate negli ultimi decenni, ha indicato l'Amministrazione federale delle finanze (AFD) in un comunicato odierno. La bilancia commerciale ha chiuso con un'eccedenza di 4,3 miliardi di franchi.

Le contrazioni indicate (per la precisione: -11,7% e -21,9%) sono in termini nominali: in termini reali (cioè corrette dell'effetto dei prezzi) si sono attestate rispettivamente a -10,0% e -17,8%. Per quanto riguarda l'export, si è di fronte al più forte calo destagionalizzato mai registrato, sottolinea l'AFD. Sul fronte delle importazioni si torna invece ai livelli del luglio 2005.

Tutti i settori d'esportazione presentano flessioni, in parte assai rilevanti. I più colpiti sono gioielli (-77%) e orologeria (-73%), che insieme hanno visto i volumi contrarsi di 1,6 miliardi di franchi. Il comparto chimico-farmaceutico segna -5% (pari a -520 milioni), dopo aver vissuto un marzo da incorniciare. La stessa contrazione viene mostrata dall'industria delle macchine (-5%), mentre il salasso è stato più forte nei rami degli strumenti di precisione (-18%) e in quello dei metalli (-13%).

A livello regionale, il crollo del made in Switzerland ha interessato in particolare il Nordamerica (-31%; ma in marzo vi era stato un +38%). In Europa la diminuzione è stata del 13%: le forniture verso Italia e Francia sono scese ai livelli più bassi da circa 20 anni (rispettivamente dall'aprile 2001 e dal gennaio 1998). Anche l'Asia va all'indietro (-8%), soprattutto a causa di Hong Kong e degli Emirati Arabi Uniti, mentre la Cina (+14%) - già fortemente toccata in marzo dal coronavirus - è in contro tendenza.

Sul fronte delle importazioni, il Nordamerica segna una diminuzione del 25%, l'Asia del 22% e l'Europa del 20%. L'afflusso di merci dal vecchio continente torna così ai livelli del maggio 2000; contrazioni marcate hanno interessato paesi come Francia (-41%), Italia (-28%), Austria (-22%), Germania (-21%) e Spagna (-18%).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 19:51:36 | 91.208.130.89