Depositphotos (IgorVetushko)
Ci sono divergenze interpretative sulle condanne per gli abusi dei crediti Covid-19.
SVIZZERA
11.06.2021 - 19:040
Aggiornamento : 20:58

Le divergenze d'interpretazione sugli abusi per i crediti Covid-19

Sono poco meno di 1000 le procedure aperte in Svizzera e altre 3722 sono "in corso di chiarimento".

La giurisprudenza in materia sarà indirizzata dai ricorsi alle corti cantonali o al Tribunale federale.

Fonte Frédéric Nejad Toulami / 20minutes
elaborata da Fabio Caironi
Giornalista

BERNA - Sono 998 le procedure aperte riguardanti presunti abusi nell'ottenimento dei crediti Covid-19, creati dalla Confederazione a sostegno delle realtà economiche duramente colpite dalla pandemia di coronavirus.

Le sentenze già emesse sono 65, ma i casi "in corso di chiarimento" sono 3'722. «Possiamo vedere una percentuale molto bassa di abusi» ha dichiarato a 20minutes il portavoce della Segreteria di Stato dell'economia (SECO), Fabian Maienfisch «considerando che più di 138mila aziende hanno beneficiato di un tale prestito».

Divergenza interpretativa - In questi mesi si è notata una certa divergenza d'interpretazione da parte dei singoli Cantoni. Ad esempio: si può condannare un imputato per frode e falsificazione di titoli, prima che le banche abbiano controllato approfonditamente i moduli presentati. A Vaud è stato possibile, lo scorso mese di maggio, mentre la procura di Friburgo ha espresso parere contrario. A determinare in maniera univoca la giurisprudenza in materia saranno i ricorsi ai tribunali cantonali o, se ce ne saranno, al Tribunale federale.

«Una rete a maglie fini» - L'erogazione dei crediti, dato il contesto eccezionale della pandemia, è stata velocizzata rispetto alla normale procedura. I controlli sono stati effettuati solo in un secondo momento, quando il denaro è già stato consegnato a chi ne ha fatto richiesta. La SECO ha quindi messo in campo «un gran numero» di addetti alle verifiche: «È così che è stato possibile creare una rete a maglie fini contro gli abusi».

Il controllo formale delle banche - Le banche svizzere come hanno agito verso chi ha richiesto il credito Covid-19, senza averne i requisiti? «Le prescrizioni emanate dalla Confederazione - che miravano a concedere crediti Covid-19 nel minor tempo possibile - limitavano gli obblighi delle banche a un unico, meramente formale controllo della forma di credito» ha spiegato a 20minutes Jean-Raphaël Fontannaz, portavoce di UBS. Anche l'associazione dei banchieri privati ​​svizzeri Swissbanking ha ribadito: gli istituti di credito dovevano solo controllare che i moduli di domanda inviati fossero completi e formalmente corretti. Non era previsto un controllo di solvibilità secondo i consueti criteri del settore, ma tutto si svolgeva sulla base delle autodichiarazioni da parte dei clienti, ha ricordato la portavoce Monika Dunant.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 09:32:45 | 91.208.130.85