SVIZZERAHomeworking di venerdì? C'è chi vuole vietarlo: «Difficilmente è produttivo»

25.01.23 - 08:37
Il venerdì è uno dei giorni più gettonati per l'home office. Sta diventando un problema? Gli esperti sono divisi.
Getty Images
Homeworking di venerdì? C'è chi vuole vietarlo: «Difficilmente è produttivo»
Il venerdì è uno dei giorni più gettonati per l'home office. Sta diventando un problema? Gli esperti sono divisi.

BERNA - Coloro che possono scegliere determinati giorni in cui lavorare da casa sono più propensi a scegliere il lunedì o il venerdì. È quanto affermano diverse aziende interpellate da 20 Minuten, ed è un trend confermato anche dalle FFS - che notano in questi due giorni dei flussi di pendolari significativamente inferiori.

Alcuni datori di lavoro hanno però dei problemi, in questo senso. Ed ecco che alcune prime aziende stanno decidendo, quando possibile, di non consentire il lavoro da casa il lunedì o il venerdì, se non del tutto. Questo a causa del sospetto che la produttività sia più bassa e che il venerdì e il lunedì possano essere quindi considerati dagli impiegati una sorta di weekend lungo.

«Si ha una marcia in meno»
L'esperto di risorse umane Jörg Buckmann è a conoscenza di aziende che rifiutano l'homeworking il lunedì e il venerdì - e le capisce: «A molti piace lavorare da casa il lunedì e il venerdì - ed è difficile raggiungerli in quei giorni. Non dovete aspettarvi una risposta il venerdì pomeriggio».

Il venerdì, Buckmann dice di ricevere almeno il 50% di e-mail in meno rispetto agli altri giorni della settimana. «Non riesco a immaginare che la produttività del venerdì sia la stessa del martedì».

Tuttavia, l'esperto non sa esattamente quante persone stiano lavorando effettivamente da casa (di quelle che gli inviano delle e-mail) e ammette: la produttività del venerdì non è tradizionalmente elevata nemmeno quando si lavora in ufficio. «Si ha una marcia in meno e si va prima a prendere una birra dopo il lavoro». Un problema dell'homeoffice è poi quello che il datore di lavoro «difficilmente ha una visione d'insieme di chi smette di lavorare e quando, e le persone non sono più raggiungibili se all'improvviso c'è un lavoro urgente da fare».

«Tempo per il “lavoro profondo”»
Hartmut Schulze, professore di psicologia del lavoro presso l'Università di Scienze Applicate della Svizzera nord-occidentale (FHNW), la vede diversamente. Non crede che i dipendenti che lavorano a casa siano meno produttivi il lunedì e il venerdì. «È un tipo diverso di produttività: in questi giorni si può lavorare indisturbati e più a lungo», dice. È un'ottima soluzione per i lavori creativi o di progetto. L'ufficio casalingo ha il vantaggio di far risparmiare i tempi di viaggio e di poter iniziare a lavorare praticamente dal tavolo della colazione, anche senza vestirsi adeguatamente.

L'homeworking offre anche la possibilità di «organizzare meglio il lavoro secondo i propri gusti, di ridurre i compiti in sospeso o di pensare a qualcosa in tranquillità». Schulze lo definisce una sorta di «tempo per il lavoro profondo», una completa immersione mentale in un argomento, senza riunioni, con meno e-mail e chiamate.

Naturalmente, può anche accadere che qualcuno dica: «Ho lavorato tanto questa settimana, farò un po' meno venerdì». Ma non c'è nulla di sbagliato in questo, anzi. Queste fasi di ripresa sono necessarie. Ci vuole meno microgestione e più fiducia.

Homeworking: troppa diffidenza?
Ad oggi per molti l'home office è quasi considerato un diritto umano, anche se non tutti i dipendenti possono beneficiare di questa forma di lavoro.

«Lo scetticismo nei confronti dell'home office non fa degli imprenditori dei cattivi capi, al contrario, mostra che si occupano bene dei loro dipendenti e sono dei datori di lavoro generosi. Ci sono delle ragioni comprensibile per essere contro l'home office», dice Buckmann. Ad esempio, l'organizzazione richiede più tempo, l'azienda perde una certa spinta, e l'innovazione ne risente.

«Mi chiedo da dove derivi questa diffidenza e l'idea che le persone che lavorano a casa si divertano a spese del datore di lavoro» sostiene dal canto suo Schulze. «Numerosi studi dimostrano che la cosa migliore per la produttività e il benessere è alternare il lavoro a casa con quello in ufficio».

Alla fine, la decisione è degli imprenditori: da chi concede più libertà in tal senso a chi vorrebbe vedere i propri dipendenti tornare in ufficio a tempo pieno - ed Elon Musk ne è un esempio lampante.

NOTIZIE PIÙ LETTE