Cerca e trova immobili

SVIZZERAObbiettivi climatici? Servono tecnologie a emissioni negative

28.04.23 - 11:30
È quanto emerge da un rapporto di TA-Swiss
Archivio TiPress
Fonte ats
Obbiettivi climatici? Servono tecnologie a emissioni negative
È quanto emerge da un rapporto di TA-Swiss

BERNA - Compensare la produzione di CO2 con le emissioni negative: ecco cosa occorre fare per raggiungere gli obiettivi in materia climatica prefissati dal Consiglio federale entro il 2050. A renderlo noto è l'ultimo rapporto della Fondazione per la valutazione delle scelte tecnologiche (TA-SWISS).

Entro il 2050 la Svizzera dovrà azzerare le proprie immissioni di CO2 nell'ambiente e la prima misura d'attuare è la riduzione al minimo dei combustibili fossili. Per eliminare l'anidride carbonica restante, occorrerà ricorrere alle emissioni negative, si legge nel rapporto di TA-SWISS.

È proprio a questo fine che si possono usare le tecnologie a emissioni negative (in inglese: negative emission technologies, NET): esse permettono di assorbire e di immagazzinare il CO2, ma hanno dei costi notevoli, richiedono di essere collaudate e perfezionate sul campo e non offrono soluzioni rapide.

Tra le NET citate da TA-SWISS figurano, ad esempio, la gestione forestale e l'uso del legno, così come del suolo e del carbone vegetale: entrambe le tecnologie mirano ad assorbire l'anidride carbonica e a immagazzinarla, rispettivamente, sotto forma di legno e di composti di carbonio complessi.

Alla Confederazione viene attribuito un ruolo importante nell'ulteriore sviluppo di siffatte tecnologie, ma anche le aziende e la scienza dovranno collaborare: alcuni processi e tecnologie necessarie per le NET sono infatti già stati testati e consolidati nel tempo, mentre altri sono ancora agli esordi e vanno quindi migliorati. Se ciò avverrà, le NET forniranno il contributo auspicato al raggiungimento di emissioni nette pari a zero nel 2050.

Nel rapporto di TA-SWISS è stata inclusa una rassegna di opinioni raccolte circa le tecnologie finora discusse che dimostrano come gli attori interessati le considerano: il gruppo più numeroso si colloca su una posizione ambivalente ossia le considera un'opportunità ma anche un rischio, mentre quello al secondo posto crede che esse siano un'opportunità.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE