Cerca e trova immobili

SVIZZERAUna tassa del 4% anche sull'importazione di auto elettriche

05.04.23 - 11:18
Cambia la norma che è stata approvata oggi dal Consiglio federale
Foto Deposit
Una tassa del 4% anche sull'importazione di auto elettriche
Cambia la norma che è stata approvata oggi dal Consiglio federale

BERNA - «Anche sull'importazione di vetture elettriche andrà applicata dal 2024 un'imposta affinché sia possibile, anche in futuro, assicurare mezzi finanziari sufficienti destinati alla costruzione e manutenzione delle strade nazionali».

Con questa motivazione il Consiglio federale spiana la strada al punto centrale del progetto di modifica della legge sull'importazione di veicoli elettrici.

Colmare mancati introiti - Attualmente, spiega una nota governativa, «la Confederazione riscuote un'imposta del 4% sul prezzo all'importazione di veicoli destinati al trasporto di persone o di merci. Anche se questo balzello è completamente addossato ai consumatori, l'aumento del prezzo finale di una vettura è inferiore al 4%», specifica il comunicato. Stando alla Costituzione federale, gli introiti sono vincolati, ossia devono confluire nel Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA).

L'esenzione per le auto elettriche si applica dal 1997. Lo scopo? Invogliare i consumatori ad acquistare simili veicoli contribuendo così ad espandere la mobilità elettrica. «Nel frattempo, però, con la crescita della mobilità pulita la situazione iniziale è cambiata: dal 2018 al 2022 il numero di autoveicoli elettrici importati è passato da 8 mila a oltre 45 mila: nel 2022, la loro quota rispetto alle importazioni complessive ha toccato quasi il 20%».

Le perdite fiscali - Il risultato? Un consistente calo delle entrate con perdite fiscali per il 2022 di 78 milioni di franchi, che dovrebbero salire a circa 100-150 milioni per l'anno in corso. «Di questo passo, se non si fa nulla, i mancati introiti sono stimati in 2-3 miliardi per il periodo 2024-2030» spiega ancora la nota del governo.

Il 4% per tutti - Con la modifica dell'ordinanza, l'esecutivo intende contrastare le perdite fiscali a carico del FOSTRA. L'obiettivo è sopprimere, a partire dal 2024, l'esenzione dall'imposta per gli autoveicoli elettrici e imporre in futuro questi veicoli all'aliquota normale del 4%.

Secondo il Consiglio federale, l'esenzione in vigore non è più necessaria per via sia dell'aumento della quota degli autoveicoli elettrici rispetto alle importazioni complessive sia dell'allineamento dei prezzi.

Dal 2030 prevista un'altra imposta - Nella nota il Governo precisa che l'imposta prevista per i veicoli a propulsione alternativa non fa parte del presente progetto. Con la crescente diffusione degli autoveicoli elettrici e di altri veicoli a propulsione alternativa, oltre alle entrate provenienti dall'imposta sugli autoveicoli diminuiscono anche quelle derivanti dall'imposta sugli oli minerali. Ecco perché s'intende introdurre la nuova imposta entro il 2030.

Migliorare bilancio dello Stato - Nel contempo, una futura imposizione degli autoveicoli elettrici avrebbe un effetto positivo sull'intero bilancio della Confederazione: se i versamenti nel FOSTRA dall'imposta sugli autoveicoli aumenta nuovamente, il conferimento dall'imposta sugli oli minerali può essere temporaneamente ridotto. Così facendo, il bilancio viene sgravato di quasi 150 milioni di franchi all'anno. L'imposizione degli autoveicoli elettrici è parte del piano di correzione per il bilancio dello Stato deciso dal Consiglio federale nella seduta del 25 gennaio scorso.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Thinks 1 anno fa su tio
Le soluzioni parassitarie per tappare buchi nei bilanci e continuare a sperperare in spese inutili a carico dei consumatori, è normale amministrazione, tanto va bene alla maggioranza. Il bello è che già oggi solo il 30% delle entrate le utilizzano per le strade!

Sciguetto 1 anno fa su tio
😂😂😂😂😂😂😂
NOTIZIE PIÙ LETTE