keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
«Decisione incomprensibile e ingiustificabile»
«Il mancato allenamento sarà fatale alla ristorazione», tuona il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer.
TURGOVIA
33 min
Annega per salvare il suo cane
Una donna di 65 anni ha perso la vita nelle acque del fiume Thur, a Weinfelden.
SVIZZERA/CINA
43 min
Credit Suisse e UBS stanno spostando i loro banchieri da Hong Kong alla Cina
Si tratta di una strategia ben precisa che potrebbe nascondere una perdita di appeal del polo asiatico
SVIZZERA
59 min
Aperture prudenti: UDC e PLR delusi, gli altri partiti no
Marco Chiesa parla di «affronto» verso i Cantoni e le commissioni parlamentari. Scelta «incomprensibile» per il PLR.
SVIZZERA
1 ora
Mezza Italia sulla lista nera di Berna
L'Ufsp ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni per cui dal prossimo otto marzo varrà l'obbligo di quarantena.
SCIAFFUSA
2 ore
Ha accoltellato la nonna
Emergono nuovi dettagli sul delitto che si è consumato martedì sera nel Canton Sciaffusa
ARGOVIA
2 ore
I vaccinati nel mirino dei truffatori
Nel Canton Argovia ignoti hanno contattato persone vaccinate chiedendo loro una donazione
FRIBURGO
2 ore
Salvato a un passo dal precipizio
Un escursionista di 70 anni si è perso ieri pomeriggio nei boschi di Marly.
SVIZZERA
3 ore
Nessuno sconto alla ristorazione (per ora)
I provvedimenti presentati dal Governo la scorsa settimana sono stati quasi completamente confermati.
SVIZZERA
3 ore
Tutti quei posti nel metalmeccanico portati via dalla pandemia
Sono migliaia, e le prospettive non sono rosee. L'appello di Swissmem: «Ancora 24 mesi di indennità»
SVIZZERA
3 ore
La Confederazione non ha ancora un procuratore generale
Il successo di Michael Lauber è ancora ignoto. I tre candidati non hanno fatto l'unanimità
SVIZZERA
3 ore
Utile netto in deciso aumento per EFG International
All'istituto, ben presente anche in Ticino, si guarda al futuro con ottimismo
BERNA 
4 ore
Casi di rigore, la commissione si mostra più generosa
la CET-S vuole aiutare anche le imprese fondate prima del 1° ottobre 2020.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera 1343 contagi e 16 decessi
Le nuove ospedalizzazioni sono state 43 nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
15.01.2021 - 17:550

Centinaia di incidenti per la neve

La Svizzera nella morsa dei fiocchi. Il bilancio di una giornata da incubo

ZURIGO - A nord delle Alpi, in particolare nella Svizzera orientale, sia in pianura che in montagna, localmente da mercoledì sono caduti quantitativi da primato di neve fresca. Il pericolo di valanghe è stato e rimane elevato e i disagi alla mobilità sono stati considerevoli un po' ovunque.

In pianura la coltre nevosa in alcune regioni ha superato i 30 centimetri, nelle valli delle Alpi orientali (come a Glarona o in Surselva, nei Grigioni) anche il mezzo metro, e nel cuore delle Alpi ha raggiunto i 200 centimetri. Sono quantitativi che in media si registrano ogni 20 anni, ha indicato il servizio meteorologico Meteonews.

Il bollettino delle valanghe, pubblicato dall'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos (GR), per oggi indicava un livello di pericolo 4 (forte) su una scala di 5 per quasi tutto l'arco alpino, ad eccezione del versante meridionale (con un livello 3, marcato). Nell'edizione di questa sera, il livello 4 concerne l'arco alpino settentrionale in una regione compresa l'Oberland bernese orientale e il Liechtenstein.

Tram e bus paralizzati a Zurigo

I disagi alla mobilità sono stati considerevoli. Emblematica la situazione a Zurigo, in città, ma anche in periferia. L'intera rete di tram e bus è rimasta bloccata. Nel pomeriggio il servizio ha potuto riprendere solo su alcune linee, ha indicato la locale azienda di trasporto pubblico VBZ, precisando che il problema più frequente è costituito da alberi caduti sulle linee di contatto.

