Archivio Keystone
Cronaca
16.12.2020 - 12:210

Schwarzenbach deve pagare per l'importazione delle opere

Si parla di 13,5 milioni di franchi che il collezionista è tenuto a versare alla Direzione delle dogane

LOSANNA - Urs Schwarzenbach dovrà versare alla Direzione delle dogane 11 milioni di franchi di IVA e altri 2,5 milioni di franchi d'interessi per opere d'arte dichiarate in modo irregolare. Il collezionista e albergatore zurighese è stato infatti sconfessato dal Tribunale federale.

Dopo oltre cinque anni, la decisione di recupero dell'IVA emessa dalla Direzione delle dogane di Sciaffusa è diventata quindi definitiva. La dogana aveva scoperto che il miliardario importava in modo improprio opere d'arte esenti da tasse utilizzando la cosiddetta procedura di rinvio attraverso una galleria di Zugo.

Questo schema gli ha permesso di ritardare o addirittura di evitare il pagamento dei dazi all'importazione. La galleria aveva un permesso di deposito, ma in realtà non è mai entrata in possesso delle opere.

Il TF conferma che i contratti con la galleria erano falsi e rimanda a una precedente sentenza in proposito. Cita poi una serie d'indizi che hanno portato l'istanza precedente a concludere che i contratti erano fittizi. Ad esempio, i prezzi di vendita concordati tra la galleria e l'azienda che agisce per conto di Urs Schwarzenbach sono stati fissati così bassi da non coprire nemmeno il prezzo di acquisto.

Urs Schwarzenbach è coinvolto in diversi procedimenti perché accusato d'importare opere d'arte senza dichiararle alla dogana e di commerciarle all'insaputa delle autorità.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 06:49:51 | 91.208.130.89