Immobili
Veicoli

SVIZZERAPersonale "ammalato" e voli cancellati, vacanze estive in pericolo

03.05.22 - 16:43
Il personale di bordo è stremato, tanto che Swiss ha già dovuto cancellare alcuni voli.
tipress
Fonte 20Minuten/Marcel Urech
Personale "ammalato" e voli cancellati, vacanze estive in pericolo
Il personale di bordo è stremato, tanto che Swiss ha già dovuto cancellare alcuni voli.
Alcuni esperti lanciano l'allarme: altri collegamenti potrebbero essere sospesi e, addirittura, la sicurezza dei passeggeri sarebbe a rischio.

BERNA - Al mare per godersi il sole e la spiaggia, ma talvolta anche nelle principali metropoli sparse per il mondo. È così che molti svizzeri trascorrono le loro vacanze estive. Ma ora, proprio nel periodo in cui cresce l'attesa per le tanto agognate ferie, un'azione di protesta ha fatto irruzione sulla scena turistica: Swiss ha dovuto cancellare i voli da San Paolo a Buenos Aires perché il personale di bordo si è dato malato.

In un'intervista rilasciata a 20 Minuten, i professionisti del settore hanno visto in queste assenze multiple un segnale d'avvertimento per la direzione: il personale sta attirando l'attenzione sulle cattive condizioni di lavoro. Che sarebbero così gravi da minacciare ulteriori cancellazioni di voli e, addirittura, tali da mettere in pericolo anche la sicurezza dei passeggeri.

«Altri voli saranno cancellati» - Durante le vacanze estive, la carenza di personale incontra infatti un forte aumento della domanda di voli. «Mi aspetto che il problema peggiori e che più voli vengano cancellati», dice Hansjörg Bürgi, il caporedattore di Skynews.ch. Ma la Swiss non è la sola compagnia a essere toccata dal problema: l'intero settore è alla disperata ricerca di personale e deve prepararsi a un aumento di voli soppressi. Anche un altro esperto di aviazione, che vuole rimanere anonimo, concorda con Bürgi. «La situazione per l'estate è delicata e la possibilità di ulteriori cancellazioni è sicuramente presente». Il sindacato del personale di cabina Kapers non ha voluto fare previsioni su possibili cancellazioni di voli in estate.

Swiss rassicura - Nell'estate dello scorso anno, ricordiamo, Swiss aveva annunciato la soppressione di 550 posti di lavoro. Alla fine dell'anno, tuttavia, era già diventato chiaro che la compagnia aerea sarebbe rimasta senza personale a sufficienza. Quest'anno, la compagnia aerea assumerà di nuovo alcune centinaia di persone. Sollecitata da 20Minuten, Swiss sostiene che l'orario dei voli per le vacanze non è a rischio. A San Francisco e Los Angeles, dall'inizio del mese, il personale ha di nuovo diritto a due notti invece di una sola, e sono tornati l'indennità per le ore straordinarie e il rimborso delle spese per gli arrivi in anticipo e in ritardo.

«In lacrime perché non ne possono più» - David Martinez, vicepresidente del sindacato del personale di cabina Kapers, conosce le preoccupazioni del personale: «Ci sono assistenti di volo che vengono da noi piangendo dopo i voli perché sono completamente esausti e non ne possono più», sostiene. I voli per o via San Paolo, Buenos Aires, Bangkok, Singapore, Los Angeles e San Francisco sono soggetti a cancellazioni soprattutto a causa del breve tempo di recupero.

Novembre meglio di maggio - La situazione è così critica che Swiss non avrebbe approvato le vacanze programmate dal personale di cabina per il mese di maggio. Al contrario, la compagnia aerea avrebbe "suggerito" ai dipendenti di prendere le ferie in novembre. Questa procedura ha evidentemente avuto un effetto negativo sui dipendenti. Swiss, tuttavia, sostiene che l'84% delle richieste di ferie dell'equipaggio di cabina fatte per maggio è stato approvato.

Sicurezza dei voli a rischio - Secondo l'esperta di aviazione Marion Venus, anche la sicurezza è a rischio: «Quando le giornate di lavoro durano regolarmente fino a 14 ore e i turni cambiano continuamente, possono verificarsi eccessive stanchezze, ma anche esaurimenti cronici». Con conseguenze anche fatali, dice: «Se un motore si guasta e ci si accorge troppo tardi, un aereo può precipitare molto rapidamente». Anche con il fumo a bordo, ogni secondo conta. «Consiglio alla direzione di fare il lavoro del personale di cabina per tre mesi», argomenta Venus. «Si renderebbero subito conto che le condizioni di lavoro non sono sostenibili».

 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA