Immobili
Veicoli
Depositphotos (deeblue)
Si deve fare di più contro la violenza domestica in Svizzera.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Attualità
5 min
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
19 min
In aumento le aggressioni omofobe
Nel 2021 la “LGBT+ Helpline” ha ricevuto una novantina di segnalazioni
SVIZZERA
52 min
Pazienti soddisfatti degli ospedali svizzeri
La valutazione è positiva per il soggiorno e la medicina somatica acuta, meno per la dimissione e la qualità delle cure
ZURIGO
1 ora
Gli agenti hanno raggiunto l'uomo esagitato sulla gru
I servizi di emergenza sono riusciti a recuperare il forsennato sulla gru di un cantiere di Zurigo
SVIZZERA
2 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
2 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
4 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
BASILEA CAMPAGNA
4 ore
Ciclista in stato di ebbrezza cade e si ferisce
L'uomo aveva un tasso alcolemico nel sangue dello 0,96 per mille
SVIZZERA
6 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
16 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
17 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
SVIZZERA
10.12.2021 - 12:090

Bisogna agire a più livelli per contrastare la violenza domestica, secondo il governo

Il 40% degli omicidi in Svizzera avviene all'interno della coppia, nel 90% dei casi le vittime sono donne

BERNA - La violenza domestica, di cui sono vittime soprattutto le donne, è un problema in Svizzera. Lo indica un comunicato governativo odierno in cui si sottolinea di voler togliere ancora spazio all'uso criminale delle armi e sensibilizzare gli specialisti del sistema sanitario al fenomeno.

Stando al comunicato, basato su un rapporto redatto da un team esterno di ricercatrici in risposta a un postulato e approvato oggi dall'esecutivo, benché il numero complessivo degli omicidi sia basso in Svizzera, ben il 40% di tali crimini è commesso all'interno della coppia. Nel 90% dei casi le vittime sono donne. Per il rapporto, la quota di omicidi nelle relazioni di coppia registrata nella Confederazione è alta anche nel confronto internazionale.

Le cause - La causa principale sono una separazione avvenuta o imminente o l'intenzione espressa di separarsi. Fattori di rischio elevato sono inoltre violenze domestiche pregresse, controllo ossessivo, gelosia e stalking. Altri fattori scatenanti sono il possesso d'armi, il consumo di alcol o droga e le difficoltà finanziarie. Il 43% degli autori e delle autrici, spiega una nota governativa odierna, avevano già commesso atti di violenza domestica in precedenza ed erano noti alla polizia, un terzo erano pregiudicati.

Gli autori - Nove omicidi su 10 sono stati perpetrati da uomini. Il 44% degli autori e delle autrici e il 37% delle vittime possedeva una cittadinanza straniera. Un quarto degli omicidi si sono conclusi con il suicidio dell'autore o dell'autrice (cosiddetti omicidi-suicidi).

Le cifre per la Svizzera mostrano che l'89% delle persone sospettate di omicidio nella sfera domestica - il 79% dei quali uomini - appartengono alla popolazione residente permanente e che l'11% non ha una residenza fissa nella Confederazione. La metà sono svizzeri e il 38% sono stranieri con residenza permanente in Svizzera. In relazione alla popolazione generale, la proporzione di stranieri è quindi molto più elevata di quella degli svizzeri, indica il rapporto.

Le contromisure in corso - Secondo il Governo, per combattere efficacemente gravi atti di violenza bisogna agire a più livelli. È necessario tra l'altro rafforzare la prevenzione e la rilevazione precoce, migliorare l'analisi dei rischi e il sostegno alle vittime di violenza domestica e togliere linfa alle concezioni della virilità che favoriscono la violenza.

Nel quadro dell'attuazione della Convenzione di Istanbul, il 30 aprile 2021 Confederazione, Cantoni e organizzazioni della società civile hanno adottato una roadmap per il rafforzamento della lotta alla violenza domestica e il miglioramento della protezione delle vittime. Da quest'anno, inoltre, la Confederazione ha a disposizione un credito annuo di tre milioni di franchi per il sostegno di progetti di prevenzione e lotta alla violenza sulle donne e alla violenza domestica.

Il prossimo futuro - Oltre alle misure già in corso o previste, l'esecutivo propone tra l'altro di togliere ulteriormente spazio all'uso criminale delle armi e di sensibilizzare gli specialisti e le specialiste del sistema sanitario sulla violenza domestica. Alcune di queste nuove misure sono accolte e concretizzate nel Piano d'azione nazionale per l'attuazione della Convenzione di Istanbul.

I numeri - Dalle statistiche criminali di polizia risulta che in Svizzera sono stati commessi nel complesso 479 omicidi tra il 2011 e il 2020. Delle persone uccise, 255 (53%) avevano un rapporto familiare o di partenariato con la persona imputata. Delle 147 persone uccise nel contesto di una relazione o dall'ex partner, 134 (91%) erano donne.

Nello stesso periodo, il mezzo più utilizzato per gli omicidi sono state le armi da fuoco (31%), seguite dalle armi affilate o appuntite (27%) e dalla violenza fisica (22%).

Col sostegno dell'Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo, l'Ufficio federale di statistica sta svolgendo una rilevazione supplementare sulle circostanze, i moventi e le cause degli omicidi e dei tentati omicidi i cui risultati saranno presumibilmente pubblicati nel 2025.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-17 12:56:00 | 91.208.130.87