deposit
A casa.
SVIZZERA
08.05.2020 - 11:180

Licenziamento collettivo: la scure del Covid

Finanza, media, fabbriche. In Ticino e oltre Gottardo piovono disdette

ZURIGO - Il coronavirus licenzia, o comunque è una buona scusa. L'epidemia di Covid-19 sembra avere dato un'accelerata alla ristrutturazione di diverse grandi aziende in Svizzera e in Ticino. 

L'ultima della lista è Numbrs, azienda zurighese attiva nella tecnofinanza. Confrontata con la mancanza di finanziamenti l'impresa ha annunciato ieri sera drastici tagli al personale: potrebbero perdere il lavoro fino a 62 dipendenti, ossia circa la metà dell'organico.

In Ticino ad aprire le danze è stata la Mikron di Agno, che a marzo ha annunciato il licenziamento di 110 dipendenti. Sempre a Sud delle Alpi, altri impieghi sono stati soppressi da Philipp Plein, tra le critiche del sindacato Ocst.

La multinazionale Georg Fisher ha lasciato a casa 18 persone presso la controllata Agie a Losone. Il gruppo di Sciaffusa - riferisce l'Ats - fa anche ricorso in grande stile al lavoro ridotto, e il top management si è ridotto i compensi del 10-20%.

Oltre ai tagli già annunciati, si parla di ulteriori riduzioni di personale presso il gruppo mediatico zurighese TX Group. Stando a Syndicom la società sta pianificando un'importante ristrutturazione, tra cui una fusione organizzativa tra le redazioni del Bund e della Berner Zeitung, nonché fra quelle dei giornali regionali di Zurigo e del Tages-Anzeiger.

Uno scenario simile sembra prendere forma presso l'editore NZZ. Nel mese di giugno la dirigenza del gruppo presenterà al consiglio di amministrazione un programma di risparmio che dovrebbe portare a licenziamenti. Secondo quanto riportato dalla stampa i tagli raggiungerebbero il 10% delle maestranze.

Altre aziende svizzere stanno agendo con maggior cautela nell'esporre i loro collaboratori alle incombenti difficoltà economiche. Ad esempio Clariant ha sospeso il piano, presentato a febbraio, di cancellare tra 500 e 600 posti di lavoro. Il gruppo renano attivo nel settore delle specialità chimiche prevede di riprendere in mano la riorganizzazione in settembre.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 05:19:54 | 91.208.130.87