ZURIGOGli svizzeri sono più antisociali che mai

03.01.22 - 12:15
Secondo l'ultimo barometro della speranza, le persone sono meno altruiste e unite.
20min/Taddeo Cerletti
Fonte 20 Minuten/BZ
Gli svizzeri sono più antisociali che mai
Secondo l'ultimo barometro della speranza, le persone sono meno altruiste e unite.
Dallo studio emerge che i legami sociali sono scesi ai minimi storici.

ZURIGO - Le misure per contrastare il Coronavirus, così come i vaccini, hanno diviso gli svizzeri nel 2021. Da un lato c'è stata la "maggioranza silenziosa" che si è vaccinata rapidamente e ha visto le misure come una rapida via d'uscita dalla crisi. D'altra ci sono i "critici", che si sono ribellati alla "dittatura dello Stato" e alla "pressione dei vaccini". Ciò ha lasciato un segno sul sentimento di solidarietà nazionale.

«Rispetto agli anni precedenti, i legami sociali sono scesi ai minimi storici a causa di questa divisione», afferma Andreas M. Krafft, autore dello studio dietro l'attuale barometro della speranza, futurologo e membro del consiglio di amministrazione di Swissfuture.

Solo il 68% è altruista - Nel 2021, la disponibilità ad aiutare altre persone è diminuita al 68 percento, come mostra l'Hope Barometer 2022 dell'Università di San Gallo e di Swissfuture. Un anno fa, lo stesso dato era al 72%.

Da un quarto a un terzo della popolazione ha sperimentato solo "in minima parte" un legame più stretto con altre persone, mentre solo il 15,7% ne ha sperimentato uno "particolarmente forte".

La solidarietà sociale si è sviluppata in positivo solo "leggermente" o "per nulla" per i due terzi degli intervistati. Solo per un terzo della popolazione il legame con le altre persone è notevolmente aumentato nel corso dell'anno.

Ciò ha influito anche sul supporto emotivo. Più di tre quarti degli intervistati in Svizzera si sono sentiti trasportati emotivamente da altre persone "a malapena" o "per niente". Il 23 percento ha affermato di sentirsi supportato emotivamente "abbastanza spesso".

«Questo fuoco è in gran parte spento» - Secondo il barometro della speranza, la disponibilità ad aiutare altre persone è diminuita a causa del peso della pandemia, sostenuto a lungo e foriero di tensioni sociali.

Nel 2020 le persone avevano provato un forte senso di solidarietà nello sforzo di superare la crisi, afferma Krafft. «Ora questo fuoco dell'"affrontiamolo insieme" è in gran parte estinto». Dopo quasi due anni di pandemia, le persone sono disilluse e stanche. «Ciò porta spesso a una situazione in cui ti concentri principalmente su te stesso e ti aspetti più responsabilità dagli altri».

Altri paesi sono più solidali - Amicizie e famiglia hanno sofferto particolarmente del problema vaccini, stando a Krafft. La popolazione si fida meno degli altri a causa delle differenze di opinione su questioni così fondamentali. «Di conseguenza ti chiudi in te stesso».

In altri paesi, invece, il senso di solidarietà ha subito meno danni. «In Portogallo, ad esempio, c'è ancora un grande sostegno sociale». Ciò dipende in gran parte dal fatto che la grande maggioranza della popolazione è stata vaccinata, quindi c'è meno tensione.

Ci vuole connessione e sicurezza - «Nella situazione attuale dobbiamo mostrare alle persone con opinioni diverse ancora più comprensione e rispetto» sottolinea l'esperto. Molti si sarebbero infatti sentiti lasciati soli. «Per ripristinare il necessario senso di comunità, c'è bisogno di una certa solidarietà e sicurezza».

NOTIZIE PIÙ LETTE