Immobili
Veicoli

SVIZZERACredit Suisse e mafia bulgara sul banco degli imputati

02.02.22 - 10:48
Durerà quasi un mese il processo che si apre oggi al Tribunale penale federale a Bellinzona
Foto Davide Giordano
Credit Suisse e mafia bulgara sul banco degli imputati
Durerà quasi un mese il processo che si apre oggi al Tribunale penale federale a Bellinzona

BELLINZONA - Il Credit Suisse dovrà rispondere da lunedì davanti al Tribunale penale federale (TPF) dei suoi legami con una rete criminale bulgara, coinvolta in un traffico di cocaina su larga scala e nel riciclaggio di denaro. Oltre alla banca e a una dei suoi gestori patrimoniali, alla sbarra vi sono due cittadini del Paese dell'est e un ex dipendente di Julius Bär.

Il processo dovrebbe durare quasi un mese. Si tratta della conclusione del fascicolo svizzero di un'inchiesta che va avanti da circa quindici anni con ramificazioni in diversi altri Stati, fra cui in particolare Bulgaria appunto, Italia, Romania, Spagna e Portogallo.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha messo nel mirino Credit Suisse e i quattro accusati per la loro presunta collaborazione con Evelin Banev. Questi è il capo di una rete criminale che importava decine di tonnellate di cocaina dall'America Latina all'Europa.

Con l'aiuto della banca e degli altri imputati, l'organizzazione di Banev avrebbe riciclato parte dei proventi dell'attività. Si parla di più di 70 milioni di franchi in un periodo fra il 2004 e il 2007. Nei due atti d'accusa depositati dalla procura federale, composti da oltre 600 pagine, si presume che i guadagni per tonnellata di cocaina ammontassero a 30 milioni di euro.

L'MPC ritiene che l'istituto zurighese non abbia preso tutte le precauzioni organizzative necessarie per evitare che fondi di origine criminale fossero depositati su conti aperti da persone vicine a Banev. Tra queste vi sono i due co-imputati bulgari: il consulente finanziario del boss e un ex lottatore basato in Vallese. Entrambi sono accusati di riciclaggio di denaro qualificato e partecipazione a un'organizzazione criminale.

Una ex dipendente di Credit Suisse, a sua volta accusata di riciclaggio di denaro qualificato, gestiva i conti aperti per il clan di Banev. Secondo la procura, la donna, nata in Bulgaria, ha ignorato le forti indicazioni di origine criminale dei soldi. Ha anche omesso di informare l'ufficio della Confederazione competente in materia. Inoltre, ha ostacolato l'identificazione, la scoperta e il sequestro del denaro.

L'ultimo accusato è un amico del consulente finanziario di Banev. Da stipendiato di Julius Bär, aveva aperto due conti per le società fantasma del criminale e uno per il suo collaboratore. Quando la banca per cui lavorava si è rifiutata di continuare queste relazioni, l'uomo si è dimesso, mettendosi al servizio della rete bulgara.

Stando alla ricostruzione dell'accusa, ha incontrato personalmente Banev nella capitale Sofia. Ha poi iniziato a creare una holding di diritto svizzero per gestire le società off-shore del boss. L'ex banchiere, al quale sono ora rimproverati i reati di riciclaggio di denaro qualificato, sostegno a un'organizzazione criminale e falsità in documenti, è poi stato scaricato dai bulgari quando la magistratura ha cominciato a interessarsi a Banev.

Il procedimento svizzero è stato avviato dall'MPC nel 2008 dopo che l'anno prima da Sofia era pervenuta una richiesta di assistenza giudiziaria. Banev ha un lungo e folto curriculum criminale. Condannato a lunghe pene detentive in patria (dove si presume sia coinvolto in diversi omicidi), in Italia e in Romania, è stato in fuga dal 2015 al 2021, quando è stato arrestato in Ucraina.

La presa di posizione di Credit Suisse - Credit Suisse - si legge in una nota odierna «respinge nel modo più assoluto come inconsistenti tutte le accuse mosse alla banca nell'ambito di questo caso legato a passate gestioni e sostiene l’innocenza della sua ex collaboratrice. La banca si difenderà risolutamente nell'ambito del processo».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA