Keystone / DPA
SVIZZERA
27.08.2017 - 11:160
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

Cybersicurezza, un tema attuale per le società

Il 78% dei consigli di amministrazione è consapevole di questa tendenza, ma solo un terzo ha già messo in pratica una strategia.

ZURIGO - Il tema della cybersicurezza è sempre più di attualità per società e Piccole e medie imprese (PMI). Stando a un recente sondaggio, il 78% dei consigli di amministrazione è consapevole di questa tendenza, ma solo un terzo ha già messo in pratica una strategia.

L'indagine, condotta da swissVR in collaborazione con la società di consulenza Deloitte e l'Alta scuola di Lucerna, rileva come per il 22% dei cda consapevoli del nuovo trend l'importanza di questo tema sia addirittura «fortemente aumentata».

Nel corso degli ultimi 12 mesi la questione della cybersicurezza è stata affrontata in seno al 69% dei cda interpellati, mentre nel 30% dei casi non se ne è discusso per nulla.

«Esistono differenze enormi a questo livello, a dipendenza delle dimensioni dell'azienda», rilevano gli autori dello studio: tra i cda che non hanno toccato questo tema il 35% erano di piccole e un altro 35% di medie imprese, mentre quelli delle grosse imprese erano solo il 16%.

Circa un terzo (35%) degli amministratori interrogati ritengono che la loro società disponga di una strategia chiara per affrontare questo tipo di problemi. Un altro terzo (33%) ha indicato che un piano di azione è in fase di sviluppo.

L'ultimo terzo (28%) ha affermato che la sua azienda non dispone di nessuna strategia in questo settore. I motivi principali di una tale politica è da ricondurre alla bassa priorità attribuita al tema o al fatto che la cybersicurezza è parte integrante della pianificazione globale dei rischi dell'azienda.

«Il tema della cybersicurezza è molto importante e deve essere considerato anche a livello strategico. Visti i progressi della digitalizzazione e l'aumento dei rischi cybernetici, è necessario - soprattutto per le PMI - dotarsi di una strategia chiara e di un piano d'azione», afferma Reto Savoia, vicedirettore di Deloitte Suisse, facendo riferimento al recente attacco Wanna Cry.

Il sondaggio è stato condotto tra il 15 maggio e il 16 giugno 2017. In totale sono stati interrogati 464 membri di consigli di amministrazione di grosse società e di PMI attive in tutti i principali settori dell'economia elvetica.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-06 12:27:32 | 91.208.130.89