La neve non ha invece praticamente ostacolato il traffico aereo all'aeroporto di Kloten, ha riferito il gestore a Keystone-ATS. Si sono registrati ritardi compresi tra 15 e 45 minuti. Allo scalo, stando a SRF Meteo, in 24 ore sono caduti 33 centimetri di neve.

Treni soppressi e in ritardo

Dal canto loro le FFS hanno riferito varie perturbazioni, come ad esempio tra Winterthur (ZH) e San Gallo. I passeggeri hanno dovuto armarsi di pazienza per soppressioni e ritardi dei treni un po' ovunque. Il maltempo condiziona anche collegamenti verso l'estero, che in prima serata sono ancora interrotti tra Zurigo e Stoccarda (D) e tra Buchs (SG) e Feldkirch (A).

La situazione a Basilea non è risultata molto diversa da quella di Zurigo. Alcune linee di tram e bus sono state interrotte per la caduta di alberi, hanno indicato i trasporti pubblici locali BVB. In Argovia, dove vari comuni sono rimasti senza corrente, una sessantina di strade sono state chiuse nelle regioni di Baden, Brugg, Lenzburg e Zurzach. Il villaggio di Ammerswil (448 metri sul livello del mare), vicino a Lenzburg, è rimasto isolato dal mondo.

Situazione analoga a San Gallo, con molte strade chiuse al traffico. Gli automobilisti dovranno servirsi delle deviazioni indicate verosimilmente fino a lunedì, ha indicato la polizia cantonale.

Alpi: strade chiuse per precauzione

Nelle regioni alpine il problema è costituito dal forte pericolo di valanghe. Soprattutto ad Uri per questa ragione numerose arterie sono state chiuse e lo rimarranno almeno fino a domani. Andermatt è raggiungibile solo in treno, riferisce la polizia cantonale di Altdorf (UR).

Una seconda valanga, dopo quella di ieri mattino nello stesso posto, è caduta non lontano da Seedorf, sulla strada cantonale che percorre la sponda sinistra del lago di Uri (il braccio meridionale del lago dei Quattro Cantoni). Nessuno è rimasto sepolto. Il traffico è interrotto almeno fino a domani alle 10.00.

E sempre per il pericolo di valanghe nel canton Berna i treni della compagnia Zentralbahn non circolano tra Interlaken e Brienz fino a domani. Sulla tratta ieri sera sono cadute due valanghe. Non si lamentano feriti.

Centinaia di incidenti stradali

Numerose polizie cantonali annunciano incidenti stradali per le pessime condizioni delle carreggiate e alberi sradicati dal peso della neve. I sinistri hanno causato soprattutto danni materiali e feriti lievi. L'incidente più grave è avvenuto a Urdorf (ZH), dove un pedone 75enne è rimasto seriamente ferito dopo essere stato investito da una vettura. A Grabs (SG) un 53enne ha fatto un tonfo di tre metri mentre stava spalando la neve dal tetto di una costruzione ed è stato elitrasportato all'ospedale. L'entità delle lesioni non è nota.

Ovunque le forze di intervento, dai pompieri ai sanitari, sono state molto sollecitate. Nel solo canton Zurigo in 24 ore le chiamate sono state più di mille.

Bandiera bianca per gigante giallo

Le condizioni delle strade hanno impedito la distribuzione della posta in varie regioni. La mancata consegna di lettere e pacchi, o i ritardi, hanno riguardato soprattutto la Svizzera orientale, Grigioni compresi, e la Valle di Goms, nell'Alto Vallese, ha riferito il gigante giallo in un comunicato. Quanto non è stato recapitato oggi si troverà nelle bucalettere domani.

Nel pomeriggio l'intensità delle precipitazioni è diminuita e in alcune regioni le nevicate sono finite, ha riferito Meteonews.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-24 18:13:46 | 91.208.130.87