Keystone / DPA
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
4 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
9 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
10 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
10 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
11 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
11 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
12 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
12 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
13 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
14 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
15 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
15 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
16 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
16 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
16 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
SVIZZERA
27.08.2017 - 11:160
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

Cybersicurezza, un tema attuale per le società

Il 78% dei consigli di amministrazione è consapevole di questa tendenza, ma solo un terzo ha già messo in pratica una strategia.

ZURIGO - Il tema della cybersicurezza è sempre più di attualità per società e Piccole e medie imprese (PMI). Stando a un recente sondaggio, il 78% dei consigli di amministrazione è consapevole di questa tendenza, ma solo un terzo ha già messo in pratica una strategia.

L'indagine, condotta da swissVR in collaborazione con la società di consulenza Deloitte e l'Alta scuola di Lucerna, rileva come per il 22% dei cda consapevoli del nuovo trend l'importanza di questo tema sia addirittura «fortemente aumentata».

Nel corso degli ultimi 12 mesi la questione della cybersicurezza è stata affrontata in seno al 69% dei cda interpellati, mentre nel 30% dei casi non se ne è discusso per nulla.

«Esistono differenze enormi a questo livello, a dipendenza delle dimensioni dell'azienda», rilevano gli autori dello studio: tra i cda che non hanno toccato questo tema il 35% erano di piccole e un altro 35% di medie imprese, mentre quelli delle grosse imprese erano solo il 16%.

Circa un terzo (35%) degli amministratori interrogati ritengono che la loro società disponga di una strategia chiara per affrontare questo tipo di problemi. Un altro terzo (33%) ha indicato che un piano di azione è in fase di sviluppo.

L'ultimo terzo (28%) ha affermato che la sua azienda non dispone di nessuna strategia in questo settore. I motivi principali di una tale politica è da ricondurre alla bassa priorità attribuita al tema o al fatto che la cybersicurezza è parte integrante della pianificazione globale dei rischi dell'azienda.

«Il tema della cybersicurezza è molto importante e deve essere considerato anche a livello strategico. Visti i progressi della digitalizzazione e l'aumento dei rischi cybernetici, è necessario - soprattutto per le PMI - dotarsi di una strategia chiara e di un piano d'azione», afferma Reto Savoia, vicedirettore di Deloitte Suisse, facendo riferimento al recente attacco Wanna Cry.

Il sondaggio è stato condotto tra il 15 maggio e il 16 giugno 2017. In totale sono stati interrogati 464 membri di consigli di amministrazione di grosse società e di PMI attive in tutti i principali settori dell'economia elvetica.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 03:13:41 | 91.208.130.89