Cerca e trova immobili

BERNAL'esibizione a Palazzo federale spacca il mondo politico. I retroscena 

14.09.23 - 19:30
C’era chi voleva abbandonare la sala della cerimonia, chi è stato trattenuto per la giacca
Parlamento svizzero
Fonte Nzz
L'esibizione a Palazzo federale spacca il mondo politico. I retroscena 
C’era chi voleva abbandonare la sala della cerimonia, chi è stato trattenuto per la giacca

BERNA - Doveva essere un’occasione per celebrare una data importante, ovvero l’anniversario dei 175 anni della Costituzione federale, ma più passano le ore, più riecheggiano critiche, mugugni e lamentele.

C’era chi voleva addirittura abbandonare la sala della cerimonia, chi è stato trattenuto per la giacca e chi è platealmente sbottato - come riportato dal quotidiano Nzz - Il consigliere federale dell'Udc Albert Rösti era talmente infastidito dalle esibizioni previste che era pronta ad alzarsi e uscire. Si dice che il cancelliere federale Walter Thurnherr lo abbia fermato.

Anche Karin Keller-Sutter, consigliera federale del Plr, ha messo da parte il libretto del programma con evidente fastidio. Non ha gradito neanche Thomas Aeschi dell’UDC. Ha poi fatto discutere anche la mancanza, in sala, dei rappresentanti dell'esercito, istituzione portante del giovane Stato federale. Lo stesso comandante di corpo Thomas Süssli, non ha ricevuto alcun invito sebbene, hanno fatto notare in tanti, le truppe federali nella loro storia avessero dovuto proteggere la Costituzione liberale da monarchi uniti, fascisti e nazionalsocialisti nei primi anni dopo il 1848 e soprattutto nella prima metà del XX secolo.

Una mancanza che i servizi parlamentari hanno cercato di giustificare con gli spazi limitati a disposizione. Tuttavia, Philippe Schwab, segretario generale dell'Assemblea nazionale si è detto soddisfatto. «La celebrazione dell'anniversario era rivolta a un pubblico eterogeneo e il programma è stato deliberatamente concepito considerando ogni aspetto», ha dichiarato Schwab. «Diversità di discorsi dei capi di Stato, diversità di stili musicali e di intermezzi umoristici; diversità di lingue, diversità di persone, generazioni e culture in questo Paese e diversità di dichiarazioni sulla Costituzione federale», le sue parole per spiegare l'eterogeneità dei contenuti.

Col senno di poi, il presidente del Consiglio degli Stati Brigitte Häberli-Koller, avrebbe probabilmente fatto diversamente alcune cose. «Ma non si è né un'autorità di censura né un'autorità di casting», ha detto. «Le reazioni differenti alla celebrazione fanno parte della Svizzera e mostrano la diversità - ha aggiunto - Ho ricevuto solo un'e-mail di critica, ma molti feedback positivi». I presidenti dei consigli sono invece accusati di aver lasciato che la celebrazione fosse organizzata dai servizi parlamentari. Martin Candinas, presidente del Consiglio nazionale, non ha voluto nemmeno tornare sull'argomento. «La celebrazione è finita. Non ho nulla da dire al riguardo», ha detto.

La prossima occasione per la Confederazione Svizzera di mettersi in luce sarà nel 2041, quando si festeggerà il 750° compleanno. Il 700° anniversario fece già scalpore. Nel 1991, infatti, l'"Ercole e la stalla di Augias" di Dürrenmatt venne rappresentato nella Sala del Consiglio nazionale dove i leggii vennero decorati come cumuli di letame. Forse questo disagio nel celebrare la propria esistenza fa parte di uno Stato federale liberale.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE