Cerca e trova immobili

SVIZZERAFalliti i negoziati, l'edilizia continuerà a protestare

22.10.22 - 10:11
Nessun risultato anche per il sesto round di colloqui.
Tipress
Fonte Ats
Falliti i negoziati, l'edilizia continuerà a protestare
Nessun risultato anche per il sesto round di colloqui.

BERNA - Il sesto round negoziale per il rinnovo del contratto nazionale mantello nell'edilizia non è riuscito a risolvere le divergenze fra le parti. I lavoratori continueranno quindi le loro azioni di protesta, ha indicato ieri sera Unia.

Il sindacato considera inaccettabile la richiesta avanzata dalla Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC) di allungare le giornate lavorative in estate: un attacco alla salute dei muratori, secondo i rappresentanti dei lavoratori. Unia denuncia anche il fatto che la controparte non ha presentato alcuna proposta concreta di aumento dei salari. I dipendenti chiedono la compensazione dell'inflazione e un ritocco degli stipendi reali dell'1%.

Poiché non è stata trovata una soluzione alle vertenze le azioni di protesta continueranno nelle prossime settimane nella Svizzera tedesca e in Romania, dopo essere iniziate lunedì in Ticino, ha fatto sapere il sindacato.

Da parte sua la SSIC in un comunicato afferma che le remunerazioni nell'edilizia sono già tra le più alte dei settori comparabili. Secondo gli impresari serve inoltre maggiore flessibilità. L'associazione minaccia anche di perseguire i sindacati in giustizia per violazione dell'obbligo di mantenere la pace del lavoro.
 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

spike3.0 1 anno fa su tio
Romania...mi é sfuggita l'annessione alla Confederazione, o viceversa...

F/A-19 1 anno fa su tio
Ancora un po’ che si pretende e si aumentano i prezzi non costruisce più nessuno. I sindacati devono rendersi conto che la situazione sta peggiorando e loro sono parte del problema, comunque va beh, io sto a guardare cosa succede poi se il santo non vale più la candela chiudo l’azienda e me ne vado all’estero, niente più tasse in Ticino, niente più imposte della circolazione, niente più colonne e tanta salute in più. Tanto vedo che qui più andiamo avanti e più ci sono scorrettezze in tutti i settori quindi questo gioco non è più divertente.

spike3.0 1 anno fa su tio
Risposta a F/A-19
Siamo alla canna del gas, e non é ironia...i margini sono ridotti all'osso, e finito di rosicchiare quello si chiude i battenti...i sindacati rivendicano il giusto, ma senza considerare le conseguenze disastrose che altre situazioni al di sopra di noi, già pregiudicano un'attività sana...mi sa FA/19 che ci ritroveremo presto, all'estero
NOTIZIE PIÙ LETTE