SVIZZERACredit Suisse, entro fine anno cancellerà 540 posti di lavoro in Svizzera

30.10.22 - 09:17
Si tratta del 20% dei tagli previsti a livello globale per il quarto trimestre 2022. Le parole del CEO Ulrich Körner
Depositphotos (Nasevorn)
Fonte ats
Credit Suisse, entro fine anno cancellerà 540 posti di lavoro in Svizzera
Si tratta del 20% dei tagli previsti a livello globale per il quarto trimestre 2022. Le parole del CEO Ulrich Körner

ZURIGO - Credit Suisse intende cancellare 540 posti di lavoro in Svizzera entro la fine dell'anno. «Sopprimeremo 2'700 impieghi nel mondo, di cui il 20% in Svizzera, entro la fine del quarto trimestre 2022», ha dichiarato oggi il CEO della banca Ulrich Körner.

L'istituto di credito ha annunciato questa settimana nel quadro della sua ristrutturazione il taglio di 9'000 impieghi nel mondo, di cui 2'000 nella Confederazione. Il piano di risanamento prevede pure la raccolta di circa 4 miliardi di franchi svizzeri attraverso l'emissione di nuove azioni, in particolare grazie alla Saudi National Bank (SNB), la più grande banca commerciale dell'Arabia Saudita, che si è impegnata per 1,5 miliardi di franchi, pari al 9,9% del capitale sociale.

Quest'ultima dovrebbe così diventare il primo azionista di Credit Suisse e dovrebbe consentire di rafforzare la solidità della banca. Tale manovra non dovrebbe avere alcuna influenza sull'identità dell'istituto, ha assicurato Körner in un'intervista al domenicale NZZ am Sonntag. Gli azionisti non hanno alcun influsso sulla direzione del gruppo né sui suoi principi etici, ha precisato il CEO. «La Saudi National Bank è un azionista come gli altri, un azionista importante naturalmente».

La data in cui Credit Suisse cederà le sue attività sui mercati dei capitali e di consulenza alla nuova entità CS First Boston non è ancora nota. «Credit Suisse possiederà sicuramente una partecipazione di maggioranza nella fase iniziale», ha spiegato Körner, «forse ci sarà un ingresso in borsa alla fine del percorso».

COMMENTI
 
klich69 3 mesi fa su tio
Banca con sempre vedute troppi sinistroidi, qua alla vista di tutti i risultati. Me dispiace tanto per i lavoratori TICINESI ma nulla per i frontalieri.
Lorenzo62 3 mesi fa su tio
Körner invece cosa si è tagliato?
Soleluna 3 mesi fa su tio
Una banca da sempre negli scandali , ma ora ha esagerato un danno all'immagine vergognoso anche per noi svizzeri. Dovevamo ristrutturare prima ci sono settori oramai inutili per la banca come oramai ovunque sopratutto sul fronte e ridurre i bonus che a volte sono vergognosi in dei periodi in cui la banca si trovava ad affrontare difficoltà finanziarie.
cle72 3 mesi fa su tio
Nulla a che vedere con lo scandalo UBS salvata dalla confederazione. O altro esempio la Swissair. Diciamo che di figure di... ne abbiamo già viste.
Gualtie 3 mesi fa su tio
Per diversi decenni tutti alla CS hanno guadagnato bene dalle sue attività “semi-legali”, ora la festa è finita e qualcuno dovrà fare le valigie. Personalmente visto che lavoro nell’industria e uno stipendio da banchiere non lo vedrò mai (nonostante anni di studi) della caduta di CS m’importa meno di zero.
NOTIZIE PIÙ LETTE