Immobili
Veicoli

SVIZZERA«Un capitolo importante per la storia svizzera»

09.06.22 - 08:47
La Confederazione si appresta a entrare per la prima volta nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
Keystone
Fonte ats
«Un capitolo importante per la storia svizzera»
La Confederazione si appresta a entrare per la prima volta nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
Il presidente Ignazio Cassis è fiducioso sull'esito della votazione: «Salvo sorprese la nostra elezione è scontata. Sarebbe il culmine di quasi quindici anni di sforzo».

BERNA - Con tutta probabilità la Svizzera entrerà per la prima volta nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per un mandato nel 2023 e 2024. Insieme alla conferenza sull'Ucraina di Lugano, questo passo rappresenta «un capitolo importante» della diplomazia elvetica, secondo il Presidente della Confederazione Ignazio Cassis.

Davanti alla stampa ieri sera a New York (questa mattina in Svizzera), Cassis è rimasto cauto, ma fiducioso ripetendo che, salvo sorprese, l'elezione è scontata. Cinque Paesi sono candidati a cinque seggi di membri non permanenti al Consiglio.

Cassis e i leader degli altri quattro Paesi hanno discusso ieri di come lavorare insieme all'interno dell'organo esecutivo delle Nazioni Unite. Tutti devono ottenere almeno due terzi dei voti dei 193 Stati dell'organizzazione.

Il presidente della Confederazione ha sottolineato che tale mandato sarebbe il culmine di quasi 15 anni di sforzo, da quando i primi preparativi per la candidatura sono stati ufficializzati poco più di dieci anni fa.

La Svizzera sarà esposta nei prossimi mesi. All'inizio di luglio, a Lugano, ospiterà la conferenza sulla ricostruzione dell'Ucraina, e poi da gennaio del prossimo anno sarà per due anni al Consiglio di sicurezza dell'Onu. «La Svizzera si trova in questo momento in un capitolo importante della sua storia in termini di politica estera», ha aggiunto il presidente.

Il voto dell'Assemblea generale dell'Onu è previsto per le 10:00 (le 16:00 in Svizzera). La Svizzera è l'unico Paese, insieme a Malta, a essere candidata per uno dei due seggi che si renderanno vacanti nel gruppo regionale occidentale per gli anni 2023-2024.

Secondo Cassis, il risultato non ha importanza, purché superi il numero di voti richiesti. Non è alla ricerca di un record. L'obiettivo è «essere eletti», ha affermato. Ha detto di avere «un'idea» di chi potrebbe non votare per la Svizzera, senza fare nomi.

La crisi in Ucraina e l'atteggiamento svizzero sulle sanzioni contro Mosca possono giocare un ruolo, ha ammesso. Ieri non ha parlato con l'ambasciatore russo Vassili Nebenzia, presente al ricevimento organizzato dai cinque candidati.

Martedì, l'ambasciatore francese Nicolas de Rivière aveva dichiarato a Keystone-ATS di aver suggerito alla Svizzera di evitare un approccio della neutralità "troppo alla lettera" in seno al Consiglio. Berna applica un diritto della neutralità «alla lettera», ma la politica di neutralità non impedisce le sanzioni né la partecipazione attiva nell'organismo delle Nazioni Unite, ha detto Cassis. Persino i russi lo sanno, ha affermato.

Paradossalmente, secondo osservatori internazionali, la lotta per il seggio è stata più accesa sul fronte interno che con gli altri Stati. Per anni, l'UDC e il suo leader Christoph Blocher hanno condotto una campagna contro la partecipazione al Consiglio di sicurezza, auspicando addirittura che la questione fosse risolta dal popolo. Il partito di destra ha cercato di opporsi a questo scenario, ma senza successo, nonostante le sessioni straordinarie nelle due Camere del Parlamento.

La Svizzera vuole contribuire a una pace duratura, proteggere la popolazione civile, lavorare per la sicurezza climatica e rafforzare l'efficacia dell'organismo. Da tempo difende una riforma del Consiglio di sicurezza, bloccato dal potere di veto dei cinque membri permanenti, Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Gran Bretagna.

Ormai, questi ultimi dovranno giustificare l'uso del veto all'Assemblea generale. Cassis vuole che la Svizzera operi da intermediaria per convincere le grandi potenze a non ricorrervi. Ha aggiunto che gli altri Paesi si aspettano che Berna adotti l'atteggiamento che ha fatto la sua «reputazione».

Il margine di manovra della Svizzera non deve essere sopravvalutato, ma sarà in grado di stabilire il tono durante il suo mese di presidenza dell'organismo delle Nazioni Unite il prossimo maggio e probabilmente nel settembre 2024. In un periodo di tensione per la guerra in Ucraina, diversi Paesi si aspettano uno sforzo elvetico per cercare di sbloccare il Consiglio di sicurezza.

COMMENTI
 
Fkevin 3 mesi fa su tio
Subito referendum. Fuori da quei sporchi affari. Ancora a dar soldi a questi pseudo organizzazioni che poi non risolvono mai niente? Mah..... Si sa come sono le persone. Avide con poco interesse.
Yoebar 3 mesi fa su tio
Un italiano che presiede la Svizzera? Andrà tutto a rotoli e abbiamo già iniziato. Già che in un anno può farne di disastri, pori num.
S.S.88 3 mesi fa su tio
Bravissimo! Quando si vota per far scendere Cassis?? Subito via dal suo incarico!
centauro 3 mesi fa su tio
Aveva rinunciato alla cittadinanza italiana, ora è al 100 % svizzero!
Renato 100 3 mesi fa su tio
ché disastro!!!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA