Cerca e trova immobili

SVIZZERA«Rifugiati? Numeri che non si vedevano dalla Seconda guerra mondiale»

27.10.22 - 15:56
Oltre ai quasi 70'000 ucraini accolti dall'inizio della guerra, sono in forte aumento le richieste d'asilo "normali".
Keystone
Fonte ats
«Rifugiati? Numeri che non si vedevano dalla Seconda guerra mondiale»
Oltre ai quasi 70'000 ucraini accolti dall'inizio della guerra, sono in forte aumento le richieste d'asilo "normali".
Attualmente vengono presentate circa 800 domande a settimana. Con la SEM che ha dovuto correre ai ripari, aprendo nuovi alloggi un po' ovunque. «Sono varie crisi che si sovrappongono».

BERNA - La Svizzera sta vivendo una situazione sul fronte dei rifugiati inedita da decenni a questa parte. «Non si registravano numeri simili dalla Seconda guerra mondiale», ha addirittura dichiarato oggi la segretaria di Stato della migrazione Christine Schraner Burgener, parlando di «crisi che si sovrappongono».

Dall'inizio della guerra in Ucraina, Berna ha accolto quasi 70'000 rifugiati scappati dal Paese invaso dai russi. Oltre a ciò, è stato fatto notare in un incontro organizzato oggi con i media a Zurigo dalla Segreteria di Stato della migrazione (SEM), si assiste a uno sviluppo che nessuno aveva previsto in primavera.

Da agosto infatti, il numero delle domande d'asilo "normali", ovvero non legate a quanto sta capitando in Ucraina, è in forte aumento. La maggior parte dei richiedenti proviene dalla Turchia o sono curdi, ma in parecchi arrivano anche dal Nord Africa e dall'Afghanistan.

Pandemia e grano
Attualmente vengono presentate 800 domande ogni settimana. Per l'intero mese di ottobre si ritiene che verrà sfondata quota 3000. Stando a quanto detto da Schraner Burgener, oltre ad aver messo i bastoni fra le ruote a chi aveva intenzione di spostarsi, la pandemia di coronavirus ha avuto ripercussioni di tipo economico. «Dove la gente era povera lo è diventata ancora di più», ha spiegato.

Vi è poi un legame indiretto con il conflitto ucraino, o meglio con le difficoltà a esportare grano. Ciò ha infatti causato una vera e propria esplosione dei prezzi di questo cereale, soprattutto in Nord Africa e Medio Oriente, e di conseguenza ulteriore miseria fra la popolazione.

«La pandemia o l'aumento del costo del grano non sono tuttavia motivi validi per chiedere asilo in Svizzera», ha precisato Schraner Burgener. «Ma le persone vengono comunque e dobbiamo rispondere alle loro richieste», ha aggiunto la 59enne, stimando che per l'insieme dell'anno la Svizzera accoglierà più di 100'000 migranti.

Centri federali stracolmi
Questo boom fa sì che tutti e sei i centri federali d'asilo siano completamente pieni. Quello di Zurigo ospita ora come ora 500 profughi, anche se sarebbe stato progettato per un massimo di 360. L'aula scolastica e la sala fitness sono pertanto già state trasformate in dormitori. «Non è ottimale e ce ne rammarichiamo, ma è meglio che dormire all'aperto», ha affermato David Keller, responsabile del team di crisi per l'asilo della Confederazione.

Vista la situazione critica, la SEM sta adottando contromisure immediate, tra cui l'apertura di nuovi alloggi. Fra questi vi sono caserme, sale multiuso e rifugi sotterranei della protezione civile. Per quanto riguarda i bunker, non vengono destinati a chi arriva direttamente da una zona di guerra.

La SEM sta pure cercando di aumentare il personale, così da poter sbrigare più velocemente la grande mole di domande. Inoltre, la Confederazione sta trasferendo ai Cantoni, in anticipo rispetto al previsto, le persone provenienti dai centri federali sovraffollati, in primis quelle per cui è stato disposto l'allontanamento dal Paese.

Durante l'inverno la SEM si aspetta che il numero di domande d'asilo cali, dato che la cosiddetta rotta balcanica dovrebbe diventare meno frequentata con la stagione fredda. D'altro canto però, le temperature più rigide potrebbero portare a un incremento dei profughi ucraini.

 

COMMENTI
 

MissKirova 1 anno fa su tio
Normale! Qui possono avere soldi senza fare niente!

coluicheguarda 1 anno fa su tio
Mi raccomando, continuate a pagare il gas alla Russia. 😅😂😂😂

Equalizer 1 anno fa su tio
C'è una grandissima differenza fra oggi ed allora, nel dopo guerra in Svizzera eravamo 4,5 milioni di persone Svizzere quindi molto più spazio sia territoriale che urbano e la esigenza dei rifugiati era la mera sopravvivenza, oggi siamo quasi 9 milioni di cui quasi 3 milioni stranieri, lo spazio e calato enormemente ed i profughi hanno ben altre aspirazioni che la solo sopravvivenza. Poi non dimentichiamo che noi non abbiamo sbocchi sul mare, i profughi non cadono dal cielo, e quindi di conseguenza non siamo il primo paese di arrivo che secondo le regole internazionali deve gestire queste persone. A dirla onestamente con le regole internazionali sulla gestione dei profughi, noi in Svizzera non dovremmo nemmeno averne se non per decisione del CF di "aiutare" altri paesi ad alleggerirsi un po' del problema.
NOTIZIE PIÙ LETTE