Immobili
Veicoli
Ti Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VALLESE
7 min
Un bimbo scomparso (e ritrovato) a stretto giro... di Posta
Il piccolo di sette anni era sfuggito al controllo della mamma per farsi un giro sull'Autopostale.
Politica
1 ora
Il Consiglio federale «prende atto» del rapporto "Svizzera 2035"
Il documento riguarda le grandi questioni del futuro e funge da base per il prossimo programma governativo.
SVIZZERA
1 ora
Molestata dall'autista, Uber si scusa
È successo a una donna di Basilea. Dopo lo sfogo su Instagram, l'azienda ha preso provvedimenti
BERNA
1 ora
Voto elettronico, pronte le nuove basi legali
Sono ora consentiti soltanto sistemi completamente verificabili ed esaminati da esperti indipendenti su mandato di Berna
VAUD
2 ore
Suicidio collettivo a Montreux: il 15enne è fuori pericolo
Le condizione dell'adolescente sono stabili, rimane comunque sotto osservazione medica.
BERNA
3 ore
Consiglio di sicurezza dell'ONU, definite le priorità svizzere
Berna ambisce ad entrarvi come membro non permanente.
VALLESE
4 ore
Dramma familiare a Sierre: un morto
Durante la notte tra domenica 22 e lunedì 23 maggio, un adolescente ha ferito mortalmente la madre di 41 anni.
FOTO
LUCERNA
4 ore
Auto in fiamme a Sursee
L'intervento dei pompieri non ha salvato la vettura, che è andata completamente distrutta.
BERNA
4 ore
Maurer è contrario agli aiuti alle famiglie per il caro-energia
Secondo il consigliere federale «non ci sono soldi per questo».
VAUD
5 ore
Sequestrati 2.5 chili di cannabis: due minori interpellati
La polizia della Riviera aveva arrestato i due giovani in possesso degli stupefacenti il 4 maggio scorso.
GINEVRA
5 ore
Candidato per i Verdi? Tra i requisiti: non mangiare carne
«Non possiamo dire agli elettori di moderare i consumi dei derivati animali, se i nostri rappresentanti ne sono ingordi»
SVIZZERA
6 ore
Tragica sorte per le api svizzere
Il 21.4% delle colonie non è sopravvissuto all'inverno. Apisuisse: «Perdita più alta degli ultimi dieci anni».
FOTO
ARGOVIA
6 ore
Vandalo in manette a Wohlen: «Danni per centomila franchi»
Vetrine di negozi sfondate e parabrezza infranti: la polizia ha arrestato un 25enne italiano senza fissa dimora.
SVIZZERA
07.01.2022 - 18:370
Aggiornamento : 22:17

Per scongiurare un collasso la Svizzera può agire su tre fronti

A causa dell'ondata di casi di Omicron, in Svizzera oltre 100mila persone si trovano in isolamento o in quarantena.

L'assenza di personale sta mettendo a rischio l'erogazione di alcuni servizi fondamentali. Gli esperti discutono di tre possibili soluzioni

BERNA - In Svizzera oltre 100mila persone si trovano attualmente in isolamento o in quarantena a causa di un'infezione da coronavirus. Una settimana fa erano poco più della metà. La fine della rapida espansione di Omicron, insomma, non è in vista. Di conseguenza, per il settore dei trasporti pubblici, del commercio al dettaglio, degli ospedali e di altri servizi fondamentali il rischio di un collasso imminente del sistema diventa ogni giorno più probabile. Ma quali opzioni ha la Svizzera per evitarlo?

Il problema principale è che tutti coloro che vengono infettati della variante altamente contagiosa Omicron devono essere isolati. «Dev'essere così perché queste persone possono diffondere il virus nonostante siano state vaccinate due o tre volte», ha spiegato l'infettivologo ticinese Andreas Cerny a 20 Minuten. Con vaccino e dose booster il rischio di ammalarsi gravemente è minore, ma si può ancora trasmettere il virus. E visto che circa un milione di persone in Svizzera non sono ancora vaccinate, secondo la task force federale non si può escludere un collasso del sistema sanitario in caso d'infezione troppo rapida.

Soluzione 1: un periodo d'isolamento ridotto
Per evitare che ciò accada, in diversi paesi è attualmente in discussione un isolamento abbreviato di cinque giorni per le persone infette (lo hanno già introdotto gli Stati Uniti). Anche in Svizzera se ne stanno occupando le autorità: contattato dal quotidiano svizzero-tedesco, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha comunicato che è attualmente in fase di valutazione la durata dell'isolamento. Se necessario, potrebbero essere apportati degli adeguamenti, tuttavia la decisione spetta al Consiglio federale.

Per il virologo Didier Trono, esperto di diagnostica e test presso la task force Covid-19, la situazione è chiara: «Date le decine di migliaia di persone in isolamento o in quarantena, dobbiamo discutere di un periodo di isolamento più breve». Non è però facile concordare un modello che abbia un senso epidemiologico, economico e sociale. «Penso che abbia senso liberare in anticipo dall'isolamento le persone vaccinate tre volte e con un PCR negativo, in modo da evitare l'imminente collasso delle infrastrutture in vari settori».

La pensa diversamente Andreas Cerny: «Non sarebbe opportuno allentare ora le misure di isolamento. Il virus, in particolare Omicron, è estremamente contagioso, quindi c'è un grande rischio di infettare altre persone, soprattutto non vaccinate». Inoltre, c'è ancora un grande deficit di conoscenza per quanto riguarda il Long Covid. Ma è certo che anche le persone con decorso lieve della malattia possono sviluppare anche il Long Covid.

Soluzione 2: misure più rigorose
Una seconda possibilità è quella d'inasprire le misure per tenere sotto controllo i numeri dei contagi. La task force federale avverte da tempo che sono necessarie restrizioni più severe per limitare i contatti. Anche Cerny vede le misure estese come una soluzione adeguata: in Ticino, ad esempio, da lunedì entra in vigore l'obbligo di mascherina fin dalla prima elementare, mentre nei grandi eventi potranno esserci solo i due terzi degli spettatori previsti e ci sarà anche il 2G e l'obbligo di mascherina.
 
Secondo il ministro della Salute Alain Berset, l'inasprimento potrebbe essere imminente. Mercoledì aveva scritto su Twitter: «L'economia deve prepararsi a ulteriori assenze e fare tutto il possibile per evitare i contagi. Sono pronte misure più severe, comprese le chiusure. In caso di necessità, il Consiglio federale può decidere rapidamente».

Soluzione 3: vaccinazione obbligatoria
Per il virologo Didier Trono è chiaro che una vaccinazione obbligatoria deve essere presa seriamente in considerazione: «Alla luce del milione di persone ancora non vaccinate in Svizzera e quindi completamente esposte a un'infezione da Omicron o a possibili future varianti, il vaccino obbligatorio potrebbe essere necessario per mantenere in funzione il nostro sistema sanitario e la nostra economia».

Per Trono, la vaccinazione obbligatoria per gli operatori sanitari come in Francia, per i gruppi a rischio come in Italia o per tutti come in Austria dovrebbe essere presa seriamente in considerazione. Politicamente, tuttavia, l'idea della vaccinazione obbligatoria non incontra molti consensi.
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 15:07:23 | 91.208.130.89